Nuovo botto di astensione. E’ autodifesa da questi partiti

di BRUNO DETASSIS

L’antipolitica non è Grillo. Sono i partiti che hanno gridato di aver vinto due settimane fa e che ora tacciono sul crollo di affluenza ai seggi per i ballottaggi. Non solo perché la politica è quella del Mose e dell’Expo, delle alleanze tra chi prima si odiava e ora si ama perché al di fuori della politica non ha mai lavorato… e quindi fuori dal proprio partito non sa che mestiere fare…  Non solo per questo, dunque, ma perché il cittadino sa che i giochi sono già stati fatti e che il suo voto non incide sulle decisioni. Il voto europeo ha rafforzato il Pd, che quindi governa come fanno gli stati che vincono le guerre. Riscrivono la storia a loro piacimento.

L’Europa di certo in questi 15 giorni non è cambiata, la Bce è rimasta quella di prima, le banche pure. Il Quirinale idem. Nascerà un post-centrodestra, il vecchio Pdl tornerà con un altro nome, si invertiranno i fattori ma il risultato non cambierà. Nulla è nuovo, di qua e di là. Persino De Mita torna in politica attiva facendo il sindaco a 86 anni.  Ma anche in questo secondo giro elettorale, il Paese fa i conti con la propria storia. La più bassa affluenza arriva da Caltanissetta, appena il 20%. A Cremona il record di presenze ai seggi, il 44%, a Padova il 43%. Ma l’esito del ballottaggio non interessa a nessuno, ha il sapore di una finalina, come ai mondiali: per il terzo e quarto posto, la coppa della consolazione, che tanto non sposta di una virgola l’esito finale.  La politica oggi, in Parlamento e intorno al governo: chiedere e concedere favori …

Dante, Inferno XVIII: ruffiani e adulatori, immersi nella merda.  Luogo è in inferno detto Malebolge, tutto di pietra di color ferrigno, come la cerchia che dintorno il volge…  Di qua, di là, su per lo sasso tetro vidi demon cornuti con gran ferze, che li battien crudelmente di retro…  Quivi venimmo; e quindi giù nel fosso vidi gente attuffata in uno sterco che da li uman privadi parea mosso…

Commentava  un vecchio caro amico della mia montagna…: ” A essere in crisi non sono i partiti, e nemmeno le ideologie, ma un certo tipo di democrazia. È perché la democrazia è in crisi che sono in crisi i partiti come tali, non perché la democrazia stessa ne abbia bisogno in sé e per sé, ma perché essi sono la forma principale che la democrazia occidentale si è data. La democrazia è ampiamente scaduta in demagogia, dove pochi tirannucci da strapazzo, con la complicità di pennivendoli più o meno a buon mercato, si contendono l’unica cosa che per loro conta davvero: il consenso. Il cittadino è ridotto a elettore, a gonzo cui estorcere un voto e contribuente bifolco da tassare.  Più la spari grossa, più qualcuno ti viene dietro. La democrazia si è deformata in democrazia elettorale, vale a dire in distribuzione di sedie ottenute o confermate grazie a un consenso, magari a naso turato, carpito con l’appoggio dei media. Massificazione e rimbambimento: Pasolini parlava di omologazione, qualcuno, più terra terra, di rincoglionimento di massa”. Non votare, a volte, è una forma di autodifesa.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

12 Comments

  1. Dan says:

    Sarà vera autodifesa quando si passerà dalle parole ai fatti tipo non versare la prossima rata di imu e tasi.

  2. caterina says:

    fotografia esatta dei ballottaggi nel Veneto, dove a vincere è l’astensione perchè fino a che i meccanismi sono quelli inventati e perfezionati in questi sessant’anni e passa da questa repubblica, che hanno messo a punto in tutti i suoi particolari l’equilibrismo dei partiti preoccupati solo a sopravvivere, loro e i loro adepti tenuti insieme dalla speranza di un briciolo di potere…
    Non c’è salvezza… dobbiamo uscirne solo imboccando una nuova strada, quella che la Repubblica Veneta da poco nata sta mettendo a punto per portarci fuori dal pantano italico.

  3. Roberto Porcù says:

    Quel po’ di Democrazia che in Italia, per quieto vivere, davamo tutti ad intendere di credere che ci fosse, fu azzerata quando i partiti non attuarono referendum previsti dalla costituzione più bella del mondo.
    Con l’avvallo del tanghero Oscar Luigi Scalfaro, superpagato per essere garante della costituzione, la paritocrazia iniziò a rubare ufficialmente come non aveva rubato mai, ed insieme con i quattrini rubò la Democrazia.
    L’Unione Europea, che ci dà ogni sorta di ordini, non ha una costituzione approvata dai Cittadini.
    Altri Cittadini bocciarono alcune “proposte”, che a noi non vennero nemmeno sottoposte, ed oggi è il trattato di Lisbona che tutti fingono essere una Costituzione.
    Ogni voto è un bluff, per assegnare alcune incombenze amministrative e relative prebende, e votare per gli uni o gli altri è indifferente giacché sarà solo la burocrazia europea non eletta a darci degli ordini.
    In queste condizioni il voto non può cambiare alcunché e unica possibilià “storica” che io vedo per il recupero della Democrazia è una grande insurrezione popolare che sistemi i conti sospesi con una guerra civile.
    E’ brutto ciò che affermo, ma non vedo altra via: ovunque nel mondo la Democrazia la si riconquista solo in questo modo.

