Bernardelli: Piangono sull’autonomia negata quando volevano dare Palazzo Chigi ad un campano

napolitaniadi Roberto Bernardelli – Manifestano contro il governo, ma tra due mesi. Il 19 ottobre. Gridano al lupo al lupo ma sono andati al governo con i voti di Berlusconi, assieme però ad altri. Dicono che è tutto un complotto, quando invece è un problema di cultura politica e di lucidità mentale, al netto dell’onnipotenza da potere. Onestamente, fa piangere e ridere sentire che magari non faranno più l’autonomia e che questo, come si legge su alcune testate amiche del Carroccio, sarà un governo del Sud contro il Nord. Cari amici, è il vostro leader che ha proposto il premierato ad un napoletano, pur di restare al Viminale. Insomma, qualcuno spieghi per favore che il parlamento ha regole che non sono scritte da Mark Zuckerberg e che le maggioranze parlamentari arrivano dalle urne del 4 marzo 2018, non dalle europee del maggio scorso. I parlamenti sono fatti per durare in regola 5 anni, sempre che non si voglia dire che lo decide chi vuole pieni poteri quando si sciolgono le camere.

Certo, questo governo è innaturale come lo era il precedente, però almeno un merito questo pasticcio estivo lo ha avuto. Far capire che il populismo non porta da nessuna parte. Occorre aspettare ancora empi migliori.

Noi però ci ritroviamo con coerenza a Venezia, il 15 settembre. La libertà non è per tutti, lo abbiamo visto.

GrandeNord_15092019_small

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. caterina says:

    Si’! la Liberta’ e’ per chi la ama e non ci rinuncia mai! ce la possono anche limitare, ma non riusciranno mai a strapparcela, dal cuore..e dalla testa! Viva San Marco!!!..par tera, par mar!…

Leave a Comment