Pensioni, tribunale Napoli conferma: rimborsate tutti gli arretrati. E il ministro: conta di più il governo

di GIOVANNI D’ACQUINOsoldi sotto materasso

Conta di più la Corte costituzionale o un decreto? Giudicate voi. In democrazia, in teoria, contano le sentenze, ma nei regimi quel che conta di più sono le leggi o i decreti emessi per metterci una pezza, confondendo la legalità, il lecito, col diritto.

Un’ingiunzione di pagamento di 3.074 euro a titolo di arretrati dopo la bocciatura del blocco delle indicizzazioni delle pensioni da parte della Corte Costituzionale. E’ quanto e’ stato stabilito in un decreto ingiuntivo del 29 maggio dal Tribunale di Napoli, sezione lavoro, che ha accolto il ricorso di un pensionato partenopeo presentato prima che il governo annunciasse il decreto sui rimborsi delle pensioni. E’ quanto riferisce l’avvocato Vincenzo Ferro’, che ha assistitito il pensionato.

“Dal punto di vista della legittimita’ – replica il ministro del Lavoro Giuliano Poletti- noi siamo convintissimi di aver pienamente ottemperato a quanto la Corte ha in qualche modo sottolineato come limiti della normativa precedente per cui ha scelto di cassare quella parte della norma”.

I cittadini che ritengano di vedere leso un proprio diritto hanno pieno titolo fare ricorso, “ma i ricorsi dovranno tenere conto del decreto del governo. E’ quanto ricorda il ministero del Lavoro, ribadendo quanto gia’ affermato dal ministro Giuliano Poletti sulla possibilita’ di ricorrere contro i rimborsi parziali previsti dopo la sentenza della Consulta sulle pensioni.

Belli che sistemati, insomma.

 

Print Friendly

Recent Posts

2 Comments

  1. luigi bandiera says:

    Ricorrere contro la DITTATURA..?
    Ci vuole coraggio e palanche…
    Auguri… e, votate sempre sx per curarvi i vostri interessi…
    Salam

  2. Beniamino says:

    Buongiorno signori,
    Sono anch’ io un pensionato “buggerato” da questi governi comunisti , dittatoriali. Qualcuno mi può indicare come posso fare, in modo LEGALE e secondo la sentenza della Corte Costituzionale, “richiesta” UFFICIALE per RIAVERE QUELLO CHE MI HANNO RUBATO?

    la mia e-mail è: beniaminopozza@hotmail.com

    Ringrazio per le eventuali indicazioni che potranno aiutarmi.

    Beniamino Pozza

Leave a Comment