Openpolis, coronavirus: le conseguenze per Camera e Senato

 

rassegna stampa
di Openpolis – Per affrontare l’emergenza Coronavirus il governo Conte II ha deliberato 5 diversi decreti legge, di cui 4 attualmente in discussione, incluso il Cura Italia. A questi bisogna poi aggiungere anche il decreto cuneo fiscale, testo a completamento della manovra.

Uno dei problemi che però sta emergendo è l’impossibilità per il parlamento di riunirsi per discutere e votare gli atti, rispettando le indicazioni di sicurezza date dal governo.

Molte sono le possibilità sul tavolo: dall’accorpamento di alcuni testi, alla creazione di commissioni speciali (con capacità di discutere decreti legge), passando per il voto online (attualmente opzione complessa).

Una cosa però è certa, ad oggi questa emergenza sanitaria sta mettendo anche in forte difficoltà il nostro parlamento. Il ruolo di camera e senato non è solo quello di approvare i decreti del governo, ma anche di discuterli per migliorarli.

 

segue su https://www.openpolis.it/numeri/come-approvare-i-decreti-per-il-coronavirus/?utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_term=MailUp&utm_content=MailUp&utm_campaign=Newsletter

Print Friendly, PDF & Email

1 Comment

  1. Ma dove sta il problema?
    Il governo fa un decreto con il quale in deroga ai precedenti decreti emessi autorizza i politici a partecipare alle sedute programmate del parlamento e del Senato.
    La verità è che questi qui hanno timore di prendersi il virus e vogliono restarsene a casa.
    Ma, essendo loro i massimi rappresentati del Popolo, non lo devono fare. Non ho scritto non lo possono fare perché lo hanno già fatto sancendo il diritto di fare una sola assemblea alla settimana.
    Perché tanti altri lavoratori più necessari di loro devono proseguire l’attività costi quello che costi ????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
    Vergogna è la parola giusta ma troppo blanda per dire la nostra indignazione a questi “qui” !!
    WSM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

All’Italia, Alitalia. Per i veneti vogliamo altro

Articolo successivo

Dallo smart working alla scuola smart in tempi di guerra virale