Quando la Lega era armata di manico

camera boldrini

di STEFANIA PIAZZO – Averne, oggi, di “bonazze” come Margherita Boniver, in politica. Bonazze di testa, cervelli politici elaborati che farebbero fare al Paese figure migliori della Mogherini in politica estera. Migliori rispetto alla Boldrini o alla Boschi… Neanche a dirlo! Ma erano altri tempi e c’erano altri contesti, come quelli di una Pontida anomala spostata per fango nel palazzetto dello sport di Curno. Ero sotto il palco con Cristina Malaguti ed Elisabetta Castellazzi quando Bossi esordì col gesto dell’ombrello, rivendicando per la Lega la durezza di manico.

Era il 26 settembre del 1993 e di Pontida se ne facevano anche più di una all’anno. Fu tale il boato della folla che si fece fatica a capire il finale. “Cosa ha detto??”. “Di manico”, mi rispose l’amica Castellazzi nel frastuono e nel rimbombo della scatola di cemento.

Margherita Boniver era “colpevole” di aver  insinuato di una Lega in armi. E  Bossi così replicò: “Cara Boniver, cara bona, la Lega non ha bisogno di armarsi, noi siamo sempre armati, cara bonazza nostra noi siamo sempre armati di manico”.

Fu subito scandalo linguistico. Politico. Ma a distanza di anni, cessate certe ostilità, smussati gli angoli, le volgarità lessicali assumono quasi un tono retrò e col senno di poi comprendi meglio il senso. Bossi infatti aveva detto:  “Loro pensano che la legalità coincida col Palazzo. Non è la Lega che è illegale perché spinge per le elezioni ma sono questi signori, è il presidente della Repubblica che è illegale”. Ecco. Non per fare l’esegesi  del testo bossiano, ma giusto per intendere che dietro l’uscita da osteria del porto c’era un messaggio più profondo: se si va a votare adesso, vedete che botto fa la Lega. Siamo armati di voti”.

Chiaramente era più comodo liquidare Bossi come un politico volgarotto e triviale, maschilista, un barbaro, piuttosto che andare a fondo del messaggio politico. Dell’avvertimento, che era più pesante dell’uscita contro la Boniver.

La scorsa estate, ricorderete,  la polemica si spostò su Matteo Salvini alla festa della Lega a Soncino, con i paragoni alla bambola gonfiabile e la terza carica dello Stato, il presidente della Camera Boldrini.

Sentite cosa disse Bossi:

“Io avrei chiesto scusa e avrei evitato quel gesto. Non si fa politica così”. Interpellato dalla Agenzia ‘Dire’, il Senatur, che si trovava a Montecitorio per partecipare ai lavori d’aula, commenta: “Io faccio le polemiche solo a sfondo politico. Quel paragone non ha nulla di politico. Non riesco proprio a capire il riferimento a sfondo sessuale”. Il leader della Lega ha trasceso? “Sì”, risponde Bossi, che aggiunge: “Io avrei chiesto scusa. Anzi, non avrei fatto proprio quel gesto”. Altri tempi, altri manici?

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Renato says:

    In tempi ormai molto lontani, scrissi a Bossi, al senato, per sapere cosa dovessi fare per aderire alla Lega Lombarda, che a Milano aveva allora solo una segreteria telefonica al Pirellone come punto di riferimento. Bossi era colui che, fondando il suo movimento, aveva dimostrato di avere il coraggio e la determinazione che ad altri mancavano. In seguito, nel corso degli anni mi accorsi che oltre al coraggio aveva anche certe attitudini che non si confacevano ad un parlamentare (di quei tempi) ed una visione ristretta sul modo di condurre il movimento/partito. Non appena un collaboratore, indipendentemente dall’incarico assegnatogli, dava prova di capacità che in qualche modo potevano offuscare l’alone che lo circondava, lo allontanava. Una chiara forma di insicurezza che lo privò di assistenti validi. Coerentemente, si circondò di personaggi che, oltre all’ambiguità, si dimostrarono delle mezze calzette. Non sono (solo) gli attuali dirigenti che hanno portato alla disintegrazione della Lega Nord ! Bossi si permette di criticare il comportamento inurbano/triviale di chi oggi conduce la Lega Nord, dimentico delle innumerevoli volgarità che ci elargì con vanto e strafottenza, persino in parlamento, facendoci talvolta vergognare di essere leghisti. La cosa migliore che possa fare oggi è di ritirarsi in buon ordine, in sordina. Forse così riuscirà a lasciare un buon ricordo di sè.

Leave a Comment