Perché comanda ancora il Regno di Porcilaia

animal_farmdi GIUSEPPE REGUZZONI

Rileggiamo “La fattoria degli animali” di George Orwell. Non è solo che si tratta di una splendida parabola delle rivoluzioni che degenerano in dittature. Non è solo che si tratta di un richiamo fortissimo alle trasformazioni cui va incontro chi si trova a gestire un potere che si impossessa di lui. È che si tratta anche di un’efficace allegoria di come il potere, la cadrega, debba sempre essere funzionale a un progetto e quest’ultimo debba avere qualcuno che vigili sulla sua attuazione.
Supponiamo che nel Regno di Bambolonia, protettorato di Porcilaia, Tizio Caio abbia il 15% dei voti e che per vincere si allei al suo nemico di sempre, Sempronio (20%) e al rappresentante del regno di Porcilaia, Tarquinio (15%). Supponiamo anche che chi vinca abbia disposizione 100 milioni. Il Regno, dice Tizio Caio ha giusto bisogno di rompere il Protettorato e diventare finalmente indipendente; per far questo dobbiamo costruire un nuovo Parlamento e farci riconoscere da tutti i Regni a noi vicini. L’operazione costerà giusto giusto cento milioni. Sempronio, che ha la moglie di Porcilaia, dice ai suoi elettori che bisogna rafforzare i buoni rapporti con Porcilaia e costruire finalmente la ferrovia transmontana che serve per arrivarci in poche ore, e che costa pure cento milioni. Tarquinio, che ha il vezzo della potenza militare e del prestigio internazionale, grida a gran voce che restituirà dignità alla nazione comprando dieci cacciabombardieri da dieci milioni l’uno, Made in Porcilaia. Tizio, Sempronio e Tarquinio si metteranno d’accordo, perché, in fondo, ciò che vogliono è vincere. Sempronio avrà la ferrovia, ma solo la metà, fino al confine con Porcilaia. Tarquinio comprerà cinque cacciabombardieri, li lascerà agli amici e fratelli di Porcilaia e dirà ai suoi elettori che gli altri sono in arrivo. E Tizio Caio se ne starà buono, perché l’han fatto Gran Ciambellano e più non può pretendere, avendo nel Parlamento del Protettorato di Bambolonia solo il 15% dei voti e dovendo tenere buoni rapporti con il Regno di Porcilaia, perché, sennò, verrebbe bombardato con gli aerei comprati da Tarquinio con i soldi dei cittadini di Bambolonia.
Complicato? Mica tanto. A comandare saranno gli alleati di Tizio Caio, e, cioè, sarà sempre Porcilaia.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Quell'Europa boriosa che legifera sui cessi

Articolo successivo

Se anche le vie sono gender... Senza nome, basta un numero?