Policlinico San Marco: 70% dei pazienti gradiscono il consenso in “venessian”

di REDAZIONE

«Il gradimento tra le persone ricoverate al Policlinico San Marco per l’iniziativa del consenso informato in ‘venessian’, il 70% dei pazienti interpellati, è la miglior risposta a chi ha ironizzato su questa iniziativa, che ha caratteristiche significative sia sul piano culturale e storico, sia su quello, non meno rilevante, dell’umanizzazione del rapporto con il paziente ricoverato, che è una delle priorità della Giunta regionale». Lo ha sottolineato l’Assessore all’Identità Veneta e Protezione Civile della Regione Veneto, Daniele Stival (Lega) intervenendo ieri a Mestre alla presentazione di «Consenso Informato in Venessian», originale novità introdotta al Policlinico San Marco dove, ai pazienti che lo gradiscono, viene sottoposto il consenso informato il lingua veneta, nel caso particolare nella sua declinazione «veneziana». «La lingua veneta – ha aggiunto l’Assessore – fa parte del bagaglio culturale dei veneti ed è ancora oggi attualissima e parlatissima. Con questa bella iniziativa si è opportunamente rivolta l’attenzione soprattutto agli anziani, che ancora oggi parlano pressochè solo inveneto e potranno capire meglio le importanti informazioni che verranno loro date. È uno sforzo di sintonia molto bello da parte dell’organizzazione sanitaria e mi auguro che la cosa possa estendersi anche ad altre strutture di cura sul territorio». Secondo l’Assessore regionale, «maggio 2014 sarà da ricordare: a Mestre parte questa originale e condivisibile iniziativa, mentre è solo di qualche giorno fa la notizia che l’Onu ha tradotto e pubblicato anche in lingua veneta la Carta dei diritti dell’Uomo».

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

6 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Non go kapio el sarvisio fato da antena 3 sul tema ke a ga intarvista’ soeo i kontrari un sinque o sie parsone venete ma tanto taibane e par questo me sa tanto mone..?

    A mea dixe: go vinto kontro i potenti ma go perso kontro ea gnoransa. (Ho vinto contro i potenti ma ho perso contro l’ignoranza).

    Se questo xe sarvisio publiko semo ciapai ben, e pensar che el poro Giorgio Panto konbatea par un bel ideae. Par un projeto insoma…

    Dimando: ma ghe xe dentro dei indipandentisti, se no i xe fintoni anka quei, o kosa..?

    Kusi semo ciapai…

    No me resta altro da dir, lexendo i fati, soeo questo: SOCCOMBEREMO.

  2. Valerio Costenaro says:

    Riporto qui di seguito una mia denuncia sulla discriminazione linguistica subita dai parlanti la Lengoa Veneta nel Veneto – con enfasi particolare sull’ odiosa ed oltraggiosa discriminazione subita dagli anziani e gli ammalati, il popolo della terra, i deboli e i poveri le persone semplici e vere…- denuncia da me inoltrata il 4 gennaio 2010 al Commissario Europeo per il multilinguismo Leonard ORBAN con corrispondenza e-mail intercorsa con il Commissario. Includo pure un messaggio inviato a Luca Zaia e a tutti i Consiglieri della Regione Veneto nel novembre 2010 sulla priorità assoluta di salvaguardare e rilanciare la Lengoa Veneta a tutti i livelli e in tutti gli ambiti e di battersi con tutte le nostre forze per ottenere il riconoscimento di Lingua Maggioritaria regionale ovvero di Lingua Minoritaria statuale a fronte della Direttiva Europea sulle lingue minoritarie….

    Da: info@venicelibrary.com [mailto:info@venicelibrary.com]
    Inviato: lunedì 4 gennaio 2010 16.41
    A: ‘CAB-ORBAN-CONTACT@ec.europa.eu’
    Oggetto: raising of complaint and sending a formal denunciation of linguistic discrimination in Veneto-Italy against the Veneto population having as mother tongue the Venetian Language

    Mr Orban,

    The Natives in VENETO, whose Mother Tongue is the Venetian language (LENGOA VENETA), are linguistically discriminated because the italian public authorities and state officials, (all state,regional, district and local institutions, schools and universities, hospitals, old people houses, mass media and the like)only use the italian language both in speaking and in writing, thus making for our People difficult or impossible to understand and speak. All Veneto People is put in a particular disadvantage and is badly affected and are particularly hardly hit old, weak and sick people, urban popular communities, rural communities and Venetian Emigrants returning back to their Land

    It is a big shame this to happen in United Europe in the year 2010 and it is a greater shame that the EU allows this to happen.

    I trust an official EU action will immediately take place: please treat this complaint raised as a formal denunciation.

    Thank you for your hospitality and for your action in this regard.

    Kind regards,

    Valerio Costenaro
    Via Pizzamano, 17
    36063 MAROSTICA (Vicenza), Veneto,
    Italy

    ________________________________________
    Da: Jurate.BALCIUNAITE@ec.europa.eu [mailto:Jurate.BALCIUNAITE@ec.europa.eu] Per conto di Adam.Tyson@ec.europa.eu
    Inviato: martedì 2 febbraio 2010 16.09
    A: info@venicelibrary.com
    Oggetto: Reply to your e-mail of 4 January (A/6)

