Vi invaderemo grazie alle vostre leggi democratiche

islamico anti-occidentaledi GIUSEPPE REGUZZONI

Il problema dell’Occidente non è la forza dell’Islam, ma la debolezza del Cristianesimo, o, meglio, dei Cristiani. La laicità è implicita nello stesso messaggio evangelico: date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio, ma la laicità è altra cosa dal laicismo esasperato. Una civiltà non vive senza riferimenti ideali e senza un minimo di richiami etici condivisi. Anzi, la presenza di ideali identitari e di un riferimento etico condiviso è ciò per cui la civiltà non si riduce a semplice conglomerato sociale, a «società», più o meno aperta. Il vero rischio, anzi, la vera malattia del momento, si chiama «cristianofobia», diffusa ad arte dai poteri laici (o laicisti), che trovano una sponda proprio nella confusione tra dialogo e resa dominante in vaste aree delle stesse chiese cristiane.
Parliamo proprio di Occidente, dove, grazie al Cielo, non si è ancora arrivati alle pesanti e sistematiche violenze contro le minoranze cristiane, che si riscontrano in paesi, come la Nigeria, il Pakistan o il Sudan. La cristianofobia occidentale è prevalentemente fatta di silenzi e di tabù.

L’Occidente tace davanti ai massacri di Cristiani dove l’Islam è maggioranza o li liquida come «conflitti di religione», cose di altri tempi che non ci riguardano e a cui la stampa di regime dedica al massimo qualche trafiletto. Cristianofobico è, però, anche l’atteggiamento dominante sui media, circa quello che succede a casa nostra; lo sono la menzogna e l’omertà con cui si coltiva l’autodissoluzione dell’Occidente e dei suoi valori di tolleranza e dignità dell’uomo.
Corriere e Repubblica, al guinzaglio dei poteri forti, ci mostrano le immagini di folle che a Istanbul e nelle capitali arabe ergono cartelli contro l’islamofobia, facendo riferimento a un film su Maometto che è semplicemente brutto e, per questo impresentabile. Lorsignori chiedono leggi liberticide che impediscano il ripetersi di avvenimenti come quelli legati alle vignette danesi o francesi, e i Governi europei ammiccano passivamente. Sono gli stessi governi filo massonici che invocano l’ingresso della la Turchia nell’Unione Sovietica Europea, facendo finta di non sapere che proprio la Turchia continua a foraggiare i cosiddetti ribelli siriani e finanzia la costruzione di moschee e l’istituzione di scuole coraniche in tutti i paesi europei. E la Turchia è, ufficialmente, un paese laico e islamico moderato. I ministri europei del nulla, cioè degli esteri, incluso il «tecnico» nostrano terzi dinonsisachè, nulla hanno da dire sull’assenza di libertà religiosa in questo Paese candidato all’ingresso nell’UE.

Nulla o poco si scrive sulla decisione del governo turco di trasformare in moschea un luogo simbolo della storia cristiana come la basilica di Santa Sofia a Nicea, luogo dove furono tenuti i grandi concili dell’Antichità, quelli che definirono l’essenza del Credo cristiano. A imporre questa strategia del silenzio omertoso sono le medesime lobbies che ora propongono di introdurre leggi contro l’islamofobia e che già puniscono, come «incitamento all’odio razziale» le voci, dissonanti, che si scagliano contro la violenza islamica.
Nulla fermerà l’Islam e la Sharìa in Europa, tranne una nuova consapevolezza degli europei di quella che è la loro storia e la loro identità. Nessuno in Occidente osa ridicolizzare il Talmud o il rabbino capo di una qualsiasi comunità ebraica cittadina. E ci mancherebbe! Qualcuno, di rado, osa ridicolizzare l’Islam, e rischia, sempre, di pagare con la vita. Chiunque, invece, può dimostrare il peggiore e insensato disprezzo per i valori cristiani, senza che non solo si abbia la benché minima reazione, ma, anzi, si esaltino la creatività artistica e la libera espressione. Quindi, nessun problema se un registuncolo austriaco, in cerca di pubblicità, presentò a Venezia un film dove una signora si masturbava con un crocifisso. Le poche reazioni a mezzo web e le timide prese di posizione di qualche isolato ecclesiastico vennero anzi bollate come integralismo cattolico. Di questo passo è evidente che non si andrà da nessuna parte. La tolleranza esaltata e invocata si trasformerà nella peggiore intolleranza, quella verso se stessi e la propria storia. L’Islam e gli islamici lo hanno capito da tempo e ci disprezzano perché identificano l’Occidente con il vuoto morale e l’assenza di fede e di valori.

