PRATO, LA LEGA PERDE PARADISO E TOSONI

di REDAZIONE

«Dopo mesi passati a cercare di smussare gli angoli per ritrovare una unità di intenti e per riprendere un cammino univoco adesso, in seguito agli accordi presi a Milano in occasione della manifestazione leghista contro il Governo Monti e dopo le intenzioni espresse anche a livello federale, posso ufficializzare le dimissioni di Emilio Paradiso e Federico Tosoni dalla Lega Nord». Queste le parole del Commissario Provinciale della Lega Nord di Prato, Matteo Grazzini, all’indomani della ratifica delle dimissioni, le seconde nel giro di due mesi dopo la non accettazione delle prime, presentate da Paradiso e Tosoni. A confermare che i due consiglieri non fanno più parte del Carroccio è anche il commissario nazionale toscano, onorevole Gianni Fava, il quale ha affermato che, «in virtù di tale scelta, al Federale non risultano essere più militanti della Lega Nord e, quindi, non sono più autorizzati a parlare a nome e per conto della Lega Nord».

«Attirandomi non poche critiche da parte della base – riprende Grazzini –, ho sempre cercato di mediare e far ritrovare unità all’interno del movimento pratese, anche in virtù del 10% ottenuto alle elezioni regionali, simbolo di grande fiducia dei pratesi nella Lega. Purtroppo, con il passare del tempo, le divergenze di vedute politiche e le affinità tra i vari soggetti che rappresentano la Lega a Prato sono diventate troppo ampie ed a questo punto il distacco è inevitabile. Sono certo che il senso di responsabilità di Paradiso e Tosoni sia tale da garantire, come loro stessi hanno dichiarato, l’appoggio alla maggioranza e al sindaco Cenni, che la Lega Nord conferma una volta di più. Per questo avremmo sperato di arrivare ad una separazione dopo il voto contro la mozione di sfiducia al sindaco presentata da PD e IdV. La cosa non è stata possibile per l’accelerarsi delle decisioni dall’una e dall’altra parte. Paradiso e Tosoni restano due elementi con i quali confrontarsi nel dibattito politico e all’interno della maggioranza anche se sceglieranno la strada aperta recentemente da altri ex leghisti». E, proprio su Identità Toscana, Grazzini chiarisce che «tale movimento non ha niente a che vedere con la Lega Nord, non è di area leghista e non ne sostiene assolutamente le idee. Infatti, Identità Toscana è apparentato con “Io amo l’Italia” di Magdi Cristiano Allam. E, alla luce della manifestazione di Milano, credo che i leghisti toscani abbiano ben indicato quale strada preferiscano…». Proprio dopo la manifestazione milanese, il Consiglio Federale della Lega ha dato il via libera ai vari congressi provinciali. A Prato, salvo rinvii di una settimana al massimo, si svolgerà sabato 25 febbraio.

FONTE ORIGINALE: http://www.ilsitodiprato.it/content/794-lega-nord-paradiso-e-tosoni-si-dimettono

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment