Pedemontana lombarda: la Salerno-Reggio Calabria del Nord?

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Qualche giorno fa “La Provincia di Varese” segnalava il pericolo di uno stop per i cantieri della Pedemontana lombarda, l’autostrada che dovrebbe collegare direttamente la provincia di Varese con quella di Bergamo (zona Dalmine) bypassando Milano. Questo a causa di problemi di liquidità della società autostradale Serravalle (controllata dalla provincia di Milano), detentrice del 68% delle azioni di Pedemontana. Se non si procederà presto ad un aumento di capitale di 300 milioni di euro, 180 per la Pedemontana e il rimanente per realizzare l’innesto tra la tangenziale est di Milano e la Brebemi, tutti i cantieri rischiano il blocco. Con conseguenze ben immaginabili da chiunque.

E’ questa l’eccellenza lombarda di cui tanto blatera sempre Formigoni? Sembrerebbe piuttosto l’ennesimo esempio di inefficienza italiana, di cui il caso più famoso ed emblematico è senz’altro la Salerno-Reggio Calabria, l’autostrada infinita, nel senso che ormai non ci si ricorda neanche più quando siano iniziati i lavori per la sua realizzazione e men che meno si sa se e quando si concluderanno.

Ecco allora che la paura (certezza?) è proprio quella che anche la Pedemontana non finisca mai. Magari a intervalli di qualche anno o qualche decennio si riprenderanno i lavori, a suon di mazzette come al solito, promettendo di realizzarla presto, ma poi non se ne farà nulla.

La Pedemontana sarà l’ennesima cattedrale nel deserto italiano, forse la prima (ma non primissima) di molte anche nel nord: l’unica soluzione rimane l’indipendenza della Lombardia!

Piergiorgio Seveso, Luca Fumagalli, Roberto Marcante

Ufficio Politico Fronte Indipendentista Lombardia   

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment