Prefetti di nuovo alla carica. Seconde case vuote agli immigrati. La proprietà privata è un lusso

case esterodi MARCELLO RICCI – Forse i lettori ricorderanno una mia nota politica nella quale prevedevo che, a breve, per dare alloggio agli invasori clandestini, dopo le caserme vuote e i locali non utilizzati si sarebbe passati ad occupare le abitazioni vuote (seconde case). Nella stessa nota si rilevava che il diritto di proprietà  sarebbe stato superato dal dovere di fornire un tetto a chi arriva. Non è consentito lasciare esseri umani senza un tetto. Che il senso umano cancelli ogni altra legge è nell’ordine delle cose. Lo ha detto e ribadito a più riprese anche Bergoglio.

Il problema non nasce da criteri etici, umanitari, conseguenti ad un evento catastrofico come il terremoto, ma dalla necessità di fronteggiare “uno stato emergenziale” che per il protrarsi e il moltiplicarsi nel numero e nel tempo diventa realtà quotidiana. Si trasforma lo straordinario in ordinario.  La tv  l’altro giorno ha dato notizia che il Prefetto di una città della  Sicilia, non sapendo come sistemare i clandestini, ha ordinato l’utilizzazione delle case vuote (seconde case o abitazioni non affittate). L’accoglienza prevale sul diritto di proprietà. Si deve essere generosi e ovviamente i proprietari, sudditi disciplinati, dovranno farsi carico di tutte le tasse – non poche- che gravano sull’edilizia privata. Non basta. Anche le utenze dovranno pagarle i proprietari, colpevoli di possedere un seconda casa, molte vuote perché ancora di cerca dell’affittuario. Il “ padrone” spesso è un pensionato con modesto vitalizio che con la seconda casa sperava di integrare il modesto reddito. Non conta. Il clandestino prima di tutto!

Ma,  si è certi che ogni siciliano sia un “babbu leto” (scemo contento)?  Esaurite le seconde case o case  non abitate e continuando come è certo l’afflusso di clandestini – attualmente il 10%- della popolazione italiana, si passerà alla coabitazione imposta  prima a chi dispone di alloggi ampi per giungere a quanto avvenne nella Russia  nell’era di Stalin?  La “ kommunalka “ era l’abitazione dove varie famiglie convivevano con una cucina e un cesso in comune. Usavano pentole con lucchetto per difendere il proprio cibo. Si vive in un stato che non difende, non è capace, ma offende e ci riesce. Chi ha disposto in Sicilia  l’occupazione delle  case  libere?  Il Prefetto. Già, i prefetti, rappresentanti dello stato. Governo debole con i potenti, arrogante e prevaricatore con i deboli. I sudditi sono tali perché deboli, non raccoglie i sassi e non li scaglia contro chi li opprime.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

3 Comments

  1. Fil de fer says:

    Caro Luigi Bandiera, non solo l’art. 21 che citi, ma tutti gli altri ?? Che fine hanno fatto.
    Ci rendiamo conto che molti degli articoli della costituzione sono disattesi, non applicati o addirittura ignorati o “raggirati” quando conviene ai manovratori di turno ?!
    Penso che oggi abbiamo un ministro degli interni che farebbe bene a cambiare mestiere, visto che alle prossime elezioni o entra nel PD o non entra da nessuna parte dentro al parlamento.
    Lo stato italiota è vecchio, decrepito , obsoleto ed incapace di stare dietro ai cambiamenti epocali che ci circondano e che qui in italia sembra non esistano. Siamo agli ultimi posti quasi in tutto, ma se guardiamo gli stipendi dei parlamentari, etc..etc… siamo sempre ai primi posti al mondo.
    E poi, dove esiste che un governo, un ministro non possa are una legge che governi la CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO perché………..autonomi !!!? Autonomi nel farsi gli stipendi, autonomi nel decidere il bello ed il cattivo tempo come vogliono ? Ma dove esiste una cosa del genere.
    Ma nel paese delle meraviglie naturalmente!!!!. Prefetti, Questori, servizi, polizia, carabinieri, guardia di finanza,esercito,guardie forestali oggi carabinieri (?!) etc..etc.. sembra di essere in un paese che non è mai esistito al mondo sino ad ora. Solo l’italia vanta cotanto primato di apparati repressivi e di controllo che poi non controllano niente perché altrimenti non ci sarebbero così tanti scandali o inefficienze e via dicendo.
    Insomma il solito GUFO in azione che dice la verità che fa male tanto al premier RENZI anche se non lo da a vedere. Invece di pensare a cambiare la costituzione, il paese, la mentalità e via dicendo ci si accanisce contro i cittadini come se fossero stati loro a creare quella voragine di debito pubblico e non i politici.
    Imprecazioni varie ……°°°°ààààà°°°°°::::____))(//&&%%$$$$$.
    WSM

    • luigi bandiera says:

      Fil de Fer (ai toxatei i ghe dixea na alta, tanto tenpo fa: va torme un metro de fil de fero de rame).

      Dici cosi’ perche’ non mi hai letto prima… negli anni insomma.

      Oggi, governo non eletto e’ o no incostituzionale..?
      Anche il colle dovrebbe dirlo ma se lo dice dovrebbe dimettersi.
      E le corti varie..???
      L’e’ un grosso pasticcio o minestrone… che sia una BANDA che ci tiene cosi’ buoni..?
      Come vedi ho citato solo l’art.21 per non ripetermi…
      Sai Fil de fer: mi son ripetente. Infatti ripeto sempre le stesse cose (come fanno gli altri perche’ i fatti NON cambiano mai).
      Tutti qua a ripetere e ripetere… sempre le stesse cose.
      Purtroppo non si muove foglia sebben Dio voglia..!
      Chi ci tiene cosi’ per la cavezza..?
      Eora ghe xe un dito qua dae me parti visin al Sil: i omani se e ciapa par a paroea; e vache par a caesa..!
      Quindi..??
      No ghe xe omani se semo ciapai pa a caesa..!
      Auguri

  2. luigi bandiera says:

    URGENTE:
    xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx.
    No, mi autocensuro perche’ in italia non vale l’art.21.
    Va bene cosi’: i nostri dipendenti ci fottono e noi fermi e zitti.
    A cosa serviranno mai le leggi..?
    Per dare forza solo ai nostri dipendenti e ai nostri invasori..?
    Paese di matti sicuramente e ma da legare al piu’ presto prima che sia troppo tardi.
    Forse ci penseranno gli invasori quando saranno maggioranza a sistemarli..?
    Sara’ una certezza.
    Attendiamo e nel frattempo:
    auguri…

Leave a Comment