Quando Wojtila disse: le forzate uniformità mortificano l’Italia

papa giovanni paolo ii wojtyladi Carol Wojtila – Seguendo con attenzione amica il cammino di questa grande nazione, sono indotto inoltre a ritenere che, per meglio esprimere le sue doti caratteristiche, essa abbia bisogno di incrementare la sua solidarietà e coesione interna. Per le ricchezze della sua lunga storia, come per la molteplicità e vivacità delle presenze e iniziative sociali, culturali ed economiche che variamente configurano le sue genti e il suo territorio, la realtà dell’Italia è certamente assai complessa e sarebbe impoverita e mortificata da forzate uniformità.

         La via che consente di mantenere e valorizzare le differenze, senza che queste diventino motivi di contrapposizione e ostacoli al comune progresso, è quella di una sincera e leale solidarietà. Essa ha profonde radici nell’animo e nei costumi del popolo italiano e attualmente si esprime, tra l’altro, in numerose e benemerite forme di volontariato. Ma di essa si avverte il bisogno anche nei rapporti tra le molteplici componenti sociali della popolazione e le diverse aree geografiche in cui essa è distribuita.

da l’intervento al Parlamento italiano, anno 2002

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. caterina says:

    molto più vicino al sentire europeo che non l’attuale Papa, che risente di un’emigrazione, magari obbligata dalla necessità, nell’America del sud e ha sedimentato valori antichi ma ha perso la sensibilità che si aspettano i cattolici europei… riflette una storia studiata sui libri ma non vissuta dalle nostre parti in una continuità di vicende che hanno coinvolto tutti i popoli europei.

Leave a Comment