Per riprendere lo scomodo sermone di un imam di Izmir (l’antica Smirne greco-cristiana): «Grazie alle vostre leggi democratiche vi invaderemo, grazie alle nostre leggi coraniche vi domineremo». L’Islam, per citare Eric Vögelin, è una religione «politica» e quindi non può non trarre conseguenze politiche da quel che considera solo cedimento e inettitudine. La colpa, almeno in questo, non è anzitutto dell’Islam, ma dell’Occidente e della sua classe dirigente. Non si tratta di mettere in questione la laicità dello Stato e nemmeno il principio di tolleranza, ma di riaffermare, con un grande costituzionalista come Böckenförde, che il moderno stato liberale e democratico vive di presupposti che non è esso stesso in grado di garantire. E se non lo è, deve recuperarli dalla propria anima, da ciò che lo fa essere “civiltà”, e non semplicemente “società”, riaffermando il proprio orgoglio e, di conseguenza, il rispetto delle proprie regole di vita e di convivenza.

 

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

21 Comments

  1. Castagno 12 says:

    Rispondo a GIORGIO DA CASTEO – 10.8.14 at 11:15 am.

    Mi rivolgi una domanda inutile a conferma che se hai letto i miei numerosi commenti, NON HAI CAPITO QUELLO CHE HAI LETTO O NE HAI FRETTOLOSAMENTE DIMENTICATO IL CONTENUTO.

    Mi sono ripetuto fina alla noia, conoscendo la smemoratezza diffusa, in decine di commenti.

    Ho indicato cio’ che faccio da piu’ di 18 anni.

    Quindi HO FATTO, FACCIO E INFORMO indicando molto spesso le fonti delle informazioni per consentirne la verifica.

    Io non tiro nessun sasso. Le informazioni e le analisi che fornisco, sarebbero dei sassi ?

    Un Indipendentista che non sa cosa deve fare per NON AIUTARE il Governo Mondiale, costituisce UNA FRANA, altro che sassi !

  2. Castagno 12 says:

    Alla Spett.le REDAZIONE di questo quotidiano.

    Ho risposto a GIORGIO DA CASTEO (10.8.14 at 11:15 am) con mia replica odierna postata alle 3:34 pm..

    L’ho scaricata e posso riscriverla.

    Vorrei conoscere il motivo per il quale è stata poi rimossa.

    Ho tanto da fare, non posso sbattere via il tempo per cercare di essere utile anche nei confronti dei casi MOLTO DIFFICILI:
    Se non ricordo male. GIORGIO DA CASTEO è un ex ASSESORE di un Comune veneto.che, anzichè essere lui ad informare noi, formula richieste sbagliate:
    non ha capito ciò che ho ripetutamente scritto.

    La RIFORMA SCOLASTICA del ’68 rappresenta un grosso successo per il Governo Mondiale.

    Se la mia precedente replica è “scomparsa” a causa di un contatto elettronico, posso riscriverla in quanto utile non solo per il destinatario.

    Grazie !

  3. luigi bandiera says:

    REGUZZONI,

    NON CI INVADERANNO (gia’ siamo invasi) CON LE NOSTRE LEGGI, MA PER LE NOSTRE ZUCCHE CHE CI GOVERNANO.

    E’ duretta ma piu’ vera che falsa.

    E dopo tutte le BUGIE che ci hanno raccontato e che continuano a raccontarci noi qui a trastullarci con bei discorsi…

    Devo scriverlo in eterno kavolo:

    SOCCOMBEREMO.

    • Castagno 12 says:

      Caro BANDIERA,

      riguardo a chi ci governa (si fa per dire) non è un problema “DI ZUCCHE” ma di sottomessi, di zelanti maggiordomi del Governo Mondiale.

      Lorsignori sanno benissimo cosa stanno facendo, ma per sopravvivere – super protetti – nel lusso e negli agi si sono adeguati.

      Non sarebbero capaci di raggiungere e di mantenere il loro attuale tenore di vita, comportandosi diversamente, lavorando per fornire servizi e per generare ricchezza..

      Al popolo italiano piacciono così:
      infatti ben l’85% degli aventi diritto al voto corre ai seggi elettorali per approvarli e così approva anche IL GOVERNO MONDIALE.

      Bisogna ricordare che ben la metà di quell’ 85% è rappresentata DA MANTENUTI (politici, pensioni e lavori fasulli) E DA INDIVIDUI INSERITI NEL SISTEMA.

      L’altra metà dei votanti è costituita da italiani “ILLUMINATI” – INDIPENDENTISTI COMPRESI che ancora non hanno capito quello che dovrebbero fare di utile !

      Signori, BUONANOTTE !

      • luigi bandiera says:

        Si Castagno 12,

        non mi dispiace la sua e per non scrivere tanto ho usato un termine che da’ un po’ l’idea anche se molto scarsamente.

        E’ sempre questione di ZUCCHE sia nel governo e sia nell’elettore massa che purtroppo vota usando la zucca e non la testa.
        Ma ce ne sarebbero da dire…

        Questa e’ la demokrazia e sempre loro, i governanti e i loro lecca lecca, dicono che e’ il sistema migliore per amministrare il mondo e dove non c’e’ la demokrazia tenderebbero ad esportarla o imporla come imposero l’unita’ dell’italiano stato e di logica conseguenza, piano piano, quella europea.

        Adesso la zucconaggine prevalente e’ che c’e’ poca europa… che bisogna accelerare i tempi per l’unione (te pareva dicono a roma da sempre predona) europea.

        Il tutto ha un costo che loro non pagano e non pagheranno mai nemmeno quando fanno disastri come stanno facendo alimentando e aiutando l’invasione.

        E’ che qua si discorre e piu’ di quello non si riesce a fare.

        Ci hanno veramente indeboliti.

        Il mondo arabo e’ in subbuglio e il mondo occidentale pure… insomma siamo a bagnomaria nella melma.

        Ultima cosa, ocio ai pensionati perche’ ci sono due categorie ben distinte:
        una e’ quella dei figuranti… che non versano un tubo.
        Due e’ quella dei versanti… che versano davvero.

        Voglio dire che, non sono tutti mantenuti…
        Quelli che hanno versato, per loro e per gli altri, meritano piu’ pensione e ma anche rispetto. Almeno quello dato che da privati prendono meno. E’ un terno al lotto diventare statali o para… o affini.

        Si ha posto sicuro e non si versa un tubo. Si fa finta…

        Dura ma e’ cosi’ circa.

        Tuttavia, un bocca al lupo.

        • Castagno 12 says:

          Io ho scritto “PENSIONI FASULLE” non ho parlato di quelle regolari.

          Nella categoria “MANTENUTI” non ho inserito le pensioni regolari.

          E’ indispensabile fissare bene in testa il concetto che, l’incompetenza, l’impreparazione e tutte le altre caratterische negative dei politici italiani vengono scavalcate, superate dal loro atteggiamento CHE CI CONDANNA:
          SONO AL SERVIZIO DEL GOVERNO MONDIALE.

          Passare parola, prego. Grazie

  4. Castagno 12 says:

    Rispondo a LORENZO – 9.8.14 at 9:30 am.

    Ti ho risposto ieri, ho anche visto postato il mio scritto che ora non figura.

    Io non ti ho chiesto dritte a titolo personale, ma per i lettori.
    Come prevedevo, ti occupi di problemi secondari che non possono influire sull’attuale rovinoso contesto.

    Per esempio: vai sul Blog rivoluzionemonetaria.wordpress.com
    metti la manina sulla immagine della banconota da 100 €uro, click per ingrandire, leggere, capire, mandare a memoria, informare e PASSARE PAROLA.
    Utilizza il pc con tutti gli indirizzi che hai.

    Puoi immaginare anche tu dove possono collocare le battaglie (Lepanto, ecc) da te segnalate, quelli che dovrebbero riconoscere L’Indipendenza del Veneto.

    Riguardo a ciò che si dovrebbe fare di concreto, SUBITO,
    troverai qualcosa anche nei miei due commenti postati in coda all’articolo di ieri di Stefania Piazzo:
    “Solo una Carmela poteva impugnare l’autonomia del Nord”.

    CORAGGIO, SVEGLIA !

  5. Giorgio da Casteo says:

    L’uomo Mascherato (CASTAGNO 12) vuole i FATTI ! Bene !. Dica quali e faccia l’apripista ben visibile, Mia madre che era dell’800 diceva di mai fidarsi di chi “tira il saso e sconde el braso” La penso come Lorenzo a cui racconto un episodio. Nel 1987 ero ospite in Africa di una Ispettoria con scuole missionarie che formavano muratori,meccanici.falegnami,infermieri,agricoltori…per avviare un processo di sviluppo del loro Paese. Tuttavia, dopo l’abilitazione, la maggior parte di costoro non rimaneva nel continente, ma emigrava in Europa. A sostenerli economicamente ed a indottrinarli vi erano delle potenti mafie internazionali. Negli stessi anni in Africa si radicava e si espandeva la colonizzazione cinese. Il fatto merita una riflessione ! WSM

  6. Marta says:

    Hanno ragione, con le loro leggi ci domineranno.
    Quando sono arrivati i primi islamici in italia si sono lamentati dei crocifissi e noi per cortesia e tolleranza nei loro confronti li abbiamo messi nei cassetti, loro per ringraziarci costruiranno le loro moschee dentro le nostre chiese. Siamo degl’imbecilli che ci meritiamo tutto.

  7. Alex Biffi says:

    Che dire dinanzi ad un’analisi così lucida e incontrovertibile? Cèline scriveva che ci saremmo “suicidati”, noi occidentali, schiacciati nelle nostre automobiline di latta, resi obesi ed ipertesi dalle troppe libagioni. La pancia piena fa calar le braghe, questo è certo e, avanti di questo passo, non ci resta altro che… il Libano.

  8. Castagno 12 says:

    “Vigilanza” e “sorveglianza” sono solo parole che non possono trovare applicazione concreta da parte di un popolo che ignora COMPLETAMENTE le VERE motivazioni del processo INVASIONE che stiamo subendo con DISINVOLTURA ed IRRESPONSABILITA’.

    Le proteste legittime nulla hanno a che fare con il RAZZISMO citato, a sproposito, dai farabutti.
    Noi, in italia, abbiamo a che fare con problemi di finanza (non possiamo mantenerli) e con problemi di spazio (densità di popolazione e sopportabilità del territorio).

    Ho segnalato più volte il libro di Giuli Valli:
    “IL VERO VOLTO DELL’IMMIGRAZIONE” – La grande congiura contro l’Europa – Editrice Civiltà – Operaie di Maria Immacolata – Brescia – € 13,00.
    Come non detto !

    Stiamo subendo ed APPROVANDO un Progetto del Governo Mondiale che prevede la realizzazione del SuperStato EURABIA.

    I più si lamentano di questa intollerabile situazione e poi vanno a votare (non importa per chi) approvando quindi l’operato di qualsiasi governo che utilizza i soldi del contribuente per sostenere le ENORMI SPESE che l’invasione comporta e agevola, in tutti i modi, NUOVI ARRIVI.

    Tutti i politici (a parte i patetici ed inutili proclami di qualcuno) nei fatti assecondano il diabolico Progetto Mondialista.

    E l’inqualificabile elettore italiano, NON FA NULLA per sottrarre aiuti finanziari al Sistema che ci sta distruggendo.

