Perché la Lega non dà l’autonomia alla Lombardia? Successo al convegno di Grande Nord

IMG-20181201-WA0013Almeno sessanta persone hanno riempito l’altra sera la “sala Carver” presso l’Urban Center di Monza per partecipare all’incontro organizzato dalla sede cittadina del Grande Nord“ La menzogna dell’autonomia, un anno dopo i referendum”. Lucio Chiavegato, indipendentista Veneto, Davide Boni, Alberto Mariani e Davide Redolfi i relatori che hanno animato la serata. “La sentita partecipazione all’evento è la miglior dimostrazione che c’è ancora chi non si è arreso. C’è ancora chi lotta e crede in un ideale”, ha commentato Redoldi “padrone di casa” della serata. In effetti da più di 400 giorni si attende che il governo dia una risposta al referendum del 22 ottobre 2017.  A Roma governa la Lega, in Lombardia governa la Lega. Qualcosa non torna.IMG-20181201-WA0015IMG-20181201-WA0016

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

5 Comments

  1. Davide Redolfi says:

    Signor Ruffinella, chiaramente lei vede le prime 2 file della sala…
    Si soffermi invece sul contenuto del post.

  2. mumble says:

    Lasciamo perdere le polemicucce di chi conta i presenti (io nonc’ero, per esempio, ma condivido il pensiero dei relatori, dunque ?) davanti ad una domanda che pone un interrogativo devastante. La risposta è sotto gli occhi di tutti.
    Salvini ha immolato il Nord, il pensiero autonomista, i progetti di Miglio, di Galli, la devolution, persino tutto il partito Lega Nord per rincorrere un suo sogno puerile di potere personale: arrivare alla Presidenza del Consiglio.
    In questa logica, il suo calcolo è stato che coltivando l’orto della Lega Nord gli avrebbero sempre rimproverato di rappresentare “solo” il Nord e non anche il Meridione sbarrandogli la strada di Palazzo Chigi.
    Ma non è tutto: secondo il Grande Stratega, la perdita dei voti autonomisti al Nord sarebbe stata ampiamente bilanciata dai voti raccolti al sud.
    Ora, il Grande Stratega ha pensato che l’unico modo per raccogliere velocemente voti al Sud è quello di boicottare l’autonomia di Lombardia e Veneto, per potersi presentare così al popolo meridionale con lo scalpo leghista più ambito: quello di Zaia e dire ai suoi ammiratori sudisti: Vedete che sono con voi ? Solo io vi posso garantire di essere mantenuti coi soldi del Nord: tanto è vero che grazie a me è saltata l’autonomia e non ho esitato per voi a uccidere (in senso politico) Zaia.
    Quindi, a mio modo di vedere, questo Governo non tratterà l’autonomia e vedremo allora come se la caverà anche Zaia.
    Morale: ormai chiunque abbia a cuore il pensiero autonomista deve scappare dalla Lega di Salvini

  3. Luciano Ruffinella says:

    Ma una foto dove si vedano le “60” persone si può vedere???
    A giudicare dalla diretta Facebook, erano si e no 10 ( compresi i relatori)

    • Stefania says:

      Non mi pare. La domanda è un’altra: che fine ha fatto l’autonomia con una Lega a Roma e al Pirellone? Direi 0, compresi i relatori.

    • Alberto Mariani says:

      Caro Luciano la prossima volta invece di stare in poltrona e far niente tutto il giorno vieni al nostro incontro pubblico così potrai contarle di persona le presenze in sala .
      Comunque sia le nostre idee vanno avanti anche se dovessero essere solo due le persone interessate .
      Grazie e buona serata

Leave a Comment