Passera: in Italia il federalismo non lo abbiamo mai realizzato

di GIANLUCA MARCHI

”Il nostro Paese e’ stato vicinissimo a perdere la sua sovranita’, indipendenza e dignita’” ma “tutti insieme siamo riusciti a evitarlo perche’ quello che e’ stato fatto e’ stato fatto con la grandissima compartecipazione di tutti”. Cosi’ il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, intervenendo agli Stati generali del Nord promossi dalla Lega in corso al Lingotto di Torino. Per questo, ha aggiunto “se possiamo parlare di crescita e’ perche’ abbiamo passato quel grandissimo momento di rischio”.

Passera, rispondendo a una sollecitazione di Maroni che gli chiedeva se è d’accordo con la proprosta della Lega che intende trattenere in ogni regione il 75% delle tasse pagate (oggi siamo intorno a una media del 35%), ha risposto: “Sul numero ci sarebbe da approfondire. Tuttavia penso che in Italia non abbiamo realizzato il federalismo di cui invece c’è bisogno, visto che il nostro è un Paese così diverso. Invece siamo arrivati al punto che il processo decisionale è totalmente imballato. Dobbiamo stabilire un rapporto diretto fra il livello di responsabilità e le risorse necessarie per realizzarlo, preoccupandoci però di salvaguardare un livello di solidarietà a livello nazionale. Dobbiamo però premiare le amministrazioni virtuose e commissariare veramente quelle che virtuose non sono”.

Il ministro, incalzato direttamente dal segretario federale della Lega Nord Roberto Maroni, parla davanti a una platea di oltre 500 imprenditori ed operatori economici, che per la prima volta si sono riuniti così in forze per una iniziativa del Carroccio. Dalle domande dei presenti, appare evidente come  nel mirino delle critiche vi sia soprattutto il comportamento del sistema bancario, accusato da aver ricevuto i soldi della Bce e averli trattenuti per i propri bilanci, anzichè immetterli nel sistema delle imprese. Chiaramente Passera ha difeso il sistema bancario italiano rispetto ai comportamenti delle banche di altri Paesi e ha spiegato che i soldi della Bce sono rimasti nelle casse degli istituti come conseguenza del fatto che la caduta di credibilità  del Paese aveva bloccato il finanziamento del nostro debito a livello internazionale. Ha illustrato le misure che stanno ora riversando liquidità nel mondo delle imprese, anche se si è detto preoccupato dei livelli di sofferenza che le banche stanno raggiungendo sul fronte del credito alle imprese.

Parlando della crescita e del fatto che l’Italia chiuderà l’anno con una contrazione del Pil tra il meno 2,5/2,6%, il ministro ha confessato che obiettivamente non era possibile aspettarsi di meglio a fronte di circa 100 miliardi di manovre attuate tra governo Berlusconi e governo Monti e alla crisi internazionale che ha abbattuto i valori di borsa e quelli immobiliari, improverendo imprese e famiglie. “A fronte di tale panorama – gli ha replicato Maroni – sono curioso di vedere i bilanci 2012 delle banche, che scommetto saranno invece tutti con segno positivo”.

”Dopo il decreto Salva Italia, mi piacerebbe un decreto ‘salva imprese Nord’ perche’ la locomotiva del Paese sono le piccole e medie imprese del Nord”, ha detto il segretario federale della Lega  al ministro. ”Non concordo sul limitarci al supporto alle imprese del Nord, potrebbe provocare un pericoloso allargamento tra performance del Paese. Ma qui c’e’ la locomotiva, grandi energie da valorizzare”, ha replicato Passera.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

10 Comments

  1. paolo cintolesi says:

    La Lega ha fatto dei danni inimmaginabili, Passera ci prende per il c ….. o, ma quando le tante “siglette” del nord e della Toscana si metteranno a sedere per dare uno scossone a questa marmaglia corrotta, parassita, ladraiola. e poi, Passera dovrebbe dirci cosa ha “combinato” nella sua banca. Già, in Italia, vanno forte le persone che sono indagate o che rubano. A proposito, non sarebbe molto meglio commissariare i diversi ministeri a Roma, compreso il Colle, perché in quanto a sprechi, non gli batte nessuno!!! Chiedo a Passera: ci ha già pensato?

  2. luigi bandiera says:

    Questi stanazzatori vivono su un altro mondo.

    Non ci rappresentano e per cui non ci considerano affatto. Salvo magari per FARTELA PAGARE SE OSI.

    Scrivevo in tempi ormai passati remoti:

    BRIGANTI, RAPINATORI E MANTENUTI SI SONO ISTITUZIONALIZZATI.
    AL SOLO SFIORAR LORO LE VESTI TI FANNO METTERE IN GALERA.
    Dai mo, la verita’ e’ nei fatti.
    Impariamo a leggerli per non soccombere.
    Non per avere ragione, ma SOLO PER NON SOCCOMBERE.

    AMEN

  3. Don Ferrante says:

    Passera ha detto che il Nord è la locomotiva e vi sono grandi imprese da valorizzare !

    Accidenti ! Non ci avevamo mai pensato !

    Proprio vero che i grandi manager a convegno sanno partorire pensieri impossibili alla gente comune !

    Che finezza, che arguzia, che profondità, che lungimiranza !

    Non so se mandare in mona prima Passera o chi l’ha invitato !

    • Culitto Salvatore says:

      … se il nord deve essere la locomotiva così come è stato fin’ora sembra che l’unico modo di salvare l’italia sia dividerla
      se oggi esiste una questione meridionale è proprio perchè il nord si è assunto il ruolo di “locomotiva” utilizzando il sud come un luogo dove prelevare e dando assistenzialismo per le sue mancanze, intendiamoci, non sto dicendo che i cittadini del nord italia hanno sfruttato il sud (il popolo non ha questo potere), sto dicendo ce lo hanno fatto alcune aziende (FIAT??) in concomitanza con i politici che è cosa ben diversa

  4. fabio ghidotti says:

    dove fa gli stati generali la Lega? A Torino? La capitale di quei bastardi che hanno costruito questo aborto che chiamano Italia?
    Credo che la Lega 2.0 sia anche lei un aborto.

  5. Piero says:

    Adesso anche Passera difensore del federalismo…cosa non vi inventate per giustificare la vostra conversione alla “nuova Lega di Roberto Maroni”…

  6. berufo says:

    Uè tonto, la Lega è a sovranità limitata, quindi zitu quando parla il Capo Passera.

  7. Diego Tagliabue says:

    Ci sei arrivato adesso???

Leave a Comment