    Le persone fuori di testa utilizzano la carta di credito anche per acquisti di € 5,00.
    Telefonia mobile (utilizzo scellerato), antisolari (informatevi circa i componenti)) e alimentazione scorretta, certamente non aiutano le menti dei disinformati che operano le loro scelte in funzione di ciò che non sanno e in base ai loro sogni “INFANTILI”, o meglio, demenziali:
    credono sempre di aver individuato il “salvatore” di questo Paese che nessuno potrà governare e riformare.

    LO DICONO I FATTI !

  9. Dan says:

    Parlate bene voi ma il punto, papale papale, è che quando mancano le palle per sistemare le piccole cose, non si possono pretendere di fare quelle grosse.
    Prendiamo questo esempio direttamente da roma fa schifo.
    http://www.romafaschifo.com/2014/08/colli-albani-come-tutta-roma-e-terra-di.html
    Un quartiere, l’ennesimo, preda di schifo e degrado. Cosa si fa ?
    Si fanno le foto, si fanno gli articoli, si lanciano strali contro comune, sindaco, santi e madonne ma soprattutto si fanno commenti a cazzo come se si stesse parlando di un qualcosa che, sì esiste, ma a Bangkok, 50 km più 50 meno.
    Nessuno, a cominciare dagli abitanti della zona, che ipotizza (già solo ipotizzare sarebbe un passo avanti, figuriamoci darci seguito) una bella azione di pulizia e controllo del territorio.
    Nessuno che esce dai palazzi lì intorno con un sacchetto e comincia a raccogliere la spazzatura, nessuno che tira fuori un taglia erba dal garage e cerca di ripristinare il verde, nessuno che ripulisce dai ricordini dei cani, nessuno che si procura un carro attrezzi e fa sgomberare tutti quei bivacchi di auto e roulotte abbandonate ma soprattutto nessuno che esce con un bel manganello e tira una legnata in testa a chi viene pizzicato ad insozzare di nuovo laddove qualcuno ha pulito.
    Si parla di italia e di europa, del fallimento e della distruzione imminente di una società e di una cultura ma il seme del male lo si vede già in queste piccole cose perchè quando non si hanno le palle di sistemare un pezzo di italia ed europa grande quanto un giardino pubblico, stare a parlare della turchia vale tanto quanto i bizantini che parlavano del sesso degli angeli alla vigilia della presa di costantinopoli.

    • Stefania says:

      Lei crede che l’immigrazione e l’islam, turco o non turco, siano a casa loro o sia un problema di casa nostra? La distrazione, la sottovalutazione del fenomeno, sono la porta che lasciamo aperta come se fossimo dei sonnambuli incoscienti. L’ordine e il rispetto delle regole, che parte anche dal rispetto dell’identità, non possono fare a meno della nostra vigilanza e sorveglianza. Un giornale non può fare altro che denunciare, porre i problemi, risvegliare le coscienze. Ed è già una bella impresa.

      • Dan says:

        Gli imperi muoiono sempre per implosione e lo stesso vale per le società.
        60 anni fa, i terroni emigrarono in massa in germania eppure non sono riusciti a trasformarla in un pezzo di puglia o calabria. Sa perchè ? Perchè i tedeschi, proprio per una questione di mentalità, li hanno tenuti sotto, li hanno messi per lo più in riga. Quelli che proprio non volevano darsi una limata li hanno rispediti al paesiello. Preso atto di cosa si stava abbattendo sulla loro terra hanno attuato fior di contromisure per preservare il proprio modello e stile di vita cosa che qui non avviene.

        Qui vige il chiagne e fotti: i tizi di quel quartiere così come il resto degli italiani e dei padani, si riempiono la bocca di parole, anche grosse, ma invece di uscire di casa ed occuparsi di tenere puliti i 50 metri prima e dopo il loro uscio (in fin dei conti non si deve poi fare molto di più), aspettano che gli scenda giù dal cielo superman a fare il loro dovere.
        Fosse possibile far resuscitare i morti, sarebbero già state fatte sparire le ossa del duce e qualcuno proverebbe a riportarlo di qua: vadi lei Filini, facci lei che noi ci occupiamo di spolliciare le brutte cose su faccialibro.

