ASL, ecco i tempi di pagamento delle fatture regione per regione

di OSSERVATORE PADANO

Cos’è la la rubrica silenziosa? La statistica è una scienza fatta di dati e cifre che quasi sempre non necessitano di commenti. In questa rubrica, i commenti vi verranno spontanei, confrontando tabelle e immagini.

L’Indipendenza pubblica i dati di indagini scelte casualmente fra quelle disponibili e le visualizza sulla carta della penisola italica. Una tavola evidenzia i dati per regioni o province, un’altra li attribuisce alle aree omogenee e identitarie: Padania, Etruria (Toscana, Umbria e Marche), Lazio, Meridione, Sardegna e Sicilia. Brevi commenti sono riservati solo in caso di evidenti anomalie. 

I pagamenti delle Asl

Tempo medio di pagamento di una fattura da parte dell’Asl, per regione

Fonte: Ufficio Studi CGIA di Mestre su dati Assobiomedica, 2011

Media dei giorni necessari per un pagamento
Trentino-SudTirolo

92

Friuli-Trieste

94

Lombardia

112

Valdaosta

113

Basilicata

140

Marche

157

Umbria

161

Liguria

196

Abruzzo

217

Toscana

246

Piemonte

273

Veneto

281

Sicilia

285

Emilia-Romagna

288

Puglia

309

Sardegna

312

Lazio

387

Campania

771

Molise

829

Calabria

925

PADANIA

199

ETRURIA (Toscana, Umbria, Marche)

211

MERIDIONE (Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria)

582

ITALIA

299

CLICCA SULLE IMMAGINI PER INGRANDIRLE

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

7 Comments

  1. Alessandro says:

    Bene; noto che in Emilia-Romagna i pagamenti tardino il doppio del tempo rispetto alla Basilicata. Non dite che é colpa del terremoto, perché i dati statistici sono del 2011… guarda caso di un’istituzione di Mestre, regno Lombardo-Veneto Austro-Ungarico, lo stesso che all’epoca dell’annessione all’Italia era al collasso (ed infatti Brasile e Argentina hanno grosse percentuali di discendenti dei Veneti che ivi emigrarono).
    State attenti a non includere la Repubblica Alpina nella Padania: avreste nemici forse non tanto potenti ma certamente agguerriti.
    Quello che tanto bellamente chiamate ‘Meridione’ chiamatelo col proprio nome “Italia”: vi ricordo che l’Italia era in origine la parte meridionale dell’attuale Calabria; dopo l’VIII sec a.C. i Greci estesero il nome all’intera penisola calabra e solo in epoca romana repubblicana il toponimo si era esteso a tutta l’attuale penisola italiana, Gallia Cisaplina esclusa, la quale venne inclusa solo in epoca augustea.

    • Salvo says:

      D’accordo, il nome italia faceva riferimento a parte della Calabria tanti e tanti secoli fa…ma oggigiorno, parlando di Italia come stato è riconducibile al centro-Nord!

      Al Sud lo Stato italiano c’è solo per rubare.

  2. Salvo says:

    Si divertono a giocare a “risiko”….gli unici veri confini “nazionali” che hanno indovinato sono quelli di Sicilia e Sardegna…per il resto è un’enorme fesseria a forma di Italia.

  3. vitt says:

    un’italia completamente da rifare

  4. Raf says:

    Io conoscevo la patana no la patania
    Gran ducato di toscana ,Etruria preistorico.
    Regno delle due sicilie distrutto per fare largo a massoni piemontesi e mafiosi.

  5. Salvo says:

    Molto illuminante…LOL

Leave a Comment