LA PIZZA NAPOLETANA, EVOLUZIONE DELLA FOCACCIA MEDIEVALE

di REDAZIONE

La pizza ha una storia lunga, complessa e incerta. Le prime attestazioni scritte della parola “pizza” risalgono al latino volgare di Gaeta nel 997[1] e di Penne nel 1200 ed in seguito in quello di altre città. In seguito, nel XVI secolo a Napoli ad un pane schiacciato venne dato il nome di pizza che deriva dalla storpiatura della parola “Pitta”.

L’esatta sequenza con cui le molto saporite focacce medievali divennero i piatti popolari nel Novecento non è completamente nota.

La pizza, che è una focaccia e quindi un pane, deriva evidentemente da prodotti analoghi diffusi sin dall’antichità nelle loro diverse varianti, più o meno appiattite, ai quali venivano aggiunti svariati tipi di condimenti (vedi anche la focaccia barese, la focaccia genovese e la pizza genovese) ma non il pomodoro, che solo verso la fine del XVI secolo cominciò a diffondersi in Europa ed in Italia, importato dall’America meridionale. Vi sono notizie che risalgono alla fine del Cinquecento ed inizi del Seicento di una pizza soffice chiamata alla “mastunicola”, ossia preparata con basilico (strutto, formaggio, foglie di basilico e pepe)[4]. In seguito si diffuse la pizza ai “cecinielli”, ossia preparata con minutaglia di pesce. La prima vera unione tra la pasta ed il pomodoro (accolto all’inizio con diffidenza) avvenne a metà del Settecento nel Regno di Napoli.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. La pisa lè ono dei magnari pì veci ke ghe sipia e el so nome lè pristorego, altro ke latin;

    Putana – putānu e pinsa, pisa, pizza, pitta, pinda …

    http://www.filarveneto.eu/forum/viewtopic.php?f=31&t=355
    http://img694.imageshack.us/img694/7779/ga1o.jpg

  2. Francesco Andreoli says:

    e il fatto che la “pitta” sia appunto una forma di pane piatto diffusa dalla Turchia all’India (dove viene chiamata “naan” non suggerisce niente a nessuno? il nostro orizzonte culturale deve sempre essere limitato agli antichi romani?

  3. iris says:

    carissimo sciadurel le piace la pizza. anche a me!

  4. sciadurel says:

    Umm che buona la pizza!

  5. valter bay says:

    la pizza etimologicamente deriva dalla parola latina “picea” pietra…l’origine è Ligure Apuana….nel 200 a.C. i Romani ebbero modo di consatatre che gli Apuani (alleati di Annibale) facevano torte di farna e acqua basse e tonde cotte su una pietra ardente (picea)…da tale uso derivano oggi varie forme di “pizze” quali per esempio le “piade” o piadine emiliane (l’Emilia fu zona Apuana)…. proseguendo con le curiosità pare persino che gli antichi Apuani producessero grosse forme di cacio che trasportavano rotolandole sul terreno come ruote….(qualcuno vi ha riconosciuto lantosignano del Parmigiano Reggiano)
    l’antica “pizza” aveva talune varianti che oggi possiamo definire “torta di erbi” ed altre….

    Gli Apuani furono poi (180 a.C.) tutti deportati in 50.000 nel Sannio…. quivi proseguì la tradizione della “picea”

    Il nome attuale dei tale “picea” è oggi “Testaroli” od anche “Panigacci”
    Cioè si tratta di una pastella di farina bianca spalmata su superfici bollenti sia di coccio sia di ferro…(i “testi” per l’appunto)
    ciao
    vb

Leave a Comment