Portorico Indipendente! Domani referendum per 4 milioni di elettori “americani”

di REDAZIONE

Non solo Romney-Obama! Domani, in concomitanza con le elezioni alla presidenza degli Stati Uniti, un’altra scheda elettorale verrà presentata nell’estremo sud americano. Siete d’accordo nel mantenere l’attuale condizione di Stato libero associato con gli Stati Uniti? Questa la principale domanda a cui circa quattro milioni di portoricani saranno chiamati a rispondere, in concomitanza con le presidenziali, al referendum promosso dal governatore repubblicano Luis Fortuño. Nella stessa giornata si voterà anche per la successione a Fortuño e il rinnovo dell’assemblea legislativa.

La seconda domanda che i cittadini troveranno sulla scheda del referendum – come riportato dall’Agenzia Misna – li porrà di fronte a tre opzioni: ottenere l’indipendenza, diventare il 51° Stato degli Usa o acquistare una forma di sovranità che mantenga allo stesso tempo la libera associazione con Washington. Dal 1967 i portoricani hanno già votato quattro volte sullo status del paese confermando ogni volta la decisione di rimanere associati agli Usa, sebbene con sempre meno adesioni.

I portoricani sono cittadini statunitensi ma non possono votare alle presidenziali Usa e la loro unica presenza al Congresso è costituita da un membro della Camera dei rappresentanti senza diritto di voto. Fortuño, del partito New Progressive, spinge per trasformare Portorico in uno Stato dell’Unione, contrastato dal candidato a governatore dell’opposizione, il senatore Alejandro García Padilla, del Popular Democratic Party (democratico). All’interno del movimento di García Padilla sono presenti però diverse ‘anime’ che vorrebbero comunque una modifica dello status attuale.

Status quo, Stato Usa o indipendenza? Domani lo decideranno i portoricani.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. Dan says:

    Praticamente i loro unici diritti sono diventare una discarica di dollari e mandare i loro giovani a morire in Afghanistan. Quando si dice un cambio alla pari…

Leave a Comment