Onu, al via l’assemblea generale in un clima di grandi divisioni

di REDAZIONE

Al contrario dell’assemblea generale dell’Onu del 2011, quando sulla spinta della Primavera Araba la parola chiave era: ”Speranza”, il clima politico nel tempio della democrazia internazionale e’ quest’anno caratterizzato dai contrasti, dalle divisioni trasversali che sono tornati a prevalere tra i grandi del mondo. Oltre 120 leader mondiali prenderanno da martedi’ la parola dal podio nella grande sala del Palazzo di Vetro dell’Onu, per esporre e affrontare i problemi del mondo, e in particolare il dopo Primavera Araba: ”Il dibattito di quest’anno all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sara’ uno dei piu’ attivi di sempre”, ha detto il segretario generale Ban Ki-moon.

Lo stallo sulla Siria, la recente ondata di collera islamica per il film e le vignette contro il Profeta Maometto, la linea di confine tra liberta’ di espressione e denigrazione della religione, le sfide alla democrazia nei Paesi arabi, il braccio di ferro sul nucleare iraniano pesano come macigni, affermano fonti diplomatiche. Si tratta di questioni che certamente verranno affrontate, ma che difficilmente registreranno svolte. Il presidente Barack Obama salira’ sul podio martedi, quando mancheranno appena sei settimane alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

La Casa Bianca ha fatto sapere che parlera’ delle manifestazioni e dei tragici eventi in Libia, della Siria, dell’Iran. Nessuno si aspetta pero’ che tracci ‘linee rosse’; mentre e’ gia’ noto che ripartira’ molto presto, per tornare ad occuparsi della campagna elettorale, e non avra’ i consueti incontri bilaterali a margine dell’assemblea. Obama avra’ pero’ alcuni faccia a faccia informali nel corso del ricevimento che darà domani sera in un grande albergo di New York, a cui partecipera’ anche il presidente del consiglio Mario Monti, il cui intervento all’assemblea e’ in calendario mercoledi. Il suo discorso, riferscono fonti di Palazzo Chigi, si incentrera’ sulla crisi economica internazionale e sul ruolo dell’Italia nella nuova governance europea, sul corso della primavera araba, la lotta al terrorismo.

Un’attesa particolare circonda l’intervento del primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu, che parlera’ giovedi’, dopo mesi di speculazioni su un possibile attacco militare alle installazioni nucleari iraniane. E’ probabile che affronter… ancora una volta la questione dell’efficacia delle sanzioni a Teheran. Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad parlera’ a sua volta mercoledi’, e certamente sollevera’ la questione delle sanzioni al suo Paese, verso un cui inasprimento hanno peraltro espresso contrarieta’ Russia e Cina. Mosca e Pechino, che hanno bloccato in Consiglio di Sicurezza tre diverse risoluzioni contro il regime al potere in Siria, saranno a loro volta presenti solo a livello di ministri. Ma al di la’ dell’Assemblea generale, i grandi dossier internazionali verranno affrontati anche in varie riunioni e conferenze al Palazzo di Vetro. Tra i piu’ pressanti, fonti diplomatiche mettono in evidenza il controllo assunto nel Nord del Mali da gruppi legati ad al Qaida; la crisi umanitaria nel Sahel, che colpisce quasi 19 milioni di persone in nove Paesi della regione; la Somalia dove le grandi potenze mirano a consolidare i progressi raggiunti con l’elezione il 10 settembre del nuovo presidente Hassan Sheikh Mohammed. Non mancheranno quelli legati alle istanze indipendentiste, che hanno in scaletta referendum secessionisti a breve scadenza, vedasi Catalonya e Scozia.

C’e’ poi la questione della riforma del Consiglio di Sicurezza. Mercoledi’, il ministro Giulio Terzi ospitera’ una riunione ministeriale del Gruppo Uniting for Consensus sulla riforma, di cui l’Italia e’ presidente, che ha l’obiettivo di rilanciare gli sforzi per una soluzione di compromesso che sblocchi i negoziati in corso ormai da quasi 20 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Albert Nextein says:

    A cosa serve realmente l’onu?
    Quanto costa annualmente?
    Chi paga ed in quali proporzioni?
    Se ha debiti,quanti sono e con chi li ha contratti?

    Dove posso ricavare queste informazioni?
    Qualcuno di voi le ha?

Leave a Comment