Occupazione: in Italia si perdono 1000 posti di lavoro al giorno

di REDAZIONE

I mesi che ci aspettano sul fronte del lavoro saranno peggiori di quelli passati: il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti lancia l’allarme sulla situazione occupazionale e sulle prospettive per l’autunno e avverte: ”Perdiamo 1.000 posti al giorno”. Gli ultimi dati diffusi dall’Istat (tasso di disoccupazione al 10,7% e oltre 2,7 milioni di senza lavoro a luglio, il picco più alto dal 2004, inizio delle serie storiche) rischiamo di essere superati in peggio nei mesi che verranno se non si metteranno in campo a breve politiche per la crescita.

Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera ha sottolineato che il lavoro è ”il problema numero uno” di questo Governo e che si affronta creando condizioni per la crescita. Per martedì è previsto l’incontro Governo sindacati su crescita e produttivita’ ma sulla possibilità di successo di questo confronto il leader della Uil ha espresso molti dubbi. ”Servono risorse economiche e politiche – ha detto Angeletti – il Governo non ha nessuna delle due. Non ha soldi e non ha, a fine legislatura, la forza politica per cambiare le norme”.

La situazione appare drammatica soprattutto per i giovani che in assenza di crescita economica e a fronte del turn over bloccato per la permanenza al lavoro dei piu’ anziani (a causa delle riforme delle pensioni) vedono di fronte a loro scarsissime possibilita’ di assunzione a breve termine. Ma comincia a diventare difficile anche per gli adulti che rischiano di perdere il posto di lavoro che hanno come confermano le decine di casi di crisi industriale all’esame del ministero dello Sviluppo Il centro del confronto di domani dovrebbe essere comunque su come dare slancio alla produttività del lavoro con l’invito del Governo anche ai sindacati (come alle imprese nell’incontro di mercoledi’ 5) per lavorare a un patto che il Governo potrebbe poi sostenere con agevolazioni fiscali. Il punto di partenza dovrebbe essere l’accordo del 28 giugno del 2011 (su rappresentatività e possibili deroghe con intese aziendali ai contratti nazionali). Ma anche qualora si trovasse un accordo per l’implementazione di quell’intesa il Governo ha gia’ avvertito che le risorse per le agevolazioni saranno molto limitate.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

One Comment

  1. Dan says:

    E vabbuò, amm’a fa’ l’inchino al Giglio, tanto niuno s’incassa

Leave a Comment