ECCO I CINQUE PASSI PER APRIRE UNA WEB-TV

di MARIO GRASSO*

Aprire un proprio canale televisivo sul web è veramente alla portata di mano e lontano dai costi faraonici delle televisioni nazionali. Sono cinque i punti sufficienti per poter trasmettere i propri servizi sulla Rete. 5 cose essenziali che ogni videomaker dovrebbe sapere.

Primo: fornirsi di un personal computer (va bene anche un portatile) o un Mac. L’importante e’ avere almeno 2 Gigabyte di RAM e un hard disk con alcune centinaia di gigabyte di memoria, visto che i filmati occupano diverso spazio. Con una spesa di circa mille euro (che si riduce a 600-700 euro per i portatili, con ottime prestazioni) si possono acquistare pc efficenti

Secondo: acquistare una telecamera. Meglio se digitale semiprofessionale. I costi si aggirano intorno al migliaio di euro. Volendo, si può arrivare a spenderne 3-4 mila euro per avrere ottimi risultati a livello di definizione e prestazioni. Alla telecamera si possono aggiungere uno o più microfoni, un trepiedi e qualche faretto. In quest’ultimo caso superiamo le aspettative di una semplice webtv “fatta in casa”.

Terzo: il software per il montaggio. Occorre scegliere se puntare su programmi freeware o andare sui classici Adobe Premiere, Avid o Final Cut (per Mac).

Esistono anche alcuni programmi semiprofessionali come Sony Vegas che offrono ottime prestazioni. La spesa varia dai 400 euro a oltre mille euro, se si aggiungono programmi per la creazione di effetti o lavorazione sui testi.

Quarto: registrare un dominio web. E qui le scelte non mancano. Tutto dipende dalle prestazioni e dal traffico che il sito può generare. Andiamo da una spesa di poco più di 10 euro all’anno fino a diverse centinaia di euro. Il costo di un buon hosting tuttavia può essere intorno ai cento euro annuali.

Buona regola è quella di considerare l’acquisto del servizio di backup (almeno settimanale) per non rischiare di perdere tutto il lavoro svolto. In particolare, il backup è utile in caso di affitto di bande ad hoc.

Quinto: pubblicare il contenuto su una piattaforma. Da Youtube a Ustream, non mancano i siti che offrono servizi gratuiti per la pubblicazione di contenuti multimediali. Sarà importante anche la condivisione dei filmati su altri social network come Facebook, Twitter o Pinterest, il tutto per creare una rete di relazioni efficace in grado di far rimbalzare il proprio messaggio tra i diversi utenti.

Dal punto di vista burocratico non ci sono grossi ostacoli.

A dettare le regole è l’Agenzia delle comunicazioni che con un’apposita delibera ha fissato i ‘paletti’ su come e quando bisogna richiedere l’autorizzazione. Sotto i 100 mila euro di fatturato, o con ricavi annui inferiori a 200 mila non si paga l’autorizzazione.

È necessaria invece – e obbligatoria – l’autorizzazione qualora si superi la soglia e chi apre la tv ha natura giuridica di società, di capitali o di persone, cooperativa, fondazione, associazione riconosciuta e non, persona fisica con oggetto sociale relativo all’esercizio dell’attività radiotelevisiva. L’autorizzazione è valida per 12 anni ed è rinnovabile entro 30 giorni prima della scadenza.

Inoltre, la delibera non prevede l’obbligo di autorizzazione se i palinsesti sono identificati da un unico marchio di durata inferiore a 24 ore settimanali, se i servizi audiovisivi sono a circuito chiuso per gruppi chiusi di utenti o in luoghi pubblici, se si tratta di siti web realizzati da privati o contenenti elementi multimediali accessori (giochi online, motori di ricerca, quotidiani online, ecc.).

*sindacatonetworkers.it

Print Friendly, PDF & Email

5 Comments

  1. Mi dispiace, ma vi sbagliate. Siamo una televisione cristiana che opera dal 2006, e senza fini di lucro. Tutti i miei collaboratori operano gratuitamente, altro che volontariato che nasconde tanti compensi. Io stesso, peraltro, sono il responsabile di TELEBENE Benevento e ci rimetto personalmente, come lavoro e come moneta. Ma tutto e solo per evangelizzare. Siamo una Televisione cattolica.
    Saluti
    Donato Calabrese
    http://www.telebene.it

    • Perchè oggi come oggi non abbiamo risorse economiche e di conseguenza risorse umane sufficienti. Purtroppo un lavoro come questo non si costruisce sul semplice volontariato.
      gl marchi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

LA MERKEL DICE SI' ALL'ACCORDO FISCALE CON LA SVIZZERA

Articolo successivo

BORGOGNI (FINMECCANICA): FAVORI A GIORGETTI E REGUZZONI