TANTI AUGURI A TUTTI I LETTORI DELL’INDIPENDENZA

di REDAZIONE

 

Print Friendly, PDF & Email

11 Comments

  1. AUGURI ALLA COPPIA DI GIORNALISTI PIU’ FORTE DEL MONDO.. E AUGURI ANCHE A TUTTI QUELLI CHE HANNO CREDUTO E SOSTENUTO “L’INDIPENDENZA”.. AVANTI TUTTA VERSO LA LIBERTA’ DEI POPOLI PADANI..

  2. Grazie ragazzi che con il vostro coraggio che vi ha sempre contradistinto,avete messo a nudo la tristissima realtà del partito azienda lega nord, spiegando attraverso le vostre testimonianze dirette, le vere intenzionalità di lor signori.Un movimento che è nato nel segno di poter dare una speranza al popolo del nord, trasparenza, legalità, onestà, ecc. ecc. e invece ci troviamo difronte ad una realtà opposta. Spero che gli scandali che sono emersi in questi giorni possono servire ha svegliare le coscienze e non solo, di tanti militanti , sostenitori, simpatizzanti leghisti che in buona fede abbiamo ” mi ci metto anch’io ovviamente” contribuito a diffondere le idee indipedentiste autonome ecc. del movimento sopra citato. Mi fermo qui,ho tanta rabbia in corpo, che continuerei per giornate intere per esprimere la mia delusione, e tritezza per un movimento che ha illuso migliaia e migliaia di gente onesta.

    AUGURI DI BUONA PASCQUA COMUNQUE

    ROBERTO

  3. Contraccambio vivissimi auguri con l’augurio di una resurrezione italiana contro questi beceri che non meritiamo.

  4. GRAZIE E ALTRETTANTO A VOI DE LA REDAZIONE.

    E, ma, ocio ai vovi che i vol ciaparli a marteae sti super noti talibani, e questo parche’ semo drio ribearse.

    Salutis

  5. LegaNord DEVE MORIRE prima possibile e nel modo +agonizzante.
    .
    imho penso che bisogna anticipare ASAP la convention di Jesolo.
    bisogna colpire subito, adesso che sono in rotta ed abbiamo
    tutti i riflettori addosso.
    oggi posto a tappeto questa priorità ASSOLUTA.
    SerenissimiSaluti

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

I GIUDIZI "LECCA LECCA" DI REGUZZONI SUL TROTA E LA MANUELA

Articolo successivo

LEGGI, REGOLAMENTI E CIRCOLARI: E' L'ITALIA DEI BUROCRATI