PASSA IL DECRETO “SVUOTACARCERI”. NO DI LEGA E IDV

di FRANCESCO GALEOTTI

E’ passato. Ancora un sì alla fiducia posta sul decreto cosiddetto “svuotacarceri”, ma il governo continua a perdere consensi. Stavolta a favore dell’esecutivo hanno votato in 420, contri i 469 registrati per il voto sul decreto “milleproroghe” e i 495 per il “salva-Italia”, nonché i 556 che ottenne in occasione delle dichiarazioni programmatiche, all’insediamento di Monti.

Rispetto all’ultima votazione aumentano invece, di poco, i contrari, che passano da 74 a 78, e così gli astenuti, da 5 a 35. Confermate in generale le posizioni registrate nelle ultime settimane, con Pdl, Pd e Terzo Polo a favore del governo, Lega e Idv contro, mentre oggi si è registrata la novità dell’astensione di Popolo e territorio, rinforzata da alcuni singoli deputati di Popolo e libertà. A fare la differenza presenze e assenze: del Pd erano in Aula in 191, il 92,7 per cento del Gruppo; del Pdl in 161, il 76, 3; di Fli in 22, il 91,67; dell’Udc in 33, l’86,8; di Api in 7, il 100 per cento.

La ministra Severino ha ribadito che non saranno liberati criminali pericolosi (vien da chiedere se gli altri non lo siano…), con lei hanno ribadito il concetto altri esponenti del Pd, del Pdl e del Terzo Polo.

Contrario il voto della Lega Nord. Ecco le parole di Bossi: “Tutte le volte che hanno approvato provvedimenti così non hanno funzionato. Ma speriamo che questa volta funzioni”.

Per l’Idv il no è stato spiegato da Federico Palomba: “Questo voto viene espresso a tutela delle prerogative del Parlamento”. Antonio Borghesi, suo collega, è più tranchant: “I paesi seri e civili non conoscono amnistie e condoni, ma perseguono l’obiettivo della certezza della pena, unico vero deterrente alla delinquenza”.

Astenuti i radicali che ritengono che il provvedimento non risolva i problemi strutturali del sistema detentivo. Al contempo, dopo le prese di posizione di leghisti e dipietristi, definiscono questi ultimi “illiberali”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. floriano says:

    ALLORA! QUESTO GOVERNO DI TECNOCRACI, STANNO STUDIANDO UNA POLITICA RIVOLTA AL FUTURO DEI NOSTRI RAGAZZI PER LA CRESCITA DEL PAESE DELLE MERAVIGLIE:

    LA FORMULA RECITA:
    1) SE TI LAUREI IN RITARDO SEI UNO SFIGATO E LA LAUREA CHE HAI PRESO A 28ANNI , DEVI CONSIDERARLA CARTA PER IL CULO.

    2) SE HAI FORTUNA CON LA F MAIUSCOLA DI TROVARE UN POSTO DI LAVORO FISSO, DEVI PRENDERE LA DECISIONE DI CAMBIARE PERCHE’ RISCHI LA MONOTONIA (grave malattia) DEL SOLITO LAVORO.

    3) DEVI TROVARE E PROVARE ALTRI LAVORI MA TI RACCOMANDANO IL PIU’ LONTANO POSSIBILE DA MAMMA’, FOSSE FACILE VIVERE DA SOLI CON 1000€ AL MESE PROVASSERO LORGNORI.

    4) CONSIDERATA LA MONOTONIA DEL FARE UN CAZZO IN CARCERE, MANTENUTI CON SPESA DI 300€ GIORNALIERE, PER NON RENDERLI NERVOSI DELLA MONOTONIA MANTENUTA, LI LIBERANO TUTTI O IN PARTE, COSI’ FACCIAMO GIRARE L’ECONOMIA DEGLI AVVOCATI D’UFFICIO ASSEGNATI IN DIFESA, A COSTORO SEMPRE E COMUNQUE A CARICO DEI SOLITI, SFIGATI, MAMMONI E LAVORATORI PRECARI O FISSI MONOTONI.

    DOPO QUESTA BREVE ANALISI MI CHIEDO CHE CAZZO SI FUMANO QUESTI INSULSI DENTRO LE MURA DELLE PORCELLAIE DI CAMERA E SENATO,
    PER ABBORTIRE E LEGIFFERARE QUESTE LEGGI INFAMI?

    CONSIGLIO LORO DI CAMBIARE FORNITORE AL PIU’ PRESTO.

    W IL VENETO LIBERO.

  2. Domenico says:

    Fuori i delinquenti e giudici deresponsabilizzati di nuovo. Che la ministra affermi che delinquenti pericolosi non potranno circolare per le strade italiane fa solo ridere. Il guaio è che possono circolare liberamente i mandanti e i componenti di questo governo….

  3. marcopolo says:

    Forse sono male informato, ma la Lega non aveva recentemente votato a favore di un Decreto di Alfano che anticipava gli arresti domiciliari a coloro cui mancavano 12 mesi alla fine della pena?
    12 o 18 fa poi tanta differenza?
    Oppure si è colta un’altra occasione per prendere in giro il proprio elettorato, che evidentemente si giudica fatto di tanti inguaribili fessi?

Leave a Comment