Okkupazione abusiva e bombole del gas contro la polizia. Il Vaticano: sono nostri fratelli

sgombero2

di BENEDETTA BAIOCCHI – Se io occupassi per anni un immobile abusivamente, se pagassi il pizzo per restarci… se la proprietà non riuscisse da anni a riprendere possesso del suo bene…. Ecco, come lo si potrebbe definire questo quadro di evidente illegalità, nel cuore di Roma? Tutti sapevano, chi ha fatto cosa? Il Vaticano si schiera dalla parte degli abusivi perché sono tutti fratelli. Intanto la Procura di Roma ha aperto un’inchiesta “su quanto avveniva all’interno dell’immobile occupato in via Curtatone a Roma”, sgomberato iorni fa. In particolare i magistrati intendono fare luce sulle modalità dell’occupazione dopo che nello stabile sono state rinvenute ricevute, forse di “affitti” pagati che farebbero ipotizzare l’esistenza di un racket, e anche un pc usato per confezionare badge da distribuire agli occupanti.

Massì, che volete che sia. Abele, Caino, che differenza c’è, ormai?

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. luigi bandiera says:

    Mah,
    nel Vangelo non si legge che dobbiamo essere tutti kompagni, a questo mondo.
    Di la’ si… ma di qua niet.
    Che dobbiamo amare il nemico, il prossimo e chi ci sta per ammazzare benon. L’e’ scritto. Ma essere tutti kompagni proprio NIET. Non trovo menzione.
    Poi sta scritto ancora che bisogna ascoltare il CESARE (non i politicanti falsi) di turno per un certo verso; e DIO per un altro verso appunto.
    Si legge anche che il GIUSTO ce l’aveva su con tre categorie:
    1) gli scriba;
    2) i Farisei;
    3) i Dottori…

    Oggi pero’ la va che l’ideologia e’ esercitata come fosse una religione e tra religioni se il vento tira a loro favore si aiutano, attuano il mutuo soccorso.
    Tant’e’ vero che si sono unite per un semplice ma fetente obiettivo: fare del mondo la casa komune. Un unico stato e status.
    Direi la RICOSTRUZIONE DELLA TORRE DI BABELE..! Cioe’, si vuol fare il percorso inverso.
    Pero’ prima ricordo che oggi siamo gia’ in SODOMA E GOMORRA. L’andazzo e’ quello…
    Quindi soggetti ai vari castighi… divini piu’ o meno.
    I nostri fratelli piu’ grandi (gli ebrei) ci insegnano, ma noi fratelli piu’ piccoli, anche nel cranio, non IMPARIAMO NULLA dai piu’ GRANDI. Appunto.
    Resteremo sempre piccoli, visti gli andazzi del di’ d’oggi e soccomberemo (repetita juvant, forse) ma tanto siamo gia’ per strada…
    Quindi?

    SE TUTTO VA BENE SIAMO ROVINATI.

    SALVO…
    GIA’: NELL’ODISSEA VI E’ LA “PASSWORD” PER NON SOCCOMBERE.
    Amen o, avanti un’altra…

Leave a Comment