  10. lorenzo says:

    Assolutamente d’accordo con Reguzzoni

    • Castagno 12 says:

      “BRAVO”, dichiarazione forte !

      Stai facendo qualcosa di utile oppure niente, come prevedo.

      • lorenzo says:

        ma che ne sai tu di cosa sto facendo, signor castagno..?

        • Castagno 12 says:

          Rispondo a LORENZO – 8.8.14 at 4:17 pm.

          “Signor” Lorenzo, se stai facendo qualcosa di utile per la Causa Comune, per favore, informaci, come ho già fatto io RIPETUTAMENTE e da tempo.

          Data la situazione, essere RISERVATI,TACITURNI E IMPENETRABILI …… non può essere di alcuna utilità.

          Restiamo in trepidante attesa di TUE DRITTE !

          Grazie.

          • lorenzo says:

            Ah capisco, hai bisogno di “dritte”… vebbè.
            Se ti interessa davvero ti dico cosa faccio:

            1) Difendo e propagando ovunque le mie idee, sia di persona (nella vita di tutti i giorni) che su Internet, presentandomi sempre con la mia FACCIA e col mio NOME.

            Le mie idee in merito alla questione stato italiano/secessione ecc.. sono che:

            Lo stato itagliano non è riformabile, è un’entità corrotta, parassitaria e un fallimento storico; va abbattuto e disarticolato per sostituirlo con nuove entità libere e democratiche, sul modello dei più avanzati sistemi federali, come ad esempio la Svizzera. E lo si deve fare attraverso una rivolta o sciopero fiscale (cosa che io nel mio piccolo e individualmente, attuo già).

            In merito alla questione immigrazione/invasione islamista:
            Ribadendo ovunque (su Internet come nei luoghi fisici, e sempre con la mia faccia e il mio nome) la
            mia convinzione sulla superiorità morale della nostra civiltà (europea, occidentale e cristiana) sulle altre e naturalmente sulla barbara eresia islamica. Diffondo ovunque informazioni, video e post che rivalutano e inneggiano alle Crociate, alla Battaglia di Poitiers, di Lepanto e a quella di Vienna. Io sostengo che dobbiamo rifare le Crociate anche e soprattutto oggi, e l’ho detto in faccia spesso e volentieri anche a dei maghrebini/musulmani. La cosa che mi fà più rabbia è constatare la viltà, il menefreghismo e la debolezza della nostra società, decadente, relativista e che sta raccogliendo i frutti malati della Kultura sessantottina, social-catto-comunista, materialista, nichilista e relativista. Non è certo la forza dell’islamismo che mi preoccupa (non sono forti, sono solo barbari e incivili), quanto la viltà e la mancanza di coscienza e orgoglio della nostra società e di molti miei concittadini.
            Per quanto riguarda il comportamento nei confronti di questi invasori, che si incontrano ovunque nelle strade della mia città, ti garantisco che personalmente so come trattarli e tenerli ben lontani da me e da casa mia…

  11. Francesca Valenti says:

    Analisi lucida e concisa. Cosa dire di più? Facciamone un manifesto!

    • Castagno 12 says:

      A questo punto non bisognerebbe “dire”, MA FARE !

      Un manifesto è sempre carta.
      Carta e parole vengono sempre generosamente elargite.

      Ma mancano I FATTI, che rappresentano ciò che conta.

      Non ho mai sentito un MOVIMENTO INDIPENDENTISTA (Chiavegato compreso) che abbia indicato, almeno ai suoi militanti, ciò che dovrebbero fare e non fare, anche nel quotidiano, per non approvare, sostenere e FINANZIARE IL SISTEMA.

      Si tratta di comportamenti utili che io ho messo in pratica da più di 18 anni ed ho ripetutamente indicato nei miei commenti.

      Mai uno che abbia dato seguito ai miei scritti.

      Tanti non hanno capito ciò che hanno letto ed hanno postato repliche balorde.

      Prendete atto che abbiamo a che fare con una maggioranza di cittadini IN DECOMPOSIZIONE !

Leave a Comment