PER CURARSI IN SVIZZERA I GRECI DOVRANNO PAGARE IN ANTICIPO

di REDAZIONE

I cittadini greci che verranno in Svizzera per farsi curare dovranno pagare in anticipo gli interventi: le casse malattia greche tendono infatti sempre più spesso a non saldare i rimborsi. Lo ha indicato oggi all’ats Rolf Camenzind, portavoce dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS), confermando una notizia in tal senso pubblicata dal settimanale “Sonntagsblick”. La misura non riguarda invece le urgenze e i casi da pronto soccorso.

Alla fine del 2011 le casse malattia greche dovevano complessivamente 12,8 milioni di franchi agli ospedali elvetici per cure e operazioni per le quali avevano dato in anticipo il loro avallo. Ora gli ospedali svizzeri hanno ricevuto l’ordine di chiedere il pagamento anticipato – all’assicurazione o al paziente stesso – per ogni intervento pianificato.

La misura e’ stata adottata di recente e potra’ essere revocata qualora la situazione da parte greca migliorasse, ha precisato Camenzind.La Grecia non e’ l’unico paese a dovere parecchio denaro ai nosocomi elvetici: alla fine del 2001 le fatture non pagate di pazienti provenienti dalla zona Ue/Aels ammontavano a ben 186 milioni di franchi. “Nel caso degli altri paesi il denaro arriva con ampio ritardo, mentre la Grecia non onora per nulla le fatture”, ha detto il portavoce.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. Claudio says:

    Perché non lo possiamo fare in Veneto? (con le regioni della Magna Grecia, visto che è la stessa situazione)

Leave a Comment