Quando Ida Magli scrisse alla Lega: fermate l’impero europeo

euro_maglidi IDA MAGLI – Gentile e caro Fondatore della Lega Nord, mi rivolgo a lei in un momento determinante per la sopravvivenza della libertà, della cultura, così come per la stessa sopravvivenza fisica degli Italiani. So bene quanto possa apparire assurdo chiedere aiuto proprio a Lei che ha dato inizio alle sue battaglie politiche negando che l’Italia esista come Nazione, come unica “patria” e unica “madre” di coloro che vi nascono e vi vivono. Ma io lo faccio con la fiducia che mi viene dalla sicurezza che Lei non è un vigliacco, un traditore di coloro che votano per Lei, come lo sono sempre stati (salvo poche eccezioni qua e là nello scorrere dei secoli) tutti coloro che ci hanno governato e ci governano.

Il punto, in brevissima sintesi, è questo. L’Impero Europeo ha tolto anche a Lei e ai cittadini riuniti nella Lega Nord, qualsiasi possibilità di azione libera, nei poteri locali come in quelli nazionali. Si tratta di un impero totalitario, dittatoriale, quale non era mai stato né ideato né messo in atto da nessun tiranno o despota, per un motivo che viene colto con difficoltà dai popoli e dai singoli uomini: annienta il pensiero; vieta l’esercizio della caratteristica precipua della specie umana: il criterio del giudizio. Né ci sono possibilità di aggiustamenti parziali: o si esce subito dall’Unione europea oppure, non appena ratificata la delega della sovranità giuridica dall’Italia alla Procura europea, non ci rimarrà che tacere, assistere all’eliminazione totale dei “diversi” (prosecuzione del progetto tedesco hitleriano), con l’eliminazione della categoria concettuale della diversità, che è, con tutta evidenza, un’idea psicotica. Se invece ci azzarderemo a parlare, dovremo subire processi, in lingue e codici sconosciuti, che né Dostoiewski né Kafka avrebbero mai potuto immaginare.

Io le propongo di cambiare la sua azione politica in modo da salvare non soltanto i “suoi”, ma tutti gli Italiani. Non solo le tradizioni locali, ma la straordinaria produzione intellettuale, artistica, musicale, scientifica che l’Italia ha donato al mondo. Le propongo, insomma, di trasformare il suo partito nell’unico partito veramente nazionale, che si batte per l’Italia, solo e soltanto per l’Italia, per salvare la lingua, la cultura, la storia, l’identità dell’Italia. Io sono sicura (ma forse Lei lo sa meglio di me ) che l’Unione europea è stata creata appositamente per distruggere la cultura d’Occidente e trasferire, con la presenza fisica di credenti musulmani, l’islamismo in Europa.

Mi permetta di sottolineare, nella mia qualità professionale di antropologo, che ogni religione è una cultura, che nessuna religione sussiste priva della cultura che l’ha prodotta, quindi neanche il cristianesimo. I famosi “dialoghi interreligiosi” che vanno tanto di moda, sono soltanto trappole per coloro che, come è ormai da lungo tempo stabilito, debbono essere sopraffatti attraverso la loro stessa “bontà”, o meglio la loro stupida “vigliaccheria!”. Non si può agire contro l’Unione europea senza appellarsi all’Italia come Stato, come Nazione. Faccia Lei nella verità ciò che i politici italiani vanno facendo nell’inganno e nella truffa perché sanno bene che è soltanto nel nome della patria che si conquista il cuore degli Italiani: dichiari agli Italiani che vuol conservare loro la Patria, la Storia, il Pensiero, e anche quel Cristianesimo che Wojtyla ha quasi del tutto fatto annegare nell’Antico Testamento e nell’indifferenza. I Suoi, caro Bossi, di Lei si fidano, in Lei credono: spieghi loro qual è la situazione. Io so, per aver avuto molto spesso il piacere di un contatto diretto con i Leghisti, che essi sono gli unici, fra gli Italiani, che conoscono i  problemi politici, economici, religiosi, culturali che ci opprimono, e sono sicura che capiranno.

