Piacenza: non ancora pubblicati stipendi e curricula dei politici

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Come i suoi lettori sanno, Unione Padana ha controllato se e in che modo il Comune di Piacenza ha adempiuto agli obblighi di trasparenza imposti dal D.Lgs. n. 150/09.

In termini spiccioli si tratta del dovere in capo all’ente pubblico di pubblicare il curriculum di chi viene scelto dall’amministrazione come responsabile di un servizio, di quello dei politici che ci amministrano e lo stipendio che percepiscono. Non è solo una norma fine a se stessa, ma sta alla base del “contratto sociale” tracittadino-amministrato che paga le tasse e politico-amministratore che deve essere capace e trasparente: le esperienze delle democrazie dimostrano che dove la trasparenza è massima la corruzione è minima.

Abbiamo così constatato che il comune ha adempiuto all’obbligo di pubblicazione in modo solo parziale. Infatti mancavano i curriculum di 4 responsabili, di tutti i politici e il loro compenso.Di tali mancanze abbiamo opportunamente avvisato il Ministero della funzione pubblica. Dopo l’invio da parte della Presidenza del Consiglio della nostra denuncia al OIV del Comune di Piacenza, quest’ultimo ha provveduto a pubblicare i curriculm dei 4 responsabili mancanti. E già questa è una vittoria.

Il sindaco Dosi non ha però ancora provveduto a pubblicare gli stipendi dei politici e i loro curriculum e nemmeno ha risposto allanostra domanda se è stata indebitamente corrisposta l’indennità di risultato ai dirigenti responsabili, sanzione prevista dalla norma per il mancato rispetto dell’obbligo di trasparenza. Di fronte alla continua inerzia del sindaco, non rimarrà che coinvolgere nella vicenda la Corte dei Conti affinché verifichi, anche con la Guardia di Finanza, se c’è stato un indebito pagamento  già a partire dalla scorsa amministrazione Reggi.

Unione Padana rimarca politicamente la mancanza di rispetto del Sindaco per i suoi cittadini che, pur dovendo pagare le tasse, in questi anni non sono stati compiutamente informati di chi è stato scelto come responsabile di un servizio e di quanto i politici percepiscono.

pubblicati e, quando saranno disponibili, a quelli dei politici e ai loro compensi. Considerato che ci sono tanti piacentini disoccupati e sottoccupati con in tasca un diploma di ragioniere o addirittura una laurea in economia e commercio, Unione Padana è rimasta sorpresa, tra i tanti, dal fatto che l’amministrazione abbia scelto come responsabile del “Servizio Bilancio” chi come titolo di studio ha conseguito la “Maturità Tecnica presso Istituto Tecnico Statale per Geometri A. Tramello di Piacenza”. E questo i cittadini lo devono sapere.

Direttivo provinciale Unione padana Piacenza

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Dan says:

    I cittadini devono semplicemente smettere di pagare le tasse fino a quando non verranno adempiuti gli obblighi di legge previsti.

    • Gli obblighi italioti sono fatti rispettare da aziende benemerite come EQUITALIA, Unione Padana ne tenta l’emulazione.
      Dare il voto a chi fa rispettare le leggi italiote è un grosso errore a prescindere dalla validità delle leggi.
      Ravvedetevi!!

Reply to Federico Lanzalotta Cancel Reply