Pizzati: la Lega confonde ancora autonomia con indipendenza

di LODOVICO PIZZATI*

Mi è stato inoltrato l’ordine del giorno referendario che la segreteria della Lega Nord ha spedito con ordine di approvare nei consigli comunali di loro maggioranza. Capisco non voler presentare l’odg preparato da Indipendenza Veneta con allegato il progetto di legge 342 dove il primo firmatario è Stefano Valdegamberi, ma il testo preparato dalla Lega è controproducente e un passo indietro rispetto alla già approvata Risoluzione 44.

Si parla in tutto il testo di comunità veneta che, leggiamo al quinto punto, come insieme di cittadini può rivendicare la qualifica di popolo? Lo siamo già un popolo, perfino secondo la normativa italiana.

Si parla di ordinamento positivo internazionale? Non esiste, noi ci rifacciamo al diritto internazionale.

Si parla di interpellare i cittadini sul grado di autonomia più soddisfacente? Il referendum non deve essere un sondaggio a scelta multipla ( a. autonomia; b. macroregione; c. devolution; d. federalismo a geometria variabile) da spedire a Roma per chiedere con il cappello in mano una riforma dello stato italiano.

Si invita il Consiglio Regionale ad attivarsi per un referendum che accerti la volontà di autodeterminarsi? L’atto referendario E’ autodeterminarsi, il punto è su COSA. Il quesito deve essere INDIPENDENZA, SI -NO, e non “volete autodeterminarvi?” che diventa un gioco di parole.

Questo ordine del giorno fa un passo indietro rispetto a quanto già approvato nella Risoluzione 44. E’ controproducente avere dozzine di consigli comunali leghisti che approvano questo tipo di odg, in parte per gli strafalcioni logici, e in parte perché si chiede alla Regione Veneto di fare una cosa che hanno già fatto con la Risoluzione 44.

Se volete passare un odg vostro, benissimo, ma perlomeno preparate qualcosa di significativo, che deve inevitabilmente parlare di referendum per l’indipendenza del Veneto. Non si può parlare di autonomia perché diventerebbe un sondaggio da spedire a Roma, e non serve nemmeno scomodare il diritto internazionale per questo. Se avete bisogno di una mano a riscriverlo chiedete pure, ma ritirate questo testo perché è soltanto dannoso. Piuttosto bocciate l’odg di Indipendenza Veneta che sollecita a indire il referendum per l’indipendenza del Veneto, perché abbiamo bisogno di chiarezza e non di furberie che confondono le acque.

*Segretario – Indipendenza Veneta

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

15 Comments

  1. Alberto Pento says:

    La Lega la xe fata da cancari caregari kapò; ma endependensa veneta no la xe tanto da manco.

    Ente na piasa de marcà. ente on negosio, da on caxolin, se te vendi mercansia sprexevole fandola pasar par ona de prèjo, tipo oton par oro, te vien parsegoesto par trufa, frode, enbrojo, te vien proçesà, condanà, meso en caene, a la gogna o en galera e parà via dal marcà.

    Sti ki ke vende l’ilouxion del referendo par l’endependensa par ciapar voti e careghe, li xe troufadori conpagni … drento l’ordenamenento legal talian no xe posibile gnaon referendo de sto xenare, finake no se canvia ordenamento e canviarlo lo pol far la majoransa de li taliani.
    Sicome li taliani li xe contro la lebartà de li veneti … sta via del referendo la xe na troufa e coeli de l’endependensa veneta li dovaria esar mesi almanco a la gogna co na spenelà de pegola e coverti de pene de polastro, arna e oco, fati jrar par xorni soto i porteghi e drio li scoleti de la piàsa çentral de ogni çità e borgà.

    • i due indipendentisti pazzi says:

      cori a farte un bagno che te spusi da agrin vecio de ani.I te gà parà fora dapartuto parchè te ghe stufà el mondo cole to copiaincoladure inutili e noiose a morte.Deso che no te caga nesuni te ghe lechi i piè a un fornaro mancà e stralunà che se ilude de esare un principe e chel ciapa el mensile a ufo dai sui solo par non far dani in tea dita artizana chei gà.Te fe pena insieme a fastidio. par queo i te scansa tuti. bauco!

  2. lavorano x i pelasgici palermitani, specie kuelli domiciliati ad Arcore … tutta roba x konfondere ed annakkuare … inganno… ciarlataneria …

    <b<kacciamoli, sloggiamoli dai nostri komuni e municipi a kalci in kulo rotatori (brevetto Dan 😀 )

  3. IL SERENISSIMO PRINCIPE FA SAPERE CHE..... says:

    SEI L’UNICO A NON SAPERE CHE:

    1- IL POPOLO VENETO NON ESISTE ( non può esistere un popolo dentro un altro popolo). L’ITALIA HA RIBADITO CON SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO 2010, CHE NON RICONOSCE NESSUN POPOLO VENETO IN CAPO ALLA REGIONE, MA SOLO CITTADINI ITALIANI RESIDENTI IN UNA REGIONE ITALIANA CHIAMATA VENETO. LO STESSO DICASI PER L’AUTOGOVERNO STATUALE DELLA REGIONE.

