“Non possomus” svendermi per fare il portaborse a Roma

di ANGELO CANOSSI*

Il veneziano Pompeo Molmenti  (1852-1928) iniziò la sua attività politica a Moniga del Garda (BS) prima come consigliere comunale e poi come Sindaco; nel 1890 venne eletto parlamentare e nei primi anni del Novecento propose al poeta bresciano Angelo Canossi  (Brescia 1862 – Brescia 1943), poeta della brescianità e molto influente negli ambienti della cultura bresciana, di fargli da portaborse a Roma.

Così nel 1905 Angelo Canossi scrisse una poesia a riguardo, come risposta negativa, a chi gli tirava la giacca come diciamo oggi.

Non Possumus (Per ‘n’ofèrta dè ‘na carica a Roma)….

Lassém èl mé Dòm növ, èl mé Dòm vècc,

èl Pégol e la Lòza e la Palada,
èl bèl e ‘l bröt, le piazze e i vicolècc
dè la mé Brèssa sgrèza ma unurada;

lassém èl mé Castèl e i sò boschècc
pèr fàga töcc i dé ‘na spassezada

e töcc i dé ‘na quac scarabociada
sö le glorie dè Brèssa e i sò difècc;

lassém sbarcà ché a Brèssa ‘l mé lönare,
chè a mé mè basta sté sodisfaziù,
senza crus, senza cariche e salare.

Lassém fà ‘n santa pas èl mé mestér;
lassém cói mé Bressà e la mé ambiziù
d’ésser gna Comm, gna Uff, gna Cavaliér.

Traduzione in lingua franca italiana

Non Possumus (per un’ offerta di un incarico a Roma).

 

Lasciatemi il mio Duomo Nuovo, il mio Duomo Vecchio,

la torre del mercato, la Loggia e la Pallata,

il bello e il brutto, le piazze e i vicoletti

della mia Brescia ruvida ma onorata.

Lasciatemi il mio Castello e i suoi boschetti

per fare tutti i giorni una passeggiata

e tutti i giorni buttar giù qualche verso

sulle glorie di Brescia e i suoi difetti.

Lasciatemi sbarcare il lunario a Brescia,

che a me bastano queste soddisfazioni,

senza croce onorifica, senza carica e stipendio.

Lasciatemi fare in santa pace il mio mestiere,

lasciatemi con i miei Bresciani e le mie ambizioni,

cioè d’essere nè Commendatore, nè Grandufficiale, nè Cavaliere.

*Segnalata da Giulio Mattu e l’amico Carlo. Traduzione e riferimenti storici di Alfredo Gatta. Brescia-(Angelo Canossi, maggio 1905)

 

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

3 Comments

  1. ferdinando says:

    Non ha voluto perdere le sue radici… bravo e onesto

  2. Gian says:

    bella si, ma sintomatica di un nostro grave difetto, mentre noi restiamo a Brescia, in molti sono partiti volentieri da altri lidi e se ne sono andati a Roma dove per 150 hanno diretto lo stato a nostro discapito.

  3. Paolo L Bernardini says:

    Bellissima!

Leave a Comment