Palageox a Padova, il 19 ottobre convention del Partito dei Veneti con Grande Nord. Il Veneto ha una marcia in più

IMG-20191013-WA0024 (1)

 

 

di Stefania Piazzo – Può dar fastidio, ma è il dato politico, la novità che muove le acque stagnanti del Nord. La nascita del Partito dei Veneti, che vede come alleato Grande Nord Veneto per le prossime regionali del 2020, è il primo sussulto organizzativo che si mette dall’altra parte della barricata. I veneti sono concreti, sanno organizzarsi, il senso di appartenenza ad una identità in loro è decisamente più forte rispetto ad altre realtà. E’ un fatto naturale, arrivano da secoli di autonomia, di indipendenza, di gestione del territorio e di rapporti con la mitteleuropa  e l’oriente che nessuna altra parte del Paese può vantare. Sono stati una Repubblica, non hanno mai avuto bisogno degli altri, se la sanno cavare da soli anche in questo momento. E Grande Nord Veneto lo sta dimostrando, senza chiedere aiuto a nessuno.

La convention del Palageox è un evento che scuote la parte democristiana della gestione regionale del Veneto, il quieto vivere, gli equilibri di potere. Ecco, da adesso non è nulla così scontato. E il gruppetto di eroici indipendentisti, federalisti e autonomisti, punta ad espugnare un pezzo di consiglio. Fanno sul serio. Lombardi, piemontesi, liguri, emiliani, romagnoli, hanno un varco aperto. Imparino.

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. E’ nato il partito dei Veneti e intendiamo essere e diventare l’ago della bilancia alla Regione Veneto.
    Se non altro diventeremo sicuramente la spina nel fianco in Regione a chi rallenta o cerca di impedire qualsiasi autogoverno del Popolo Veneto come recita un articolo dello Statuto della Regione.
    L’autonomia è il primo obbiettivo da raggiungere ed avere le risorse economiche per il nostro territorio.
    A roma dovranno farsene una ragione. E sia Boccia che Salvini che Conte che Di Maio, dovranno prendere atto che prendere in giro ancora i Veneti potrebbe costare loro molto caro in termini di consensi.
    Un passo alla volta ma senza mai retrocedere di un passo , appunto.
    Abbiamo dalla nostra la ragione, il nostro passato, la nostra etica, la nostra storia, la nostra lingua, le nostre tradizioni e soprattutto la nostra forza democratica che si scontra di continuo con uno stato imbelle, vigliacco, tronfio di retorica stantia, corrotto e mafioso e se tutto ciò non bastasse uno stato fiscalmente impossibile da sopportare oltre.
    Le premesse ci sono tutte per un grande successo, confidiamo che i Veneti siano consapevoli che senza democrazia e libertà vera non c’è nemmeno gradimento alla vita stessa.
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Avanti così euroscettici non si nasce, si diventa

Articolo successivo

Catalogna - Bernardelli, Grande Nord: inquisizione spagnola condanna l'indipendenza ma non ferma la lotta per libertà