PAB, nessun partito territoriale, ma Belluno Provincia autonoma

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Preso atto della riuscita dell’iniziativa condotta da comitato per salvare  la provincia di Belluno ed alla luce dei temporeggiamenti  governativi , il PAB raccoglie l’invito di Paolo Bampo a soprassedere al varo di un partito territoriale unilaterale già programmato per il 25 novembre.

La concreta possibilità di veder allargare alle componenti sociali più varie la condivisione di un progetto partitico autonomista unitario e del territorio dolomitico veneto, ci spinge a destinare la data del 25 novembre ad altra iniziativa, sempre afferente alle finalità del nostro movimento: Provincia Autonoma/Regione Dolomiti nel Veneto Indipendente/Stato federale.

Nel volgere di qualche settimana il PAB prenderà contatto con le forze sociali e di rappresentanza locale al fine di verificare concretamente le possibilità di attuazione di quanto sopra.

Massimo Vidori -PAB

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

2 Comments

  1. Paolo Bampo says:

    @giannarcixo
    hai perfettamente ragione ed è proprio per questo che noi abbiamo inserito nella nostra piattaforma programmatica (PAB) la realizzazione della nostra autonomia all’interno dello stato indipendente del Veneto (già dal 2003!)
    E’ più facile da ottenere ma è anche migliore.
    L’Indipendenza rende tutti più forti e tutto più facile.

  2. giannarcixo says:

    Ho cercato più volte di spiegare che per avere Belluno provincia autonoma bisogna cambiare l’assetto costutuzionale.
    In sostanza per avere il risultato di Belluno provincia autonoma (che sarebbe un risultato fantastico) bisogna chiedere a roma e a roma nessuno concederà niente ai Veneti, anzi, loro sono in netta maggioranza e sono abbituati da 146 anni a farsi mantenere e certamente a roma non vogliono cambiare!
    Solo l’indipendenza restituirà ai Veneti la facoltà e la gioia di promuovere responsabilmente la tutela del proprio patrimonio naturale e culturale facendo di Belluno il gioiello che merita di essere.

Leave a Comment