ProLombardia ricorda il 25 aprile che chiuse col fascismo

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Il presente comunicato è scritto e divulgato anche in una delle varianti della lingua lombarda per ricordare il tentativo criminale del fascismo di eliminare le lingue locali

Oggi Pro Lombardia Indipendenza, insieme a tutto il popolo lombardo, si ferma per ricordare la fine di un regime che per vent’anni ha privato la nostra terra dei più basilari diritti democratici. Un regime dittatoriale che per vent’anni ha perseguitato il popolo lombardo politicamente, socialmente e culturalmente, così come gli altri popoli soggiogati dall’italia. Un regime che ha cercato di imporre un’identità nazionale volgarmente mutuata dalla simbologia dell’antica Roma, distruggendo il patrimonio linguistico e culturale del nostro popolo. Oggi ricordiamo la fine di un regime totalitario e guerrafondaio, che ha portato la Lombardia in un’ennesima, fallimentare avventura bellica. Ma ricordiamo anche la forza e la determinazione che hanno spinto non solo i lombardi, ma anche gli altri popoli oppressi, a resistere a questo regime, dando vita ad un movimento di liberazione fondamentale per la sua caduta. Oggi pertanto non è un giorno di doloroso ricordo ma di speranza, e di fiducia nella capacità del nostro popolo di resistere all’oppressione. E nonostante la Repubblica sorta da quel regime abbia continuato nel tentativo di creare coattivamente un’identità nazionale inesistente, noi abbiamo fiducia che il popolo lombardo possa ancora una volta resistere ad uno stato che continua a negare il suo diritto all’autodeterminazione. Oggi ricordiamo la vittoria della democrazia sulla dittatura, dei diritti sui privilegi. Ma guardiamo anche al futuro, sperando che lo stesso spirito di libertà spinga la Lombardia e tutte le nazioni oppresse dall’italia verso la futura e democratica Europa dei popoli.

Traduzione in lingua lombarda:

Incoeu Pro lombardia indipendenza, insèma a tutt el popol lombard, se ferma par fà memoria de la fin de on regimm che par vint agn el gh’haa privaa la nostra tera di pussè fondamentai diritti democratich. On regimm dittatorial che par vin agn el gh’haa perseguitaa el popol lombard politicament, socialment e culturalment, inscì’me i alter popol s’ciavizzaa da l’italia. On regimm che’l gh’haa cercaa de impònn ona identità nazional volgarment motoaa da la simbòlogia de l’antiga Roma, trand giò el patrimoni linguistich e cultural de’l noster popol. Incoeu numm fèmm memoria de la fin de on regimm totalitari e facinoros, che l’haa menaa la Lombardia in d’ona ulteriora, fallimentar avventura de guèrra.ma fèmm memoria anca de la fòrza e determinazion che i hann ruzaa minga dumà i lombard, ma anca i alter popol schisciaa giò, a resist a quest regimm, dand vita a on moviment de liberazion fondamental par la so tòma. Incoeu donca l’è minga on dì de doloros regòrd ma de speranza, e de fed ne la capazzità de’l noter popol de resist a l’oppresion. E impunemanch la Republica levada su da quèll regimm la gh’abbia seguitaa in del tentativ de creà cont la fòrza on’identità nazional inesistent, numm gh’hemm fed che el popol lombard poda ancamò ona volta resist contra ono stat che’l seguita a negà el so diritt a l’autodeterminazion. Incoeu fèmm memoria de la vittòria de la democrazia sora la dittatura, de i diritti sura i privileg. Ma vardum anca al futur, sperand che l’istess spirit de libertà el ruza la Lombardia e tutt i nazion schisciaa giò da l’italia vèrs la futura Europa di popol.

Juri Orsi – Sez. Insubria

ProLombardia Indipendenza

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment