LEGA: 3 MILIONI PER SEZIONI. MA I SONDAGGI DICONO 5,7%

di REDAZIONE

La seduta del Consiglio Federale della Lega Nord riunito nella sede di via Bellerio ha «deciso di stanziare 3 milioni di euro recuperati da alcuni fondi da mettere a disposizione delle sezioni e dei militanti, e in parte per continuare il rimborso di chi è stato ‘vittima’ di Credieuronord». Lo ha detto Roberto Maroni parlando con i giornalisti prima di lasciare via Bellerio.

A fronte di queste notizie arriva invece la doccia fredda dagli ultimi sondaggi. Quello di stasera di EMG per il Tg La7 il Carroccio scende per la prima volta sotto il 6%, fermandosi addirittura al 5,7%.

OPERAZIONI “SOSPETTE” DI STIFFONI SUL CONTO DELLA LEGA: ESPULSO

La procura sta svolgendo accertamenti su diverse operazioni sospette ordinate dal senatore Piergiorgio Stiffoni sul conto del gruppo della Lega in Senato per il quale aveva la delega fino a due giorni fa, quando si è autosospeso dal movimento. Il senatore, ex componente del comitato amministrativo, nei giorni scorsi si era autosospeso, ma oggi è stato espulso dal movimento. Il sospetto è che si sia reso responsabile del reato di peculato, perché si tratta di soldi pubblici destinati al funzionamento del gruppo parlamentare. È quanto trapela in merito al lavoro dei pm che per il momento hanno iscritto nel registro degli indagati, con le accuse di truffa aggravata e appropriazione indebita, solo l’ex tesoriere Francesco Belsito. Gli accertamenti relativi a Stiffoni e al conto presso la banca Bnl in Senato sono nati da alcune segnalazioni di operazioni sospette da parte dell’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia. In merito all’ordine di grandezza di tali operazioni – ovvero emissione di assegni circolari e prelievi in contanti – permane il massimo riserbo, così come sulla causale delle operazioni, e sul periodo temporale in cui sono state eseguite. Sul conto, tuttavia, transitano ogni anno milioni di euro, tra i 3 e i 4 solo per l’anno 2010-2011, provenienti dallo Stato e destinati unicamente alla gestione delle spese del gruppo parlamentare. L’ipotesi al vaglio dei magistrati è quella di peculato, e non di appropriazione indebita, perché si tratta di soldi pubblici e perché il gruppo del Senato ha una funzione pubblica.

Stiffoni è stato sentito come persona informata sui fatti lo scorso 20 aprile, il giorno dopo l’acquisizione dall’Uif da parte della procura sui movimenti relativi ai due conti personali su cui sono transitati 200mila euro per il noto investimento in diamanti. Si scopre ora che Stiffoni è stato sentito anche in merito alle operazioni ordinate sul conto del gruppo del Carroccio in Senato e che di fronte a risposte che non quagliavano con i primi accertamenti fatti, i pm hanno preferito interrompere le domande su questo tema, perché avrebbero dovuto procedere con la sua iscrizione nel registro degli indagati a titolo di garanzia, di modo che potesse farsi assistere nell’interrogatorio da un legale, altrimenti non avrebbero potuto utilizzare le dichiarazioni come fonte di prova in caso di una successiva iscrizione. Quindi il 27 aprile è stato sentito Federico Bricolo, capogruppo della Lega in Senato e dunque titolare della firma sul conto in Bnl. Da quanto trapela, il senatore ha negato di essere a conoscenza di quello che faceva Stiffoni su tale conto e di essersi sempre fidato di lui.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

2 Comments

  1. sciadurel says:

    5,7% è ancora tantissimo per un partito che si è dimostrato marcio come gli altri, oltre ad aver fallito tutti gli obbiettivi e le promesse millantate ai poveri ciulapadani

  2. Lucafly says:

    Ribadisco con le prossime elezioni speriamo si celebri il funerale della Lega Nord e di tutti i suoi accoliti GRANDI TRADITORI……..
    Amen

Leave a Comment