NUOVO NUCLEARE: FRANCIA IN CRISI, COSTA TROPPO

 di GIANMARCO LUCCHI

Il nucleare costa sempre di più, e con i miglioramenti alla sicurezza delle centrali previsti dopo il disastro di Fukushima, le spese cresceranno in modo ancora più rapido. È il verdetto della Corte dei conti francese, contenuto in un rapporto sui costi della filiera dell’atomo presentato ieri al governo di Parigi. «Quali che siano le scelte fatte per mantenere il livello di produzione attuale (di energia elettrica) – scrive la Corte – investimenti importanti sono da prevedere a breve e medio termine, tali da rappresentare almeno un raddoppio del ritmo attuale di investimento in manutenzione. Ciò farà aumentare il costo medio di produzione dell’ordine del 10%». Oggi, tale costo è di 49,50 euro per megawattora, ma nei prossimi 10 anni potrebbe salire fino a 57 euro, o addirittura sfiorare i 60. Difficile stabilirlo con certezza, dato che sul costo effettivo degli interventi necessari, nota ancora la Corte dei conti transalpina, resta una «grande incertezza».

Ancora più elevati saranno i costi di produzione di energia del nuovo nucleare, quello delle centrali Epr di nuova generazione: a causa dei numerosi slittamenti sulla data di entrata in servizio del primo impianto di questo tipo, in costruzione a Flamanville, saranno inizialmente di 70-90 euro al megawattora. Teoricamente, il costo dovrebbe scendere per gli impianti successivi, ma anche in questo caso, dice sempre la Corte, è impossibile fare previsioni certe. Il problema dei costi, sottolinea poi il rapporto, è però strettamente legato a un altro fattore: le scelte strategiche legate alla durata della vita delle centrali, e le decisioni di investimento conseguenti. «La Corte si augura – afferma il presidente Didier Migaud in un’intervista a Le Monde – che le scelte future non siano effettuate in modo implicito, ma che sia formulata e adottata una strategia energetica, in modo esplicito, pubblico e trasparente». Una questione che, rimarca poi, si fa sempre più urgente, dato che da qui a fine 2022 ben 22 dei 58 reattori in funzione in Francia raggiungeranno i 40 anni di attività, soglia per lo smantellamento. Chiuderli tutti come previsto, e allo stesso tempo mantenere l’attuale quota di produzione di energia da fonti nucleari (74% della produzione complessiva nazionale) richiederebbe «uno sforzo considerevole di investimento a breve termine, che pare improbabile, se non impossibile».

Ciò significa, spiega sempre Migaud, che se la Francia non vuole ridurre la quantità di energia che produce ogni anno, può fare solo due cose: «Prolungare le nostre centrali oltre i 40 anni, o far evolvere significativamente il mix energetico verso altre fonti energetiche, cosa che comporta investimenti complementari». La nuova generazione di impianti avanza infatti troppo lentamente, e a costi troppo elevati, perchè si possa sperare che sostituisca le vecchie strutture nel giro di un decennio.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. Domenico says:

    Ma non c’era un ministro del “dopolavoro monti” che voleva rilanciare il nucleare? E qualcuno si chiede ancora perchè l’università in italia, con pochissime eccezioni, fa schifo? Per forza, con professori come questi!!!

  2. Matteo Incerti says:

    Prova provata dell’antieconomicità del nucleare senza intervento di denaro pubblico (cioè dei cittadini) con tanti saluti alle belle favole.

    Idem con patatine fritte gli inceneritori, come scriveva il Wall Street Journal nel 1991 “senza incentivi pubblici sono la tecnologia di smaltimento piu’ costosa”.

    Nessun privato si farebbe mai un inceneritore o una centrale nucleare senza incentivi pubblici.

    Soluzioni.

    Sull’energia bisogna puntare in primo luogo su RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA, oggi ci sono tecnologie e tecniche che a parità di prestazioni e confort della vita e sistemi produttivi permettono di consumare il -40% -50% di energia. Se non vengono adottate su larga scala è perchè ci perdono le grandi compagnie energetiche.

    Sui rifiuti, esistono tecniche alternative all’incenerimento e messa in discarica, meno costose, piu’ ambientalmente sostenibili e che creano piu’ posti di lavoro. La tecnica si chiama “Zero Waste” già partita in California. Questo è il futuro da progettare nei prossimi 20 anni. Non le multiutility ex municipalizzate dei “sindaci-capitaisti” con soldi altrui (CITTADINI) che giocano a Monopoli in Borsa facendo debiti pazzeschi.

    • sciadurel says:

      sottoscrivo tutto

      p.s. pensare che da noi un governo di straccioni, incompetenti e affaristi, voleva riavviare il programma nucleare, dopo 30 anni di inattività e con l’EDF… per fortuna l’incidente giapponese ha aiutato il referendum a raggiungere il quorum

Leave a Comment