Odio sociale e odio razziale. La miscela che sta per esplodere nel Governo

scomparsa-eurodi STEFANIA PIAZZO – In politica le regole del mondo civile e sociale valgono poco. O anche niente. Di solito due estremi si attraggono, per poi amalgamarsi, smussare gli angoli, le divergenze, e arrivare ad una moderazione vitale. Nella vita vale poi la legge della fisica: ci può essere osmosi, ma gli spazi sono e restano quelli che sono. Qualcosa si perde, qualcosa si aggiunge, ma un litro resta un litro. In politica, invece, e forse per la prima volta, due estremi si uniscono e si acuiscono. In altre parole, anziché trovare convergenze che riequilibrano i propri estremismi, Lega  e5Stelle li hanno potenziati. All’ennesima potenza. Le guerre sante sulla sicurezza sono cresciute, quelle sul fronte assistenziale per una ideologica guerra di parità sociale pure. Figlie di due odi, di due intolleranze, quella sociale e quella razziale, le asperità di 5Stelle e Lega si sono insieme caricate a mille come una pila atomica.

Nella storia della politica non si era visto mai nulla di simile. Il paese è davvero in mano ad una banda di onesti? O piuttosto di estremisti dell’immigrazione e dell’uguaglianza da rivoluzione francese?

Le frasi che girano sono “me ne frego”, oppure “tra lo spread e il popolo preferisco il popolo”. Come se lo spread non fosse reale e il popolo un’aggregazione generica da citare e che magari la pensa diversamente.

La precauzione è un principio che non appartiene ai due partiti di maggioranza di governo. Da una parte si è colpiti da un atteggiamento che colpevolizza chi fa impresa a prescindere. Gli industriali sono criminali. Dall’altra come è stato già detto in modo autorevole, i 5Stelle sembrano essere  espressione di un peronismo meridionale. Il Sud è e resta il loro bacino.  Il Nord deve pagare la colpa di produrre. Quindi l’odio sociale sfocia nei provvedimenti che vogliono abbassare la rc auto al Sud e alzarla al Nord, nel reddito di cittadinanza che è un voto di scambio della prima repubblica e via dicendo.
La Lega in  questo magma fa man bassa. Cavalca la questione migratoria. E’ antieuropeista ma le imprese lo sono, europee, e lo vogliono restare. La flat tax favorisce le minipartite iva e non le aggregazioni di aziende. Come se la concorrenza fosse provinciale e non mondiale.
Due estremi insieme governano ma per il potere. E finché gli conviene, resteranno insieme come gemelli nati attaccati. A volte non comprendi dove inizi uno e dove finisca l’altro. La governabilità non si è tradotta in moderazione.
Eppure la storia qualcosa avrebbe dovuto insegnare. Prendiamo ad esempio il compromesso storico. Tra il 1973 e il 1979,  il Partito comunista italiano e la Democrazia Cristiana, inaugurarono una strategia che si basava sulla necessità della collaborazione e dell’accordo fra le forze popolari di ispirazione comunista e socialista con quelle di ispirazione cattolico-democratica. La cosa si tradusse ad esempio nell’astensione del PCI sul governo Andreotti (1976-77), poi nei governi di solidarietà nazionale (1978-79).
Di certo il Pci non esasperò i propri estremismi, altrettanto non fece la diccì. A fine anni ’70 Berlinguer iniziò il cosiddetto “strappo” dall’Unione sovietica e dal Pci a trazione comunista ortodossa. In quegli anni non fu da meno Craxi che rottamò nel simbolo del Psi la falce e il martello. Arrivò il garofano rosso. Ma certo, quelli erano anni i cui al governo c’erano degli statisti.
I partiti, un tempo, si liberavano da certi abbracci mortali. Oggi, li cercano fino ad esasperarli. Contro l’Europa, ad esempio.
Andreotti diceva, a proposito del compromesso storico: «Il segreto per non restare a digiuno è disporre di due fornai».
Una regola che la Germania di Angela Merkel ha messo in campo con le sue grandi coalizioni, quelle che hanno portato le loro sinistre e le loro destre, oltre che i loro rispettivi “centri”, a stare insieme facendo tutti un passo indietro, per dare stabilità al loro paese e renderlo autorevole nella governabilità. Che vuol dire stabilità finanziaria. E peso specifico di quello Stato e della sua economia in Europa nei rapporti tra Usa e Russia.
Quello che oggi vediamo in uno specchio al contrario in Italia, con lo spread che sale a nostre spese.  Con governi che rischiano di cadere a Porta  a Porta o per un derby Inter-Milan da preferire al consiglio dei ministri. Tutto si consuma nell’immagine, televisiva o della rete, dove si annida la loro democrazia, per un porco posto al sole. Non dove riposa la nostra democrazia, quella che ha radici non nell’estremizzazione delle posizioni ma nella ricerca, con teste consapevoli e pensanti, del bene comune. Oggi una parolaccia, o anche se si vuole, una bestemmia.
Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

4 Comments

  1. Ric says:

    Girovagare come Diogene .

