Come l’Unione sovietica europea ci espropria la prima casa

di ELISABETTA CASTELLAZZIdepositi

Per azzerare il debito pubblico e obbedire all’Europa delle banche ci esprospireranno le case. Pensate che solo l’euro sia la nostra rovina? Che solo l’immigrazione sia il cuneo che disgrega le comunità? Aprite gli occhi e uscite dagli slogan dei partiti. Perché la battaglia campale, la madre di tutte la battaglie sarà sul mattone, sulla nostra casa. Sarà la fine. La fine per molte famiglie e le imprese sane. Arriva la patrimoniale e arriva il botto della tassa di successione al 20%. La parola d’ordine dei democratici alla Renzi e degli europeisti è: tasse. Anzi…. chiamarle nuove tasse è fino troppo poco. La patrimoniale ci sarà, non solo è un rischio ma una tassa concreta già dietro l’angolo. Sarà la nostra definitiva rovina.
La guerra ai nostri risparmi parte su due fronti.
Il primo. Il governo da una parte ha dato il via alla riforma del catasto, le vecchie rendite catastali vanno in pensione, tutto sarà a nuovi valori di mercato. La base della tassazione sarà sui metri quadrati posseduti. Un tanto… al chilo!
In alcuni casi si arriverà a costi dieci volte il valore pagato oggi sia in termini di imposte dirette sulla casa sia in termini di servizi prestati dai Comuni (Imu e company…)
In quasi tutte le città ci saranno rincari da matti, inaccettabili.
Ma l’incubo della nuova dittatura fiscale non finisce qui. I Comuni potranno introdurre altre addizionali. Un suicidio di tasse.
E questo è il primo fronte di guerra. Il secondo è ancora peggio. Siete pronti a conoscere la riforma delle riforme del governo Renzi, il democratico Renzi?

Il secondo. E’ in atto una manovra – non dichiarata – che si chiama modifica delle tasse di successione. Queste saranno la vera tempesta perfetta. Oggi nelle tasse di successione e di donazione (che sono in pratica la stessa cosa, perché la donazione è un atto di successione anticipato in vita), fino ad un milione di euro vi è una franchigia in linea diretta (di padre in figlio), oltre il quale si paga il 4% di tasse (il 6% in secondo grado, in terzo grado fino all’8%). Il milione di franchigia vale per gli eredi e per il de cuius. Di fatto per ogni erede ci sono 2 milioni di franchigia, cifra in cui è considerato tutto il patrimonio lasciato (valori liquidi e immobili). Ma dopo la riforma del catasto quegli immobili, non dimentichiamolo, avranno un valore persino decuplicato.
Cosa sta per accadere invece da domani?
Il governo vuole applicare una tassa di successione in linea diretta, di padre in figlio, che si aggira attorno al 20%, con riduzione della franchigia a 100mila euro! E sull’intero patrimonio, non più per erede.
Insomma, da una parte si moltiplica per dieci la tassa catastale, definiamola così, dall’altra si passa a rubare il 20% del bene, già tassato, che è frutto di sacrificio di una vita.
Un papà ha una casa e ha un patrimonio di risparmio di 300mila euro? Oggi di fatto un erede su una casa normalissima è esente dalla tassazione, domani la casa rivalutata da 200 a 400-500mila euro per effetto delle nuove rendite catastali, diventa un macigno fiscale mortale. Con la soglia di franchigia di 100mila euro che prima abbiamo detto, l’erede si troverebbe a pagare a Renzi il 20% di 500mila euro. Lo Stato di fatto ci constringerà a subire un esproprio. Chi ha da pagare il 20% di una somma così alta, lievitata dallo Stato per fare cassa? Una tassa da Soviet, per allinearci ai valori europei. L’Unione sovietica europea, in cui il Pd di Renzi è il principale azionista di maggioranza. Ma non sono da meno gli altri partiti che stanno zitti.
Ci viene a mancare un genitore? Lo Stato becchino verrà a chiederci di pagare almeno 100mila euro di tasse, scavando la fossa anche a noi.
In questo modo lo Stato ha pensato di risolvere il problema del debito pubblico.
Di fatto gli italiani detengono 5 volte il valore del debito pubblico

Pagare il 20% in linea diretta vuol dire che a ricambio generazionale completato, avremo ammortizzato l’intero debito.
Ci fanno fare la patrimoniale diretta! E’ un sequestro, è una tassa sulla morte, una tassa sul dolore, una tassa sul funerale, una tassa che nega il futuro a chi resta.
Oggi questa follia è solo nelle intenzioni del governo, ma è il momento di muoversi adesso per mettere al riparo i patrimoni, i beni.
Che fare? Ci sono diverse azioni, legali, per trasferire ad esempio parte del patrimonio immobiliare (ad esempio la nuda proprietà) ai figli, per abbassare poi la quota di beni tassabili; per i beni mobili, quindi i risparmi investiti, ci sono altri modi per portare in esenzione totale questi valori.
Se ci pensiamo, sottoposti a tassazione non ci sono solo le case: capannoni, terreni, beni strumentali fabbriche, le imprese! E’ questo il rilancio?
Il fiscal compact, dice che ci dobbiamo allineare agli altri paesi europei nel fisco. Bene, ma nessuno dice però che gli altri paesi non tassano quando i cittadini sono “in vita” la casa tanto quanto questo Stato. Gli altri paesi hanno una legislazione con una tassazione molto più bassa. In più c’è la pianificazione ereditaria. Di che si tratta?
E’ la capacità in vita, di decidere come trasferire i beni agli eredi in esenzione di imposte.
Oggi questa norma obbligatoria non c’è, è per questo che bisogna attrezzarsi oggi per difendersi da questo esproprio in agguato.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

10 Comments

  1. Alfred says:

    Scusa ma in un momento di Tensioni e Disinformazione come questo non puoi sbagliare cosi tanto il titolo…

    Cosa vuol dire: ” SOVIETICA” ?!

