Ocse: il Pil più alto è di Bolzano, il più basso della Campania

di GIORGIO CALABRESI

L’Italia ancora una volta di distingue tra i Paesi industrializzati per le grandi disparità economiche tra le regioni, che si sono accentuate con la crisi e ripropongono il ‘gap’ tra Nord e Sud. È quanto sottolinea il rapporto Ocse ‘Regions at a Glance’. La Penisola figura al 12esimo posto per il divario regionale del Pil pro capite, che oscilla tra gli oltre 39.000 dollari della provincia di Bolzano e i 17mila della Campania. La crescita del Pil nell’ultimo decennio è variata tra il +1,3% annuo della Val d’Aosta e il -0,5% della Basilicata. Ultimamente, nota inoltre il rapporto, la disoccupazione è aumentata soprattutto in alcune regioni, come la Campania, dove nel 2012 era pari al 19,3% e tra i giovani in Calabria è balzata al 53,4%. Per contro nella provincia di Bolzano il tasso dei senza lavoro lo scorso anno risultava del 4,1% e tra i giovani si fermava all’11,5%, ampliamente al di sotto della media nazionale pari al 10,7% nel 2012.

Oltre ad essere al top in Italia, la provincia di Bolzano ha anche una performance migliore della media Ocse per quanto riguarda il reddito pro capite (20.944 dollari a parità di potere d’acquisto), l’occupazione, la salute (attesa di vita 83,7 anni) e l’ambiente (emissione di Co2). All’estremo opposto, la Campania, che è la regione con il Pil pro capite più basso d’Italia (11.500 contro una media nazionale di 16.400 dollari) e fa meglio della media Ocse solo sul fronte dell’ambiente e della salute (aspettativa di vita 80,8 anni), secondo l’Ocse. Il reddito medio Ocse è di 18.775 dollari, la disoccupazione è all’8,1% e l’attesa di vita media è di 79,8 anni. Sul fronte dell’ambiente, la provincia di Bolzano aveva nel 2008 un’emissione di C02 pari a 3,5 tonnellate per persona, contro le 7,1 tonnellate della Campania (e della media nazionale italiana) e le 10,7 della media Ocse.

Lo studio evidenzia anche la parte importante della sanità nei bilanci delle regioni di cui assorbe il 47% contro una media Ocse del 18%. Per contro è decisamente inferiore alla media la spesa per l’istruzione e per la protezione sociali che nelle regioni italiane si ferma all’8% e al 5% contro le medie Ocse del 27% e del 12%.

Print Friendly, PDF & Email

8 Comments

  1. E’ dal 1861 che l’ex Regno Delle Due Sicilie e’ la colonia interna delle industrie padane. I meridionali non vollero l’unita’ si ribellarono e furono massacrati. Quindi e’ inutile fare paragoni tra nord e sud.

  2. Il Sudtirolo è l’esempio di quel che potrebbe fare qualunque Regione padana senza la sistematica e continua rapina da parte dell’entità denominata italia.
    Il discorso non sarebbe di abolire le Regioni a Statuto speciale, semmai trasformare quelle ordinarie in speciali ma non è questo il punto: noi non siamo italiani, indipendenza subito.

  3. Beh, se tutte le provincie italiane venissero riempite per decenni di soldi come quella di Bolzano, a scapito del resto del paese ed alle spalle dei contribuenti italiani, non ci vorrebbe molto ad “essere ricchi”.

    Cesare

    • Cesare: se fosse vero quello che dici la Sicilia dovrebbe avere le strade d’oro..invece e una delle Regioni a statuto speciale, dove si trattiene il 100% delle tasse territoriali..( ha uno statuto ad Doc ).. con un deficit regionale Enorme, e che deve essere continuamente coperto dal Nord per pagare tutte le spese i benefit, gli sperchi le ruberie e il mantenimento di oltre 25,000 impiegati regionali e altri 30,000 persone delle partecipate, una cifra ENORME!!
      Trento e Bolzano sanno usare in modo occulato e utile per i propri cittadini, il denaro che rimane in Regione Trentino, trattenendo il 70% delle tasse e non il 100% siculo.
      Vuoi paragonare una Scuola Trentina con una siciliana??..ho un ospedale Trentino con uno della trinacria??

      • Non ho difeso e non difendo certo la Sicilia, ho solo fatto notare che con tutti i soldi che lo stato italiano (roba di noi veneti, lombardi etc.) ha pompato in quella provincia ed in quella regione anche un incapace sarebbe diventato ricco.

        • Ok, allora smetta di darglieli, e finiamola con queste polemiche, vediamo quanti giorni il Sud Tirolo rimane entro i confini italiani.
          Volete il Sud Tirolo in Italia? Pagate! Anche se in realtà non vi conviene, tanto a breve lo perderete comunque!

        • quali sarebbero i soldi dati dallo stato al sud-tirolo?
          mi pare che semplicemente tengano il 90% delle tasse…ed anzi sono in attivo con lo stato

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Tibet, contro la repressione cinese si dà fuoco un giovane padre

Articolo successivo

Costi standard sanità: Veneto, Emilia e Umbria le regioni di riferimento