Non riconosce lo Stato italiano: “Sono del Regno sovrano di Gaia”

di ALTRE FONTI

Era inevitabile, una notizia tanto curiosa e insolita fa discutere, accende il dibattito. E infatti all’indomani della denuncia dell’imprenditore sassarese che circolava con una macchina munita di targa intestata al Regno Sovrano di Gaia e documenti falsificati, le reazioni non mancano.

I vigili urbani avevano sequestrato la Peugeot che era parcheggiata in via Zanfarino e quando il proprietario si è presentato al comando insieme ad altre due persone ha cercato di far valere le proprie ragioni davanti agli agenti. E cioè: non appartenendo allo stato italiano ma al Regno Sovrano di Gaia non è tenuto a rispettare le leggi. È stato denunciato.

Così come è stato denunciato dai carabinieri, circa un mese fa a Olbia, un altro automobilista per la stessa ragione: guidava una macchina con targa siglata RSG e contrassegno dell’assicurazione falsificato.

Lo stesso imprenditore sassarese ha commentato su Facebook la notizia che lo riguardava e che è stata pubblicata ieri nel nostro quotidiano. Ha tenuto a precisare che l’episodio non deve essere considerato “come una goliardata di un’allegra combriccola di buontemponi, uno scherzo carnevalesco, una commedia all’italiana”. I sostenitori del Movimento Sovrano di Gaia a suo dire rischierebbero di apparire come “degli sprovveduti nostalgici, una combriccola da serate in osteria”. Si proclamano sovrani di se stessi e per sancire il distacco dallo stato italiano compilano un documento da inviare al Presidente della Repubblica.

“Al momento del contratto (atto di nascita) – scrive ancora l’imprenditore – lo stato italiano attribuisce ad ogni nascituro un Bond (Titolo obbligazionario) di circa 2 milioni di euro, crescente nel tempo, a seconda delle competenze acquisite che piuttosto che essere consegnato al diretto interessato, al momento del raggiungimento della maggiore età, è sottratto con un espediente all’età di 10 anni. Pertanto, il denaro che dovrebbe servire per le spese di sopravvivenza quali, l’acquisto di una casa, ecc. viene inserito in lotti e commercializzato a livello internazionale a insaputa dei diretti interessati, andando a far parte del Pil nazionale”. Ecco perché nulla bisogna pagare poi allo Stato Italia.

FONTE ORIGINALE: http://lanuovasardegna.gelocal.it/

Print Friendly, PDF & Email

8 Comments

    • @ Eugenio – Forse, ma i casi clinici di persone che sentono ostile lo stato italiano, che lo rifiutano e, se non possono fuggire sognano di farlo, sono molti.
      Tre piove ‘na brentana e tre casi clinici possono innescare la rivolta, è sufficiente che chi arriva alla disperazione non suicidi se stesso, ma pezzettini dello stato.
      La disperazione che avverto è sempre maggiore e puoi immaginare come ritengano importante le disquisizioni su una legge elettorale.

  1. Lo stillicidio di notiziole demenzial/comiche come questa od altre pagliacciate al mirto è più dannoso all’immagine dell’autodeterminazione di quanto lo siano tutti le più beceri attacchi centralisti !!!

    Facciamoci sempre male da soli….!!!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Articolo precedente

Plebiscito digitale veneto, ha votato anche Pippo Calippo dalla Crimea

Articolo successivo

Plebiscito digitale veneto, per gli organizzatori han votato 700.000 persone