  2. Dan says:

    Bla bla bla… ci sono già troppi commenti… Queste schifezze non vanno affrontate a parole

  3. luigi bandiera says:

    Ritorna questo articolo,
    commento con:
    FANNO BENE..!

    Siamo 50 milioni contro tre comici e ancora non ci muoviamo..!! NESSUNO SI MUOVE..!!!

    FANNO BENE A TOGLIERCI TUTTO..!!!

    Salam

  4. isidoro montisano says:

    questa mattina ascoltavo la diretta RAI parlamento.
    Gli oratori, quelli fuori dal governo, hanno espresso delle critiche fondatissime usando un fraseggio irripetibile che però devo condividere. Io penso che chi riceve delle accuse cosi pesanti, dovrebbe fare due cose:
    1.- contraddire le accuse se ci riesce
    2.- dare le dimissioni

    Meglio la seconda.

    ieri ho letto quanto guadagnano i dipendenti del parlamento ed il gran casino che stanno facendo perché Padoan sta cercado (invano) di ridurre la miniera di euro che serve per pagare quei portaborsa maledetti che succhiano il sangue a chi deve sostenere una famiglia con 1200 euro al mese.

  5. Mauro says:

    Cara sig.ra Elisabetta, bell’articolo, ora e dico ora, cioè subito dobbiamo organizzarci per proteggerci da questi spogliamorti. Ha consigli da darci? fondiamo un partito composto da persone che hanno lavorato una vita per poi godersi in pace gli anni d’argento invece che farceli espropriare? io sono dell’estremo Nord est e penso che veramente dovremmo farci sentire dal governo prima di farci spennare. Non basteranno assicurazioni sulla vita, donazioni, nude proprietà, usufrutti o sparizioni di denaro a farci stare in pace. ORGANIZZIAMOCI.
    Maurettopanetto

  6. Carlo says:

    Ma li popolo dov’è ?????

    • Castagno 12 says:

      Domanda inutile !

      Se leggi e se capisci quello che ho scritto, il popolo italiano DOC c’è, è ben presente e continua A FARE DANNI.

      E’ un popolo pericoloso anche per se stesso, convinto di essere molto intelligente e furbo.

      L’Ue (Unione europea) non è sovietica, E’ MONDIALISTA.

      Punto e basta !

  7. Castagno 12 says:

    Cerchiamo di capirci.

    L’Ue è gestita dai Mondialisti.
    L’Ue è stata voluta ed imposta dagli USA, quale contropartita agli aiuti del Piano Marshall:
    quando Lorsignori danno un ordine, 27 Paesi ubbidiscono.

    Il SuperStato Ue (che si sta trasformando in EURABIA, come da programma) ha una strategia di gestione simile a quella delle Multinazionali e delle grosse Banche (realizzate con fusioni ed acquisizioni).

    I Mondialisti ci hanno imposto, come premier, anche Mario Monti ed Enrico Letta (Bilderberg Group) ed ora Matteo Renzi (Pd).

    Prima avevamo Silvio Berlusconi, Mondialista DOC, “anticomunista” accanito a beneficio dei BABBEI.

    La “famiglia” è la stessa per tutti i sunnominati che sono diligentemente inseriti nel Sistema che ci sta distruggendo.

    E detto SISTEMA viene contestato (a parole), ma approvato e finanziato (nei fatti) dalla maggioranza degli italiani.

    LA DEMENZA LA FA DA PADRONA !

  8. Castagno 12 says:

    E’ importante usare i termini giusti, quelli vecchi vanno aggiornati.

    Il comunismo non è morto, ma è stato rimpiazzato, sostituito dai Mondialismo.

    Anche consultando Internet, si ha la conferma che il progetto e gli obiettivi del comunismo e del mondialismo sono assimilabili.

    COMUNISMO e MONDIALISMO non sono due realtà diverse e distinte:
    SONO LA STESSA COSA !

  9. luigi bandiera says:

    BASTA CHIAMARLI DEMOCRATICI..!!!

    CHIAMIAMOLI COL LORO VERO (o verro) NOME E COGNOME:

    KOMUNISTI e di DX e di SX e di CNT..!

    Il brutto per noi, il bello per loro, di tutta sta kax di faccenda e’ che andiamo a far la fila per VOTARLI..!!!!!!!!!!!

    CE LO MERITIAMO STO ANDAZZO DA TUNNEL INFINITO..!!!!!

Leave a Comment