Perché hanno licenziato Cottarelli: “Flussi finanziari misteriosi ai politici. Via le pensioni ai boiardi di Stato. Licenziare gli statali”

di ROBERTO BERNARDELLITRIBUNALE MI

Bene. Finalmente sappiamo qualcosa sul rapporto di Cottarelli, defenestrato da Renzi. L’uomo che doveva indicare i tagli ci lascia la sua eredità e nel lavoro ora online, iniziamo a leggere passaggi interessanti..

Ad esempio…. “Sono misteriosi e non accessibili molti dei flussi finanziari che rappresentano forme diverse di finanziamento del sistema della politica nel nostro Paese”. In questo campo, “l’esigenza della trasparenza e della massima fruibilità dei dati rappresenta ancora un obiettivo da raggiungere”.Basta questo per chiudere il governo, il Parlamento e fare entrare la finanza nel palazzo. In pratica Cottarelli ci dice che è tutto un magna magna

La politica può fare a meno di 600 milioni
Andiamo avanti, “Nel caso dei comuni  l’adozione delle proposte contenute in questo rapporto comporterebbe risparmi dell’ordine di 255 milioni di euro all’anno (275 se esse venissero estese anche alle regioni a statuto speciale), di cui almeno 158 ottenibili in tempi rapidi. Dato che la spesa complessiva per i costi della politica per questo ente di governo è stimata attorno al miliardo e 140 milioni, ciò rappresenterebbe un risparmio a regime di circa il 22%”. Per le Regioni invece “l’adozione delle proposte contenute in questo rapporto comporterebbe risparmi dell’ordine di 360 milioni di euro annui, di cui almeno 110 nell’immediato”. E sui partiti l’uomo della spending review afferma che: “Le proposte di emendamento avrebbero comportato risparmi addizionali, rispetto a quanto previsto nello stesso decreto, di circa 65 milioni di euro nel prossimo triennio”.

Stop cumulo pensioni e retribuzioni a carico contribuente
C’è poi un passaggio strepitoso: governate? fate politica? Poggiate il sedere su poltrone importanti e avete una pensione pubblica? Lasciatela a chi ne ha più bisogno. Leggete qui: serve “un segnale forte all’opinione pubblica di eliminazione di privilegi percepiti come insostenibili”. Insomma, chi ha già una pensione erogata da un ente statale, mentre sta al Quirinale, alla Corte dei Conti, al Consiglio di Stato o al Tar, se si è sindaci, assessori o consiglieri regionali, consigliere di amministratore di società pubbliche, lasciate allo Stato la pensione. Qualche decina di milioni di euro….. risparmiati. Vi pare poco? A me sembra una rivoluzionaria idea di giustizia sociale.

Poi… dalla fusione dei piccoli comuni si arriverebbe a risparmiare  255 milioni di euro all’anno. Poi le Regioni: meno consiglieri, riportando la remunerazione di ciascun a quella del sindaco del comune capoluogo, riducendo i vitalizi.

Licenziamento statali

Cottarelli invita ad una revisione delle regole  sui licenziamenti individuali nella pubblica amministrazione. Hai detto poco….

Presidente Indipendenza Lombarda

Print Friendly

Related Posts

4 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Bisogna che sia rispettata la legge e’ uguale per tutti. E’ nella carta piu’ schifosa der monno che deve essere paritetica la legge: se vale per uno vale per tutti gli altri.
    Quindi se i privati sono licenziati per giuste cause anche gli statali lo devono essere..!
    Non si dovrebbe nemmeno discuterne tanto e’ logica la questione..!

  2. gl lombardi-cerri says:

    Le Regoie vigenti in Italia sono state redatte e sono gestite da meridionali, i quali, come è noto, sono pessimi organizzatori e non vogliono mei prendersi responsabilità.
    Avete bisogno di esempi anche recenti ?

  3. Ezzelino says:

    L’Itaglia é un paese africano travestito da nazione europea…se il nord non taglia la corda al più presto faremo una fine miserevole

  4. Ric says:

    è questo il vero programma da attuare subito , il programma del popolo e delle sue possibili libertá , prima che sia inesorabilmente finita.

Leave a Comment