Oms, la strategia per superare la pandemia, un piano in quattro azioni

“Prima di tutto, preparatevi, siate pronti. Vi sono ancora 77 paesi e territori senza casi segnalati e 55 che hanno riportato meno di 10 casi. E tutti i Paesi con casi hanno aree non interessate. Avete l’opportunità di mantenere così la situazione, dunque occorre preparare il personale e le strutture sanitarie. In secondo luogo, rilevare, prevenire e curare. Non si può combattere un virus se non sai dove si trova, ciò significa una solida sorveglianza per trovare, isolare, testare e trattare ogni caso, per spezzare le catene della trasmissione. Terzo, ridurre e sopprimere. Per salvare vite umane dobbiamo ridurre la trasmissione. Ciò significa trovare e isolare il maggior numero possibile di casi e mettere in quarantena i loro contatti più stretti. Anche se non è possibile interrompere la trasmissione, è possibile rallentarla e proteggere strutture sanitarie, case per anziani e altre aree vitali, ma questo può avvenire solo se si verificano tutti i casi sospetti”.

“E in quarto luogo – evidenzia il Dg – innovare e migliorare. Questo è un nuovo virus e una nuova situazione. Stiamo tutti imparando e tutti dobbiamo trovare nuovi modi per prevenire le infezioni, salvare vite umane e ridurre al minimo l’impatto. Tutti i paesi hanno lezioni da condividere. L’Oms lavora giorno e notte per supportare tutti i paesi. Abbiamo spedito forniture di dispositivi di protezione individuale in 57 paesi, ci stiamo preparando a spedirli in altri 28 e abbiamo inviato forniture di laboratorio in 120 paesi”.

“Oltre 440 milioni di dollari sono stati ora impegnati nel piano strategico di preparazione e risposta dell’Oms: ringraziamo i paesi che hanno contribuito, in particolare quelli che hanno contribuito con fondi completamente flessibili. Poiché questa è una situazione dinamica, abbiamo bisogno della massima flessibilità possibile per fornire il miglior supporto possibile”, ha sottolineato Tedros Adhanom Ghebreyesus.
(Adnkronos)

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Perché i 40 anni del Servizio sanitario nazionale sono più importanti dei 150 anni stracelebrati dell'unità d'Italia?

Articolo successivo

The Day After. Scioperi nelle fabbriche rimaste aperte, dove arrivano i primi contagi