    2- IL DIRITTO INTERNO E COSTITUZIONALE SI ADATTA AL DIRITTO INTERNAZIONALE, CON LEGGI DI PARI GRADO E FONTE COSTITUZIONALE, CHE PREVEDE PER IL FUTURO (come tutte le leggi ove non esplicitamente previsto), E NON PUO’ INTERFERIRE CON UNA LEGGE DI PARI GRADO E PRECEDENTE COME LA COSTITUZIONE ITALIANA TARGATA 1948 ( il principio di autodeterminazione è targato 1977). E’ DA SPROVVEDUTI PER NON DIRE IGNORANTI, NON CAPIRE…ANZI RECEPIRE, CHE UN ORDINAMENTO NON PUO’ ESSERE MESSO IN DISCUSSIONE DA UN DIRITTO ESTERNO AD ESSO. SAREBBE UN CONTRO SENSO CHE UN ORDINAMENTO RECEPISCA UN PRINCIPIO INCOSTITUZIONALE CONTRO SE STESSO ( è ovvio che l’ordinamento recepisce un principio nel pieno rispetto delle scelte di altrui stati). IL DIRITTO INTERNAZIONALE NON E’ ASSOLUTAMENTE SUPERIORE ALL’ORDINAMENTO ITALIANO, COME VA A SPACCIARE IN GIRO INDIPENDENZA VENETA….ANZI E’ VERO IL CONTRARIO. PER ESSERE VALIDO, QUANTO PREVISTO DA UN PRINCIPIO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE, DEVE IN PRIMIS, RISPETTARE L’INTEGRITA’ TERRITORIALE DELLO STATO FIRMATARIO, NEL QUALE VUOLE ENTRARE COME PRINCIPIO A CARATTERE GENERALE.

    SENZA OFFESA, NE RANCORE….CARO PROF. PIZZATI RITORNI A STUDIARE ALLA GEORGETOWN UNIVERSITY E SI PORTI DIETRO QUELLA “COZZAGLIA” DI AVVOCATI DA RADIARE, AL SOLDO DEL VOSTRO PARTITO PER SOSTENERE UN PROCESSO REFERENDARIO INCOSTITUZIONALE. E VE NE ACCORGETE SOLO ADESSO, QUANDO C’E’ GENTE CHE VE LO DICE DAL 2010….SCANTA BAUCHI !!!!

    http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%205/2010/201002525/Provvedimenti/201006778_11.XML

    • giannarcixo says:

      Ma serenissimo de che, principe de cosa….. Ci faccia il piacere di andarsi ad impiccare. Probabilmente per lei sarà un problema il nodo. Mi offro volontario per l’operazione e le regalo pure il sapone in modo che il risultato sia sicuro. Oppure si tolga dalle scatole e se ne torni tranquillamente in terronia covo di mantenuti degni della sua presenza.

      • Alberto Pento says:

        Me despiaxe ma el Serenisimo Prençepe el ga raxon.

        Se Endependensa Veneta la fuse na asoçasion de veneti e Pisati el so Presidente, gnente da dir;
        ma sicome a si o partido poledego veneto-talian ke parteçepa a le elesion taliane cato justo dirve çerte robe.

        Spetar de ver na majoransa eletoral par poder far çerte robe vol dir tegner en pie el pie del Stado Talian sol colo de li venti par altri mile ani.

        Le ciacole e le enesiadive poledego-eletoral-propagandesteghe de li Partidi Polideghi come Endependensa Veneta e Veneto Stado le fa sol ke mal e le remanda a le calende etruske e a coele mexopotameghe ogni speransa de leberasion de li veneti da la rede opresiva taliana.

        • i due indipendentisti pazzi says:

          Eccoli qua Stanlio&Ollio dei patetici.El balengo che ghe da razon al mato.

        • Trasea Peto says:

          Caixine sorate na sçianta. Capiso mi ke no te comode Pizzati e el so partito, ma asa star par do secondi sto discorso: cosa galo scrito Pizzati? Ke La Lega Nord xe drio far pezo de Indipendenza Veneta, ke la xe drio sercar de scondere in tete le maniere anca l’idea de indipendensa. Asa star ti par do secondi se xe fatìbie si o no, ma la Lega Nord xe drio scondere tuto, gnanca sognar no i vol asarte. Capisito el problema?

          Bon, deso te poi tornar a rognar co Pizzati.

          Ahn, mi no me ne ciava na tega de quel ke xe scrito inte’e carte dei samàmari taliani, i pol scrivere kel casso ke i voe, ma mi de italian go solo la scrita “cittadinanza: italiana” inte’a cartà d’identità, ma la stesa scrita la ga anca serti me amisi co i oci a mandola e anca tanti ke magna siola guaivo…

  4. Pizzati, molto chiaro, la Lega, come sempre, vuol fare abboccare all’amo gli ingenui per incamerare temporanei vantaggi di consenso, questo gioco va smascherato definitivamente.
    Di iniziative pseudo-indipendentiste ne abbiamo viste a centinaia e questa della Lega ne è la continuazione.

Leave a Comment