Nord Italia, Catalogna, Scozia. Perché non nasce l’asse dell’Europa dei popoli?

di ROMANO BRACALINI

Non enumeriamo le difficoltà, non facciamo troppi distinguo, i paragoni sono sempre impropri: la Catalogna, la Scozia, la Corsica sono comunità più omogenee del Nord Italia? Lo sappiamo. Però nemmeno la Scozia, nemmeno la Catalogna, nemmeno la Corsica sono riuscite finora a rendersi indipendenti. Dice Saint-Just: ”Un popolo è libero quando non può essere oppresso, né conquistato ,eguale quando è sovrano, giusto quando è regolato da leggi”. Non c’è dubbio che il Nord, che fu il motore dell’Unità, ha perduto ogni ruolo prevalente; non c’è libertà senza sovranità e in questi 150 anni il Nord ha perduto l’una e l’altra. S’è creata la condizione per la quale al popolo non resta che la ribellione. In che modo lo si dovrà vedere. Mi pare già di sentire le obiezioni, i distinguo che dicevo prima. Sono le stesse perplessità manifestate da parecchi lettori all’editoriale di Marchi. Quanto al Nord, ormai troppo “mischiato” per rappresentare una volontà comune, potrei obiettare che le rivoluzioni sono sempre state opera di minoranze. Non esistono condizioni favorevoli al cambio violento di un sistema. Nel quarantennio di preparazione che precedette la proclamazione dell’unità si calcola che i “patrioti” erano al Nord poche migliaia e al Sud anche meno; e tuttavia un’idea, che vada nel senso della storia, finisce sempre per affermarsi; e anche gli agnostici, prima o poi, finiscono per aderirvi. L’idea che vince fa proseliti, la sconfitta invece è sempre orfana.

La rivoluzione americana nacque da un moto di rabbia contro l’oppressione fiscale inglese; nacque per un impulso, e la forma di protesta scelta fu lo sciopero del tè, che colpiva la casse britanniche. L’idea di fondare una nuova nazione venne dopo, in seguito a una serie di circostanza fortunate e concomitanti.

Occorre una scintilla per propagare un grande fuoco. Le Cinque Giornate nel 1848 scoppiarono in seguito alla protesta del fumo.

Il 14 luglio dell’89 la Bastiglia venne presa d’assalto al grido “abbasso i ladri” dal popolo affamato. La Bastiglia era il simbolo dell’assolutismo monarchico. Un simbolo perché quel giorno nelle celle c’erano solo sette detenuti per reati comuni. Nessuno prevedeva che proprio quel giorno stava succedendo qualcosa di straordinario: la caduta dell’Ancien Regime. Non fu un principio filosofico l’artefice del cambiamento, ma la rabbia popolare. Quando il popolo scende in piazza, ed ha il coraggio di farlo, vale poco contarlo, saranno sempre pochi rispetto agli altri. Quelli che stanno alla finestra ci saranno sempre: guardano come va a finire e poi si accodano.

Non farei tanto questione di nomi e di definizioni. Il collante dovrebbe essere la comune volontà di stare insieme,con le medesime tradizioni e col medesimo grado di incivilimento. Nella sua idea di federazione Carlo Cattaneo assegnava alla Lombardia un ruolo centrale nell’ambito del futuro nucleo di nazioni libere e indipendenti, sia dall’Austria che dall’Italia. Il tricolore, adottato in seguito dal nazionalismo italiano per affermare “l’italianità” della Lombardia e di Carlo  Cattaneo, in realtà si rifaceva al vessillo della legione lombarda che combatteva con Napoleone. Il bianco e il rosso erano i colori di Milano, il verde il colore della divisa delle guardie civiche.

Bisogna cogliere le novità che salgono dall’Europa; a fronte della crisi della politica tradizionale, sale la protesta dei popoli contro l’oppressione politica ed finanziaria di questa Europa burocratica e illegale. Non bisogna fare i conti preventivi, sono sempre sconfortanti; dubitare fin dall’inizio è già un avviso di rinuncia e di sconfitta. Cattaneo diceva: ”Le rivoluzioni non si fanno, avvengono”. Voleva dire che sono i tempi e le condizioni storiche che suggeriscono le azioni degli uomini, e le dirigono. “Voi non dovete più avere nessun riguardo per i nemici del nuovo ordine di cose, la libertà deve trionfare a qualsiasi costo”. E’ ancora Saint-Just che parla.

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. RAFFAELE says:

    Il veneto ha certo coscienza della prppia specificita’ linguistica e culturale, non basta richiamarsi alla Serenissima e ai suoi 900 anni di esistenza per rendere il veneto regione italiana libero dall’italia. Questo veneto non ha massa critica per liberarsi dal dominio italiano.s solo una macroregione unita e determinata avrebbe la forza di condizionare roma e bruxelles. Dopo il tradimento di Salvini non ci sono altrrnative. Il veneto da solo non va da nessuna parte. Zaia lo sa benissimo.

  2. caterina says:

    ..il problema è che quest’Italia farlocca, nata per gli interessi della massoneria e della volontà di rivalsa inglese sul mediterraneo, non certo dall’iniziativa dei Savoia ma dall’astuzia del Cavour, e realizzata in maniera barbara segnata da stragi di popoli inermi e corruzione dei nemici interni che sempre si annidano nelle classi più elevate, ha distrutto il tessuto preesistente e destabilizzato col tempo culture e coscienze instaurando a forza sistemi estranei ma imposti per interessi che dovevano rimanere segreti perché illogici e voraci sotto l’ombrello fittizio del motto “fatta l’Italia facciamo gl’Italiani”, come se la menzogna non dovesse rivelarsi mai! Ecco, ora invece stiamo arrivando alla verità, sia per via di conoscenza, sia per la constatazione pratica… il sogno è finito! Non c’è salvezza per nessuno se non smontiamo il castello di carta di un’unità vorace e destinata a disfarsi da sé… sempre che le menti più consapevoli riescano ad emergere e riprendere in mano il destino delle proprie appartenenze… E’ la realtà che lo impone… gli slogan non hanno più senso… i sogni sono finiti! esistono solo per chi di essi continua a farsene scudo, senza più tanta convinzione, per interesse personale, riuscendo fin che può a manipolare chi gli sta intorno. ..

  3. Paolo says:

    Non esiste il nord Italia: esiste il Veneto e poi esistono le altre regioni. Un Veneto non ha nulla di che spartire con un lombardo o un piemontese-sabaudo. Smettetela di accumurci a tutti gli altri italiani.

Leave a Comment