    Ares(2010)55778
    2010/COURRIER CAB/001

    Dear Mr Costenaro,
    Thank you for your letter of 4 January 2010 addressed to Mr Orban concerning the use of the Venetian language. He has asked me to reply.
    I wish to assure you that the European Union respects the richness of its cultural and linguistic diversity. In its Communication of September 2008 “Multilingualism: an asset for Europe and a shared commitment”, the Commission reaffirms that “each of the many national, regional, minority and migrant languages spoken in Europe adds a facet to our common cultural background”.
    However, under the principle of conferral foreseen in Article 5 of the Treaty on the European Union, the Union acts only within the limits of the competences conferred upon it by the Member States in the Treaties. According to the Treaty on the functioning of the European Union, Member States alone are responsible for the recognition and internal use of languages. In this area, the European Commission can only support the initiatives of the Member States but cannot replace their action.
    Therefore, I regret to inform you that the European Commission has no competence to take action in the situation you refer to.
    Yours sincerely,
    Adam Tyson
    Head of Unit
    European Commission – Directorate General for Education and Culture
    Unit 01 – Policy and interinstitutional coordination
     +32-2-296.60.56 (direct phone)
     +32-2-296.86.01 (fax)
    http://europa.eu.int/comm/dgs/education_culture/index_en.htm

    Da: info@venicelibrary.com [mailto:info@venicelibrary.com]
    Inviato: lunedì 1 novembre 2010 0.53
    A: ‘Adam.Tyson@ec.europa.eu’; ‘CAB-ORBAN-CONTACT@ec.europa.eu’
    Cc: ‘claudio.strati@gazzettino.it’; ‘cavallin.gianfranco@wifi4all.it’; ‘studiolegale.fogliata@tin.it’; ‘edored@hotmail.com’; ‘giuseppe.gullino@unipd.it’; ‘info@raixevenete.net’; ‘info@xoventu.org’; ‘bejato@hotmail.com’; ‘beggiato@hotmail.com’
    Oggetto: R: Reply to your e-mail of 4 January (A/6)_over my complaint_denonciation on criminal discrimination of the people speaking the Venetian Languange in Veneto

    Dear Mr Tyson,
    I refer to your message ref . Ares(2010)55778 2010/COURRIER CAB/001.
    I understand this is the official position of the Commissioner and of the EU Commission.

    With my utmost personal respect for Mr Orban and yourself, I see that your position is a burocratic one and a “Pontius Pilatesque”-styled approach to the problem raised and denounced by me or better your position resembles the way accused Nazis justified themselves at the Nurnberg Trials: “they only had carried out superior orders…..”

    Consequently I must reject your “formalistic” reply as unreceivable on grounds and vis-à-vis of “substantial” and very heavy individual and community linguistic and human rights breaches, which cannot be withheld, disregarded or ignored or saddled each other by the responsible EU bodies with regard to State Members substantial breaches.

    I really trust you reconsider the whole matter and I look forward to receiving a satisfactory reply.

    Kind regards,

    Valerio Costenaro
    Via Pizzamano, 17
    36063 MAROSTICA (Vicenza), Veneto,
    Italy

    Messaggio inviato dalla sezione “Scrivimi” del sito web http://www.lucazaia.it:

    Nome: Valerio
    Cognome: Costenaro
    email: info@venicelibrary.com
    Messaggio:
    Bon dì Luca.

    Xe drio a vegner fora la nova diretiva da la Europa soe lengoe “minoritarie inte on stato” o “majoritarie inte na rejòn”, cofà el Veneto da noantri.

    Bixogna ke coe bone o coe “manco bone” la nostra lengoa veneta la sipia suito riconossesta dal stato talgian, parké se no a xe riconossua noantri Veneti restemo danovo tanto ma tanto penalixai, a dir poco.

    Caro Zaia, koesta del ricosimento dea nostra lengoa xe la roba pì inportante par noantri Veneti desso e te ghe da otegner sto ricosimento desso a tuti i costi. Se no te otien sto riconosimento desso, go paura ke per la lengoa veneta la sia la fine e par i Veneti no ghe sarà mai libartà……

    Spero ke no te deludi le speranse ke ghemo buo in ti e speto hfati e rexultadi suito desso: el tenpo passa e el tenpo dhuga contro de noantri.

    Te saludo.

    P.S.
    Te riporto koà el testo del mesajo ke go mandà koei dea Sesta Comisiòn ke ga votà contro e ki i se astegnesto soa proposta de ricossimento dea nostra lengoa veneta da parte del stato italiano, prposta prexentà par M Foggiato e purtropo bocià a cauxa de kuisti ke ga votà contro o ki i se ga astegnùo….
    Eco el testo ke ghe go mandà:

    rif:proposta da parte di m foggiato di UNE di inserire anche la Lingua Veneta tra le lingue tutelate dallo stato italiano_suo voto contrario/astenuto

  3. luigi bandiera says:

    Il problema siamo sempre noi… caro pierin.

    PSM
    WSM

  4. carla 40 says:

    Bravo Bepi. Il tuo commento è fantastico, e mi ha fatto pure venire l’acquolina in bocca. Grazie!!! 🙂

  5. bepi says:

    Il rimanente 30% è costituito sicuramente da persone “colte”, che avendo studiato alla scuola dell’obbligo, hanno imparato che il Veneto è una regione italiana, che i veneti sono italiani un po’ sempliciotti e per lo più ignoranti, tanto che si ostinano a esprimersi nel loro ridicolo dialetto. Naturalmente alla loro tavola non vedrete mai polenta e sepe o polenta e bacalà, sardele in saòr, tripe o nerveti, bigoli in salsa o risi e bisi, e nemmeno fete de sopresa, sia ben chiaro. Però conoscono Tiziano. Tiziano Ferro, naturalmente.

  6. pierin says:

    Ma perchè dopo i ZERO euro presi du 550milioni di danni per le alluvioni in Veneto a Zaia non gira non ancora le biip fino a obbligare tutti gli enti pubblici ad avere la versione in lingua veneta dei documenti , com è tutelata appunto dallo statuto della regione Veneto??

    e se mancan i soldi può lasciare un buco come ha fatto Roma, qual è il problema?

Leave a Comment