Così come sono certa che non possono amare, come amano, Giuseppe Verdi e non amare Vincenzo Bellini (davanti al quale Verdi si commuoveva), quella “Casta Diva” che Riccardo Muti ha fatto risuonare perfino in Siria, in un teatro costruito dai Romani, soltanto perché Bellini è nato a Catania. È questa la nostra ricchezza, la nostra forza, quella che non possiamo lasciar distruggere da chi, come gli islamici , non ama le “forme” perché è il pensiero critico che crea, che costruisce le ”forme”, l’arte, la musica, la scienza, l’ininterrotta domanda del “dubbio” che fa crescere qualsiasi sapere. L’Unione europea segue lo stesso principio distruttivo delle forme: elimina confini, lingue, culture, monete… è nata già islamica, e totalitaria come l’islamismo.
La prego, caro Bossi: rimanga nella realtà, salvi l’Italia. Rimarrà anche nella storia.
Ida Magli

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. caterina says:

    concordo con Giancarlo: la salvezza non è nell’Italia, ma nella libertà assoluta dei Popoli che sono i veri custodi della terra che abitano, i veri creatori di civiltà, araba, cristiana o induista che sia… Il principio invece cui tutti dovrebbero ispirarsi è la non belligeranza, e gli intellettuali politici o pensatori presenti in ciascuna identità sarebbe ora che alla realizzazione di questo principio dedicassero le loro energie.. sempre che abbiano aspirazioni veramente umaniste/umanitarie e non solo egoistiche…

  2. giancarlo says:

    Vorrei sommessamente far presente che i politici italiani come per quelli europei preme innanzitutto che i Popoli non possano essere troppo vicini a coloro che li governano o sgovernano.
    Infatti se guardiamo all’italia, roma è posta nel centro italia abbastanza lontano da tutti i cittadini e quindi poco controllabile. Persino Roma ha avuto sindaci diversi e di diversi partiti ma sta soccombendo ai debiti accumulati, al disordine, alla sporcizia e al degrado generale.
    Chi controlla ??
    Creare l’Europa è stata la stessa cosa, Bruxelles si trova sempre molto lontano da tutti ed è praticamente inavvicinabile da parte dei cittadini se volessero metterci il becco per controllare i signori politici.
    Per riassumere la tendenza in Europa è sempre la stessa. Prima si eliminano diverse comunità anche se millenarie o secolari per riunirle a forza in un unico stato. Poi si passa alla seconda fase che è stata quella di creare l’unione europea mantenendo gli stati ottocenteschi.
    I risultati si vedono. L’italia come nazione è miseramente fallita e ogni giorno il debito pubblico accumulato è lì a dimostrarcelo…..e continua ad aumentare. L’europa è diventata un manipolo di burocrati con sedi, parlamenti etc.. che costano agli europei miliardi di miliardi. Insomma i politici creano più poltrone per loro ma difficilmente più democrazia, più trasparenza, più libertà.
    Sembra di vedere l’Ex Unione Sovietica miseramente morta e sepolta.
    La Catalogna lo dimostra. Siamo in una fase di crisi generale che potrebbe far esplodere le incongruenze e le diversità sia all’interno dei singoli stati sia all’interno delle stesse istituzioni europee.
    I motivi sono e saranno sempre gli stessi….economia ed identità.
    Nulla è eterno e tutto è modificabile, specie se in meglio.
    Il meglio non è continuare a fabbricare conglomerati disomogenei, ma liberare sia all’interno dei singoli stati, quindi anche nell’europa le realtà economiche più forti ed intraprendenti e liberarle come si fa con i cani quando si vuole fermare dei ladri.
    Il federalismo è l’unica via praticabile. Gli Stati Uniti d’Europa dovranno essere gli Stati uniti regionali sulla falsa riga dei Lander tedeschi e l’eliminazione una volta per tutte degli stati ottocenteschi che sinora mi pare hanno dato dimostrazione di non sapere ma soprattutto di non potere migliorare le condizioni di vita dei propri cittadini se non creando mostruosi debiti pubblici anch’essi frutto della demenza dei politici i quali non hanno trovato di meglio che delegare a privati il compito di gestire le banche centrali, le monete e la finanza in generale. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, tranne di coloro che continuano a perseguire strade perverse, consapevoli di farlo, ma testardi nel continuare a sbagliare.
    Sono sicuro che siamo arrivati ad un punto di rottura e non posso prevedere i tempi ma solamente che ciò dovrà avvenire e cioè la fine del mondialismo per come ce lo hanno imposto e l’inizio di un nuovo sistema mondiale basato sulla libertà assoluta dei Popoli e delle nuove nazioni che dovranno nascere.
    Qui i politici dovranno fare ciò che va fatto e tutto dovrà essere regolamentato su basi etiche e realistiche senza se e senza ma. Solo allora il mondo sarà migliore e la pace generale un traguardo molto vicino.
    WSM

Leave a Comment