  2. Ric says:

    Non nascono più statisti .
    Olio sociale , sta per esplodere l’olio sociale ; quello di ricino .
    L’occasione è di quelle davvero ghiotte per rimpossessarsi dell’io , della propria vita , che è sacra e personale .
    Alla sedicente sensibilitá indipendentista “ sofisticata” al punto di snaturare un tanto al chilo la “mision “ ed allinearsi come una “novella 2000 “ qualsiasi , far addirittura da stampella , neanche da credere, casomai ne avesse bisogno , un’utile idiozia sistemica .
    Ci trovate forse qualcosa di eroico nell’andare a Venezia a far commemorazioni indebite , quando il popolo non segue , causa “ acqua alta “ ?
    Allora FERMATEVI PRIMA !!!!
    È come “sfidare” il K2 senza una grande e nobile motivazione , progetto , preparazione , abitudini ,strumenti idonei ; l’Everest emette inesorabili e costanti sentenze che , soprattutto per i dilettanti fuori di testa ne determina anche il destino .
    Sono sfide che non valgono la pena , sono similari alle euforie allotropiche , in sintonia con le nostalgie degli ismi del ‘900 , piuttosto che con le nuove esigenze sociali della modernitá , alle quali fan parte l’indipendentismo da revisionare, come minimo , per non tradirne principi valori e virtù che lo ispirano , cioè la centralitá delle libertá individuali e le prerogative identitarie delle genti , da NON CONFONDERSI con le neurodiversitá che affliggono l’onanismo acumulatoide anale degli egoisti trasversali , nevrotici ,uterini , psicopatici , alessitemici , autistitici del potere avido e necrofilo della finanza e dello sfruttamento , uno status .
    Mettendo insieme questo arcobaleno di patologie , volendo siamo giá ad una macro regione ; se poi assommiamo parassiti di stato terroni , tre mafie endogene , nuove in working progress dal pedegree consolidato come zingari , albanesi e rumeni con le new entry africane senegalesi e nigeriane , sacrobenedetti dalla congreghe pedofile omosessuali indiscussi sul Trono di Pietro e Paolo , onlus , protezioni civili e tute arancio , tribunali , polizie varie , commissioni tributarie , pubbliche utilitá , ispirazione filosofica e zoccolo duro di cotanto ensamble mondo anima bella dei “moderati “ ex cattocomunisti oramai disorientati nel girovagare come Demostene alla ricerca di sistemi solari dell’avvenire .
    Ecco realizzata una nazione .
    La febbre sale e , chi la fa salire , non è TRUMP , PUTIN , SALVINI , ORBAN ,BOLSONARO , ma le turbocazzate di questo plumbeo magma perniciosamente infetto che con nighittosa recalcitrante altezzositá e boriosa arroganza definisce con disprezzo il populismo sovranista , cioè che pone in equilibrio e funzione il rapporto causa effetto , calmierante malate bulimiche ingordigie di linfa altrui .
    Il redde rationem è iniziato , e il governo giallo verde ne è l’eterogenesi dei fini che non idealizza ma configura delineandolo , nonostante una genesi spuria , dopo tante mezze misure impotenti e criminogene , dopo tanto sonno della ragione , il tempo delle conseguenze .

  3. caterina says:

    Purtroppo e’ nel brontosauro delle burocrazie cresciute nei governi di Roma e di Bruxelles che si e’ impantanata la strada della democrazia e della saggia gestine della vita pubblica e come uscirne e farla diventare utile allla vita di ognuno e del progresso sociale non se ne intravvede il percorso se non abbandonrli e cercarsela da se o darsi all’arte ….

  4. mumble says:

    Il film al quale assistiamo è esattamente quello che si immaginavano tutte le persone raziocinanti. Perfino Renzi, non proprio da portare ad esempio quanto a lucidità di pensiero, ma lo stesso Renzi ha bloccato il PD all’opposizione sperando che Lega e 5 Stelle sarebbero andate al governo a fare quello che stanno facendo: un casino tremendo di cui la Lega pagherà il conto salatissimo per due motivi.
    1 i 5 stelle dimostrano una tale pochezza che il solo fatto di prenderli sul serio è allucinante e sinonimo di pirlaggine infinita;
    2 la classe dirigente dei 5 stelle è a un livello talmente basso che può essere rimpiazzata in due di scouting al centro commerciale, mentre la Lega – dopo le epurazioni maronite e salviniste – è già oggi ridotta all’osso ed essendo uno pseudo partito mantiene un simulacro di selezione partitica con congressi e dunque non riuscirà a risollevarsi in due ore…..
    Se non riusciremo a virare questa follia in cui i due partiti di governo sembrano Thelma e Louise nella scena finale, potremmo anche rimpiangere Di Maio dato che scalda i motori in centro America un tale che incita alla rivolta contro i mercati, rivolta democratica, of course…. Aggiungi un bel democratico o popolo e tutto si può digerire…. Anche la finanziaria da default ridefinita per l’occasione finanziaria del popolo…

Leave a Comment