Quando il Financial Times scriveva: meglio un’Europa a più velocità

financial_times

di ANGELO VALENTINO – ”L’euro e’ un capro espiatorio per gli errori dei politici”: non e’ stato l’euro che ha prevenuto una ristrutturazione del debito e delle banche e non e’ stato l’euro che ha spinto una politica di austerity. Lo afferma il Financial Times, in un’editoriale di Martin Sandbu, sottolineando che ”in tutti i casi sono stati i volontari errori politici. Con migliori scelte politiche all’inizio della crisi, l’area euro non avrebbe perso la sua strada verso un’unione che pochi sembrano volere”. ”La commissione europea dovrebbe abbandonare la tradizione del ‘metodo comunitario’ in base alla quale tutti devono integrarsi sulla stessa strada e alla stessa velocita’. Il suo compito dovrebbe essere quello di facilitare una coalizione di intenti e di volonta”’ riporta il Financial Times. ”Gli stati membri dovrebbero concentrarsi meno su quello che gli altri stati possono fare per loro e di piu’ nel cercare partner per perseguire l’integrazione che vogliono. Chi propone un’unione energetica dovrebbe iniziarla farla. Chi propone gli eurobond dovrebbe iniziare con esperimenti su piccola scala con i partner che sono disponibili. Non c’e’ bisogno di aspettare Godot nella forma della Germania che sottoscrive”. Era l’estate del 2014!

Oggi c’è chi pensa che l’Italia poss avere la stessa velocità. Da Nord a Sud.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

Leave a Comment