Franceschini dequalifica Palazzo Ducale a Mantova. E bravo!

di BRUNO DETASSIScomune mantova

La notizia è questa. Palazzo Ducale a Mantova per il ministro Franceschini conta come il due di picche. Lo vuole relegare ad una fascia minore e siccome Mantova non ha proprio nulla, ma proprio nulla da vedere, le si può togliere anche la Soprintendenza. Misteri della Roma che vede e sprovvede ma che sta facendo reagire l’identità dei mantovani purosangue sui social. E così, in testa una penna e soprattutto una voce nota come Luciano Ghelfi, Tg2, l’inviato apprezzato dal Parlamento, una delle rare voci che con equilibrio raccontano il palazzo, ha preso le difese della sua città, interrogando quel Palazzo sullo scippo incomprensibile.

Ecco cosa si legge:

Musei e siti archeologici con direttore dirigente di I fascia
Colosseo ed area archeologica di Roma 5.625.219
Pompei, Ercolano e Stabia 2.413.515
Galleria degli Uffizi; 1.875.785
Galleria Borghese 498.477
Reggia di Caserta; 439.813
Gallerie dell’Accademia di Venezia; 324.000
Pinacoteca di Brera; 249.579
Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma 132.315
Museo di Capodimonte; 116.627
Musei con direttore dirigente di II fascia
Galleria dell’Accademia di Firenze; 1.257.261
Museo Archeologico Nazionale di Napoli; 308.387
Museo Nazionale Romano Roma 247.795
Pasestum 242.218
Galleria Sabauda di Torino; 229.534
Museo Nazionale del Bargello; 207.240
Palazzo Reale di Genova; 39.159
Museo Archeologico Nazionale di Taranto; 27.617
Museo nazionale d’arte antica di Roma; 11.641
Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria; 11.522
Galleria Estense di Modena; chiuso causa terremoto

Questa la graduatoria dei venti musei che avranno un direttore proprio, mentre tutte le altre strutture statali finiranno nei calderoni regionali. I dati vengono dal sito del Ministero dei Beni culturali e sono relativi al 2013. Leggendoli l’esclusione del Palazzo Ducale di Mantova mi risulta del tutto incomprensibile, se si pensa che con la Camera degli Sposi chiusa nel 2013 gli ingressi al Ducale sono stati 163593 (oltre a 11835 al Museo Archeologico). Nel 2011, ultimo anno con la Camera aperta, gli ingressi furono 220.141 (e 1\5.163 all’archeologico). un livello superiore ad almeno due musei di prima fascia e quattro di seconda fascia.
La misura dei biglietti staccati non è una cifra assoluta, ma è molto indicativa. e gioca tutta a favore di Mantova ‪#‎franceschiniripensaci‬

Quanto si legge sul profilo dell’inviato non fa una piega.

Ma a seguire ecco altre prese di posizione. Scrive Emanuele Salvato su L’Altra Mantova:

“Mentre la riforma del Mibact, ideata dal ministro Franceschini, vorrebbe togliere a Mantova la Soprintendenza e relegare il Museo di Palazzo Ducale, fra i più visitati in Europa, in una serie minore, la buona notizia è che sabato 19 luglio riapre al pubblico la Camera degli Sposi di Mantegna nella torre del castello, chiusa da quando il sisma del 2012 ha picchiato duro su Mantova e i suoi fragili monumenti.

L’attesa per quest’evento è altissima a testimoniarlo le 1895 prenotazioni già registrate per le visita alla Camera Picta, per tutto il periodo di riapertura (dati forniti da Charta). Una cifra record, raccolta in sole due settimane e destinata a crescere, che da sola dovrebbe far capire a Franceschini che la sua riforma è da rivedere in alcuni aspetti.

La mobilitazione dei cittadini, prima che quella dei politici di casa nostra, è stata immediata e su change.org è partita una petizione firmata, al momento, da oltre 140 persone e indirizzata proprio al ministro con quest’invito: “Riveda il piano di riorganizzazione dei beni culturali o trovi comunque una soluzione per valorizzare Palazzo Ducale di Mantova, patrimonio Unesco, con le opportunità previste dal suddetto piano”.

Tornando alla riapertura della Camera degli Sposi, ricordiamo che questa è temporanea, fino al 5 ottobre, data fissata per la richiusura. Che durerà almeno fino a fine novembre, per permettere gli utlimi lavori di consolidamento del castello e l’allestimento del nuovo percorso museale.

L’ingresso avverrà da piazza Castello, ma la biglietteria è sempre quella in Corte Vecchia. L’ingresso è previsto dalle ore 8.30 alle ore 18.30. Le prenotazioni sono ammesse per gruppi di 20 persone ogni dieci minuti e dentro la Camera Picta si rimane cinque minuti. Tutte le info su www.mantovaducale.beniculturali.it”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment