Estero: ecco come i patronati Acli invitano a votare il Pd

di SILVIA CONTI*

Nel video che pubblichiamo qui sotto si possono ascoltare telefonate fatte a febbraio 2013 in campagna elettorale ai patronati in Europa. I patronati sono strutture che dipendono dal Ministero del Lavoro, finanziate con i soldi pubblici, che assistono soprattutto pensionati italiani all’estero. In teoria, per legge, non possono fare campagna elettorale. Le telefonate sembrano dimostrare il contrario e confermare voci che da anni girano in proposito.

ASCOLTA L’AUDIO

PD, ti piace vincere facile?

Esempio: traduzione della prima telefonata
UTENTE: “Buongiorno, scusate chiamo per un’informazione, sono di origine italiana, mio nonno è italiano e ha ricevuto le carte per le elezioni e voleva sapere se potevate aiutarlo
DIPENDENTE ACLI “Sì, certo. Per riempirlo o eventualmente guidarlo su un candidato?”
UTENTE: “Tutt’e due”
DIPENDENTE ACLI “Noi abbiamo un candidato Acli, una persona presente nelle ACLI in Svizzera ed è il candidato che sosteniamo, del PD”
UTENTE: “Come si chiama?”
DIPENDENTE ACLI “Si chiama Narducci per i deputati e al senato si chiama Micheloni”
UTENTE: “E può venire lì per essere aiutato?”
DIPENDENTE ACLI: “Nessun problema”
UTENTE: “Può venire? Sì?”
DIPENDENTE ACLI “Sennò il mio presidente può indicargli come fare, per corrispondenza. potete inviare la busta perché è già…”
UTENTE: “La busta del consolato, parla di questa? se ho ben capito chiedete di inviare la busta?”
DIPENDENTE ACLI: No no, o vi spiegiamo a voi e voi a lui su come votare, perché è complicato, mettere le cose giuste nelle buste giuste…ci sono tante buste… ma la persona che si occupa di ciò ora è assente, sarà li domani pomeriggio se invece può venire viene”
UTENTE: “Può venire da voi?”
DIPENDENTE ACLI: “Come vuole”
UTENTE: “Sì, preferisce, porta tutte le carte e voi l’aiutate? DIPENDENTE ACLI: “Nessun problema”
UTENTE: “Con la scelta dei candidati che proponete?”
DIPENDENTE ACLI: Sì, ma dev’essere d’accordo”
UTENTE: “Sì, ma vi segue, quindi ha sempre seguito il vostro patronato”.
DIPENDENTE ACLI: “Ci sono tante persone che ci chiamano per sapere qual è la persona che sosteniamo”
UTENTE: “Come?”
DIPENDENTE ACLI: “Ci sono tante telefonate di questo tipo”
UTENTE: “Sono già venute delle persone lì?”
DIPENDENTE ACLI: “Sì certo, o spieghiamo per telefono o vengono qui e votano”.
UTENTE: “Li aiutate a votare lì?”
DIPENDENTE ACLI: “Sì, esattamente”.
UTENTE: “Grazie”.

Nelle altre telefonate, un dipendente chiede addirittura al ragazzo che ha chiamato se gli può dare il suo numero in modo tale da chiamarlo da casa e spiegargli come votare. Il ragazzo che telefona li incalza sempre un po’ spiegando che il vecchio nonno non sa per chi votare, alla fine tutti gli suggeriscono di votare per un candidato del Pd, stranamente. Tutti i dipendenti specificano che è vietato dal Ministero dare indicazioni di voto, ma poi basta incalzarli un po’ e casualmente tutti, a titolo squisitamente personale, suggeriscono il candidato del Pd. Certo, sarà a titolo personale e l’Acli non autorizza indicazioni di voti, ma il suggerimento a titolo personale arriva pur sempre da un dipendente dell’Acli al telefono durante l’orario di lavoro. E nelle circoscrizioni estere, purtroppo, c’è meno controllo sulle modalità di voto.

Telefonate effettuate da NonvotoPd

*Qelsi

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

12 Comments

  1. mr1981 says:

    Ci sono gli estremi per invalidare il voto all’estero senza tanti se e ma, visto che con le precedenti porcherie che i patronati hanno fatto con il voto all’estero sono già stati diffidati! Il lupo perde il pelo ma non il vizio…

  2. Roberto Porcù says:

    In Italia fanno le leggi sempre più complicate e per raccapezzarsi la gente deve ricorrere ad un commercialista od un ente di patronato. Gli enti di patronato percepiscono una montagna di soldi dallo stato e finisce che fanno la tessera sindacale o percepiscono quattrini in nero per un lavoro per il quale sono pagati già dallo stato.
    Con tanti anni di centrodestra, questo non è mai stato abolito. Ciò che avviene se la sono cercata a governi Berlusconi troppo buonisti.

  3. andrea says:

    Ma fanno bene a fare così, a chi dovrebbero darli i voti
    alla Lega nord che in più di 20 non ha fatto un cazzo?
    Oppure al Pdl del nanerotto di Arcore?
    Calvagno,mv1297,galluzzo fate una cosa utile, andate ad aiutare il Trota che stà piantando rape e banane su un terreno della Padania vicino a Pontida.
    Siccome le banane gli nascono tutte storte, ha bisogno di qualcuno che l’aiuta ad addrizzarle perchè da solo non ce la fà.
    Voi militonti leghisti siete i più adatti a fare quel lavoro.

    • elio says:

      magari ci mandiamo te e tua sorella a radrizzar banane, in africa però

    • mv1297 says:

      Visto che mi ha tirato in ballo, prima di giudicare, impari l’educazione.
      Primo, non sono leghista ma indipendendista marcio e bastardo. Se a Lei piace lo schifo del PD, si accomodi pure.
      Secondo, vedra chi riderà per ultimo, tempo qualche mese ed il Veneto comincerà ad assaporare la libertà.

    • mv1297 says:

      Aggiungo. Approfittarsene delle persone anziane per i propri biechi interessi, non si può neanche lontana,ente pensare di giustificare tale comportamento.
      Aggiungo anche che un noto dottore del mio paese, candidatosi a suo tempo per il PD, quando ero ancora bambino (circa 10 anni), se ne approfittava con le sue attenzioni morbose. E non ero l’unico a certe attenzioni.
      Peraltro il cosiddetto dottore era gay.
      Quindi non solo di persone anziane ma anche dei bambini.
      Lo ripeto: che schifosi quelli di sinistra!

    • Giacomo says:

      Andrea, intellettuale magnogreco, fa e sta si scrivono senza accento. E poi non si dice “addrizzarle”, suvvia. Coraggio, non è mai troppo tardi per emergere dagli abissi.

  4. giovanni says:

    RI.a Walter ;”dovremmo altrettanto indignarci del riprovevole conflitto d’interessi del Berlusca”
    ; Conosci un altro POLITICO che ha dato occupazione a migliaia di italiani ?L’avessero avuto i migliaia di precedenti onorevoli mascalzoni: un buon conflitto di interessi;l’Italia non sarebbe in queste condizioni,non trovi Walter ?

  5. Walter says:

    Se è per questo, dovremmo altrettanto indignarci del riprovevole conflitto d’interessi del Berlusca. Io non voto PD, né tanto meno la sinistra, però trovo poco corretto vedere quanto scritto nei post qui sopra. Se si vuole far politica, credo si debba fare seriamente e non alla stregua del tifo calcistico. Scusate.

  6. giuseppe calvagno says:

    Per questi porci, è quasi un complimento dirci bastardi!
    Gli interessi del PD sono troppo importanti perché le pecore sono tante e c’è tanto ancora da raschiare in fondo al barile.
    Gli emigrati non dovrebbero votare, non perché abbiano o no il diritto, ma perché la loro condizionare di abbandonare la propria terra, l’hanno creata proprio loro e di conseguenza non si meritano di essere rappresentati proprio da quelli che li hanno sbattuti fuori.
    In compenso hanno spalancato le porte a tutti gli immigrati (che hanno superato ora i cinque milioni) relegandoli in condizioni disumane. Questo è il PD.

  7. Domenico Galluzzo says:

    questi sono i comunisti. Perchè stupirsi?

  8. mv1297 says:

    Che bastardi!

Leave a Comment