  4. paolo says:

    Vi propongo un’ipotesi riferita al MOMENTO DI DEFLAGRAZIONE DELLA NEO TANGENTOPOLI VENETA.
    Ho udito plausi alla Magistratura veneziana per avere scoperchiato la pentola a elezioni nazionali finite. E se , invece, si fosse tirato fuori SOLO ORA, ciò che da tanto tempo si sapeva, in risposta alla ventata autonomista veneta (referendum digitale). Come dire ai Veneti : cosa volete l’indipendenza che siete capaci solo di eleggere nuovi e altri ladri a Venezia.
    Insomma se non volete essere vittime di Roma sarete vittime dei vostri fiduciari veneti che vi siete votati.

    E questo è un VERO PROBLEMA, perchè questo melmoso popolo veneto- di cui faccio parte da generazioni- è esattamente del genere rappresentato da Dante nell’articolo di oggi di Bruno Detassis: popolo leccaculo, vigliacco, opportunista. coprofago dei potenti di casa. E io, che volevo essere diverso, a suo tempo ne ho fatto le spese. Non abbiamo il vigore morale e le palle per esercitare il controllo dei nostri politici e della nostra burocrazia. Se qualcuno non lo aveva capito la Magistratura gliel’ha spiegata bene. Le brave persone sono isolate e se alzano la testa rischiano.

    • caterina says:

      ma i controllori risultano implicati quanto i ladri….credo che non ci sia niente da salvare di quest’Italia dei politici delle burocrazie degli apparati delle corti e delle caste varie, tutte uguali, ingrovigliate fra di loro e tese solo a conservare se stesse, in danno al popolo perchè lo depredano, sia dei soldi, sia della sua dignità…
      Sono rimasta orgogliosamente Veneta, non sono diventata italiana perchè la pensione ora mi viene da una cassa che ha sede a Roma!
      non confondiamo le cose per favore… ho lavorato una vita, e noi sappiamo farlo, loro no!

    • Sawa Selvatico says:

      Non si lasci fuorviare:

      i ladri ed i truffatori sono ITALIANI NELL’ANIMO, non Veneti!!!

      Questa è la differenza. L’italia punta il dito, ma non contro Veneti, bensì contro beceri truffatori italiani!

      Così come dalla Romania arrivano tante canaglie, idem dall’italia!
      E comunque è difficile dire “li avete votati voi” come se ci fosse una colpa. Se ti si dice di indicare tra i piatti del menù a scelta e son tutti compisiti di feci di animali diversi..

      non puoi dopo inquisire il cliente perchè mangia merda!

  5. carla 40 says:

    A Padova Bitonci ha vinto con l’appoggio di…Fratelli d’italia… Sai che soddisfazione per un movimento che si chiama “Lega Nord per l’ Indipendenza della PADANIA”. Mah…

  6. Il grave difetto del nostro Paese che sta andando a rotoli consiste soprattutto nella disinformazione di quella parte di asini che sostengono ancora i partiti politici e sperano nelle balle raccontate da volpi che continuano a lanciare proclami di speranza sulla ripresa. Abbiamo visto come pur regalando le nostre industrie di stato con gestioni fallimentari tipiche dell’alitalia, nessuno le vuole neanche a prezzi di regalo. Bisognerebbe separare il territorio con gli asini da una parte e le persone che lavorano e faticano dall’altra, senza giochetti spirituali che affollano le piazze di poveri delusi persuasi da ideologie fondate sul Dio denaro.
    Anthony Ceresa

  7. ginobricco says:

    a Padova ha votato il 60,01%“, per carità non è un granché, ma è sempre più del 43%………. I presume

  8. luigi bandiera says:

    A parte che ora l’attenzione e’ su come la girera’ in Brasile. Eh eh… ghe xe el baeon e non il bajon da seguire e quindi le elezioni sono seguite ma per inerzia che ormai sta per esaurirsi visti i NON cambiamenti della politika.
    Rikordiamolo va: Litaglia e’ uno stato KOMUNISTA. Uno dei piu’ vivi ke mai in fatto di ZINISDRA…
    Diciamo che e’ strakolmo di JAKOBINI e ILLUMINATI… dalle lampade? Ma nooo… Essi sono ILLUMINATI dalle POLTRONE che emanano luce propria, come le stelle.
    Poltrone = SSKEI. PALANKE… komuniste..?? Ma no. Kax.
    Sono PALANKE VERE ottenute con la furbizia e non col LAVORO… si, e’ scritto FUNDATA SUL LAVORO, MA DEGLI ALTRIi PEONES i MONE insomma o i PANTALONI di ogni ordine e grado..!!

    Per TV e nei quotidiani te li trovi sempre li’ davanti a pontificare e a EDUKARE I MONE A FARE I KOMUNISTI e edi DX e di SX e di CNT.

    Gia’, sti edukandi… a volte ti trovi un GAEO o una GAINA.

    Magari un genitore uno e due… o secondo. Dipende ki ha detto per primo SONO IO SUO PADRE o sua MADRE.

    E’ il nuovo ke avanza… cioe’ un futuro che non si pensava arrivasse mai.

    Tuttavia ripeto: briganti, rapinatori, sassini e mantenuti si sono, da sempre, istituzionalizzati.

    E la chiamano estate questa degli inciuci, dell’INVASIONE, delle forse elezioni e del BALON…

    Della F1 poi, visto ke le rosse non fanno un tubo, meglio soprasseder: assenteismo pure la’.

    Che panorama stupendo e degno proprio di un cosiddetto (fino alla nausea) BEL PAESE…

    Non serve nemmeno piu’ rivoltare questo stato come un KALZINO: bisogna BUTTARE IL KALZINO STESSO SE SI VUOL STARE MEGLIO.

    AVANTI TUTTA CON L’INDIPENDENTISMO..!!

    PSM
    WSM

Leave a Comment