Omicidio Moro. Lo Stato delle nebbie eterne

di REDAZIONE

Una moto con due uomini dei servizi a bordo, armati, in via Fani la mattina del rapimento di Aldo Moro. Lì per “proteggere” i brigatisti da eventuali ostacoli. A 35 anni di distanza da quel 16 marzo i due sono entrambi morti. Di uno ancora non si conosce l’identità mentre, dell’altro, si conosce nome e cognome: Antonio Fissore. Ma la moglie di questo smentisce che il marito in quel marzo del ’78 potesse essere a Roma. Eppure, in casa di Fissore, sono state trovate 2 armi, nella cantina una copia di Repubblica del 16 marzo 1978, una busta con un foglio dell’ex sottosegretario alla difesa Franco Mazzola ritenuto uomo che sa molto della vicenda Moro. Che ne è stato dei documenti desecretati e versati all’archivio di Stato gli ultimi 1.200 documenti riservati sul caso Moro?

Sul presunto coinvolgimento dei servizi segreti nelle fasi del sequestro di Aldo Moro, il procuratore generale di Roma Luigi Ciampoli ha detto che richiederà gli atti di indagine alla Procura di Roma “per le opportune valutazioni”. I  pm romani avevano ascoltato Enrico Rossi, l’ispettore di polizia in pensione che aveva riferito all’Ansa l’esito di una sua inchiesta da cui emergeva la presenza di due esponenti dei servizi a bordo della moto Honda notata in via Fani durante il sequestro del presidente Dc.

E mentre la magistratura cerca di far luce sui fatti di quei giorni, la moglie di uno dei due presunti agenti che avrebbero coperto le Br in via Fani si fa viva ed afferma che è assai improbabile che il marito fosse quella mattina a Roma. Franca Faccin, moglie di Antonio Fissore, dice di ricordare che in realtà nel 1978 l’allora marito non si è mai recato nella Capitale. Fissore è morto nel 2012, in Toscana e, secondo la lettera dell’altro uomo in sella alla stessa Honda, anche lui deceduto alcuni anni fa, aveva in mano l’arma che venne puntata ed esplose proiettili all’indirizzo dell’ingegnere Alessandro Marini, che aveva il torto di passare di lì proprio nel momento dell’agguato e quindi essere un potenziale ostacolo all’operazione delle brigate rosse.

Entrambi, Fissore e l’altro di cui non si conosce il nome, sarebbero stati agli ordini del colonnello del Sismi Camillo Guglielmi, proprio nella zona del sequestro quella mattina del 16 marzo 1978. L’ispettore Enrico Rossi ha rivelato all’Ansa che “i servizi segreti aiutarono le Br in via Fani”. E ha riferito il contenuto di una lettera scritta da uno dei due presunti passeggeri della Honda che bloccò il traffico il giorno del rapimento, il 16 marzo 1978: “Dipendevo dal colonnello del Sismi Guglielmi. Dovevamo proteggere i terroristi da disturbi di qualsiasi genere”. Nella missiva anche dettagli per risalire all’altro agente alla guida del mezzo, “ma l’indagine fu ostacolata”.

I fatti descritti dall’ex ispettore di polizia, in particolare lo scritto anonimo del passeggero della moto, divulgato sei mesi dopo la morte, erano noti agli inquirenti capitolini dal 2012. Lo scritto era stato recapitato alla procura di Torino nel 2010 e da questa, dopo una serie di accertamenti, girato ai colleghi romani per competenza territoriale. Le indagini svolte nel capoluogo piemontese, secondo quanto si è appreso, non avrebbero sortito particolari effetti. In particolare, fu identificata la persona indicata come il conducente della moto, ma questi non risultò essere un uomo dei servizi, né implicato nel caso Moro.

Print Friendly

Articoli Recenti

1 Commento

  1. Enzo M. says:

    Io credo che non sia opportuno parlare di nebbie. La nebbia è un fenomeno naturale, meteorologico, pericoloso, a volte, ma bello da vedere, persino affascinante. La cortina fumosa e inquinante che pervade questo misero paese e che impedisce alla verità, da circa 70 anni, di venire in superficie è, invece, un fenomeno umano, tipico della razza italiota. E allora ecco spiegati, mi correggo, giustificati, le decine di casi criminosi irrisolti. Irrisolti perchè avvolti dalla cortina fumosa di cui sopra sprigionata ora dal Sismi, dai servizi deviati, dai Pio Pompa, dai Pollari ecc. ecc. Dunque non sapremo mai chi fossero gli uomini in moto prima del rapimento di Moro, e non sapremo mai chi fosse l’uomo che, con l’agenda rossa di Paolo Borsellino sotto il braccio, si allontanò dall’auto del giudice ancora fumante e non sapremo mai nulla del caso Calvi, di Gladio, della P2, della morte di Mattei e via discorrendo e morendo. Soltanto un aspetto accomuna la nebbia alla cortina fumosa: entrambi non sono controllabili né regolabili. Quando il vapore acqueo in prossimità del suolo si condensa si crea la nebbia e, quando per qualche rappresentante dei poteri forti la verità emergente diventa scomoda scende la cortina fumosa.

Lascia un Commento