Identità Oltrepo: sulle province si proceda col referendum

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Apprendiamo con amarezza che il Governo sarebbe intenzionato ad annettere con un decreto la provincia di Piacenza a quella di Parma, cancellando in questo modo il parere positivo della Cassazione sull’ammissibilità del referendum chiesto dai piacentini. Tale provvedimento, se fosse perseguito, sarebbe degno dei peggiori regimi totalitari e antidemocratici.

Riteniamo che sovrastare la decisione della Corte di Cassazione sia un atteggiamento gravissimo e dimostrerebbe una volta di più l’arroganza di questo governo NON DEMOCRATICAMENTE ELETTO.

Identità Oltrepò sarebbe favorevole all’unione tra le provincie di Pavia e Piacenza, territori accomunati da storia, tradizioni ed economia.
Chiediamo alle istituzioni preposte, Provincia, Comuni, Prefetto, che si facciano carico di portare avanti presso il Governo le istanze dei vicini piacentini.
Riteniamo che sarebbe un atto molto grave se non potessero esprimere democraticamente la loro volontà di fronte ad un cambiamento cosi radicale.

Identità Oltrepò è intenzionata a prodigarsi con tutti i mezzi a sua disposizione affinchè i cittadini possano decidere e invitiamo le forze politiche presenti sui due territori ad abbracciare la nostra iniziativa, al di la di schieramenti preconcetti.

Pisani Roberto – vicepresidente e referente Oltrepò orientale- Identità Oltrepò

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

4 Comments

  1. giancarlo pagliarini says:

    Non riuscirò mai a capire perchè quando la Lega era al Governo non ha proposto di togliere le Province dalla Costituzione e sostituirle col principio (federalista) che ogni regione si organizza come vuole. Però una legge in questo senso potrebbe sempre depositarla domani mattina e poi usarla in campagna elettorale.

  2. Enzo Varani says:

    Non puoi non essere d’accordo con i fatti!!
    non ho detto che sono regole che mi piacciono, ma queste sono e con queste si lavora! quindi il quorum è irraggiungibile, e se anche si raggiungesse, lo stato non concederebbe il passaggio! il resto sono sogni e illusioni, per cui non c’è nulla di male, se non fosse che costa 500.000 Euro!!

  3. Enzo varani says:

    Purtroppo il referendum e’ una bufala in quanto: per ottenere esito positivo, necessità di un quorum impossibile da raggiungere, 50% più uno degli aventi diritto, (che non è come dire dei partecipanti) devono dire si. Ammesso (ma è impossibile) che si raggiunga il quorum adatto, sentite le regioni (Emilia Romagna si è’ già detta contraria) coinvolte, il parlamento può (che è diverso dal deve) legiferare e annettere la provincia alla Lombardia. Per questi motivi bisogna sperare che il referendum non si faccia, sarebbe uno spreco di 500.000 euro per nulla! Enzo Varani

    • Non sono assolutamente d’accordo. I’istituto referendario comunque è un sistema democratico, molto più democratico di questo governo non eletto dal popolo ma nominato dai poteri forti. Di certo la realtà della provincia di Piacenza è molto più vicina a quella di Pavia e sarebbe l’ennesima forzatura annetterla a Parma. Le do per scontato che i piacentini se avessero la possibilità di scegliere si unirebbero a Pavia. Si sono sempre sentiti lombardi. Che poi la Regione Emilia Romagna non voglia questo è perfino logico, se pensa ai tributi che perderebbe.
      Dal canto nostro come movimento identitario riteniamo un territorio unico da Piacenza ad Alessandria, al di la dei confini segnati da una stato centralista che tutto riconosce fuorchè le vere tradizioni e culture locali.
      Roberto Pisani vicepresidente Identità Oltrepò

Reply to Enzo varani Cancel Reply