Per il 2013, il consiglio delle banche è comprare oro

di REDAZIONE

I massicci interventi di stimolo dalle banche centrali continueranno a fornire sostegno all’economia ponendo anche le condizioni per un’ulteriore ripresa degli utili aziendali. In questo contesto i mercati azionari globali dovrebbero continuare a crescere nel corso del 2013 anche se occorrerà mantenere un atteggiamento di cautela scegliendo con cura i titoli su cui puntare anziché privilegiare un approccio per settore.

Sono queste le raccomandazioni per il 2013 di Union Bancaire Prive’e, la banca privata elvetica con asset in gestione per 76 miliardi di franchi svizzeri, che oggi a Milano ha presentato la sua view per il prossimo anno. Secondo Michel Girardin, responsabile della ricerca economica, va privilegiata un’esposizione azionaria all’interno dei portafogli, privilegiando le grandi societa’ presenti sulla scena internazionale, che operano in segmenti di mercato con barriere di accesso e generano cash flow regolari, riuscendo cosi’ a versare dividendi sempre piu’ elevati.

Fra le classi di asset, gli esperti di Ubp consigliano di puntare sulle obbligazioni societarie, soprattutto le convertibili e quelle high-yield mentre il debito sovrano non appare allettante, da una parte perche’ i titoli rifugio come i bund tedeschi e i Treasury non offrono ormai piu’ alcun rendimento e dall’altra perche’ rimangono elementi di incertezza sul debito periferico. Fra le altre classi di asset, Upb consiglia di puntare sull’oro perche’ la “latente monetizzazione del debito pubblico e le politiche monetarie delle banche centrali rischiano di erodere il valore delle valute dei paesi che stampano piu’ moneta”.

In questo contesto, “l’oro e’, senza ombra di dubbio, uno dei favoriti di questo corso e le sue quotazioni continueranno a salire, parallelamente con l’espansione monetaria”.

FONTE: RADIOCOR

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

Leave a Comment