Povera Italia, risorse insufficienti per il 42,7% delle famiglie

di REDAZIONE

Le risorse economiche nel 2011 sono state scarse o del tutto insufficienti per il 42,7% delle famiglie. Rispetto a 10 anni prima, quando la stessa situazione era percepita dal 27,1% dei nuclei, il peggioramento e’ stato di 15,7 punti percentuali. I dati sono contenuti nelle tabelle dell’Istat, elaborati dall’Adnkronos, sulla ‘percentuale di famiglie per giudizio sulle risorse economiche complessive negli ultimi 12 mesi’. In particolare per il 37% delle famiglie intervistate le risorse, lo scorso anno, sono risultate scarse, mentre per un altro 5,7% assolutamente insufficienti. Rispetto a 10 anni prima l’aumento e’ stato rispettivamente di 12,1 punti e 3,5 punti. Risorse adeguate, invece, per il 55,7% delle famiglie; nel 2001 ad essere soddisfatti erano il 70% degli intervistati ma in un decennio si e’ registrato un calo di 14,3 punti percentuali. Mentre solo per l’1,1% il giudizio e’ ottimo. Passando al giudizio espresso sulla situazione economica, rispetto all’anno precedente, nel 2010 e’ peggiorata per il 43,3% dei nuclei, mentre 10 anni prima si arrivava al 26% (+17,3 punti). Dall’altro lato della tabella la situazione nel 2000 era migliorata, rispetto all’anno precedente, per il 9,3% mentre nel 2010 solo il 4,8% puo’ chiudere l’anno con un bilancio positivo.

Tuttavia, secondo i dati dell’Istituto di statistica, l’incidenza della poverta’ relativa familiare, nello stesso periodo, si e’ ridotta di 0,9 punti percentuali, passando dal 12% del 2001 all’11,1% del 2011. I livelli piu’ alti si registrano, come prevedibile, nelle regioni del sud, con un dato medio del 23,3%, contro il 6,4% del centro e il 4,9% del nord. La situazione, rispetto al 2001, risulta migliorata nel mezzogiorno (l’incidenza della poverta’ relativa era del 24,3%), e al centro (era dell’8,4%); mentre resta stabile al nord (era del 5%). Osservando i numeri assoluti emerge che le famiglie povere sono 2,782 milioni, di cui oltre la meta’ vive nel mezzogiorno (1,863 mln), 318.000 al centro e 601.000 al nord. Per le regione i dati si fermano al 2010, con la Basilicata al primo posto per incidenza di poverta’ (28,3%); prima della crisi, nel 2007, il dato si fermava al 26,3%. Al secondo posto si classifica la Sicilia, con il 27%, in leggero miglioramento rispetto al 2007, quando arrivava al 27,6%, seguita dalla Calabria, con il 26% (era il 22,9% nel 2007). Il livello piu’ basso di poverta’ si registra invece in Liguria, con il 4%, in leggera diminuzione rispetto al 2007, quando arrivava al 4,8%. Segue a breve distanza l’Emilia Romagna, con il 4,5% di incidenza di poverta’ (era il 6,2% nel 2007) e l’Umbria con il 4,9% (era il 7,3% prima della crisi).

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Evidentemente le risorse non sono così insufficienti: se quasi la metà delle famiglie stesse veramente così male questa potrebbe essere l’ultima notte di pace sociale, anzi questa sarebbe già passata da un pezzo.
    Vedete succedere qualcosa voi ? Io no, quindi evidentemente queste famiglie non stanno abbastanza male.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Inchiesta Finmeccanica, adesso emergono le prove delle tangenti

Articolo successivo

Il Pdl scarica Formigoni. Gelmini o Albertini possibili candidati