NON C’E’ INDIPENDENZA SENZA IDENTITA’ LINGUISTICA

di MARCO TAMBURELLI*

Volevo ringraziarvi per aver messo a disposizione la testata online de l’Indipendenza, organo molto informativo e da molto tempo atteso. Da professionista delle lingue volevo fare qualche considerazione che potrebbe aprire strade interessanti.

Le forme di indipendentismo che si manifestano nel contesto italiano spesso parlano di Catalogna, Euskadi o Belgio come situazioni da emulare, evitando – quasi sempre – di menzionare una caratteristica che tutte queste realtà indipendentiste hanno in comune: la coscienza linguistica. Sia in Catalogna che in Euskadi (e idem in Belgio, Galles e – in modo minore – Scozia) il discorso indipendentista è intimamente legato a quello linguistico, mentre in Italia – segno forse della poca serietà o magari della poca preparazione – le caratteristiche linguistiche sono spesso in secondo piano, se non del tutto ignorate. I controesempi non mancano, come l’FNS per la Sicilia, o il neonato pro-Lombardia Indipendenza per la Lombardia, ma anche (e qui gli esempi scarseggiano) nei corridoi della Lega c’è Zaia che parla spesso della lingua veneta, e il giornalista della Padania Giovanni Polli è preparatissimo sul tema delle lingue regionali d’Italia. Ma queste sono le eccezioni piuttosto che la regola. Le gocce di coscienza in un’oceano di incompetenza.

Il fatto è che tutto ciò è quasi paradossale: le lingue autoctone di molte zone d’Italia, soprattutto quelle del nord, sono tipologicamente distinte dalla lingua di Stato tanto quanto il catalano o il galiziano lo sono dal castigliano (nel caso delle lingue padane la differenza è addirittura maggiore), eppure vi è una coscienza linguistica irrisoria rispetto a quella presente nelle regioni spagnole. La stessa Lega, che ogni tanto si ricorda delle battaglie per la difesa della cultura del territorio, segue la narrativa di Stato nel chiamare le proprie lingue “dialetti”, cosa impensabile per un catalano. Eppure il catalano è tipologicamente più vicino alla lingua di Madrid di quanto il lumbard di Bossi sia all’italiano. La differenza è che i catalani prendono le loro differenze linguistico-culturali sul serio, non limitandosi a vederle come “dialetti” (ovvero varianti) di un’unica cultura spagnola, cosa che i lombardi, e i leghisti in particolare, sono ben pronti a fare, spesso per inerzia culturale, che è poi la madre dell’assimilazione. Certo i “popoli del nord” sono liberi di farsi assimilare se è quello ciò che vogliono, ma allora per coerenza dovrebbero chiamare il loro partito “Lega Italiana”.

Durante un’intervista, al Ministro Maroni venne chiesto se la battaglia indipendentista della Lega fosse simile a quella della Catalogna, e lui rispose che le due battaglie sono diverse perché hanno caratteristiche culturali diverse, visto che la Catalogna ha anche “una sua lingua” (sic.!). Questo dimostra una forte ignoranza della situazione e della storia linguistica del Veneto o della “Lombardia storica”, entrambe italofone da meno di 60 anni. Vedere queste zone, così come la Sicilia o il napoletano, come parlanti “dialetti” italiani è solo una convinzione culturale che non ha alcun fondamento linguistico, come sapevano bene gli inventori del Risorgimento. E’ solo un modo per riconoscersi come “sfumature” o “varianti” di un unico popolo italiano. E’ paradossale – e informativo – che doveva essere la Spagna, linguisticamente più omogenea dell’Italia e con una storia unitaria che supera di molto i 150 anni, a fare scuola di indipendentismo e identità linguistica.

 

*Docente di Bilinguismo, Dipartimento di Linguistica, Bangor University, Bangor Gwynedd UK

e-mail: m.tamburelli@bangor.ac.uk

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

31 Comments

  1. luigi bandiera says:

    C’era il prof Meo Zilio che parlava sempre in venetho.

    Era in liga veneta.

    Poi altri che purtroppo sono morti.

    Pace a loro.

    Adesso si sforzano di perdere perfino l’accento venetho.

    La tragedia continua…

    An salam

  2. claudio says:

    Come mai nella Repubblica del [Canton] Ticino la gente ha una orgogliosa consapevolezza identitaria e una altrettanto orgogliosa mania dell’uso di una lingua italiana corretta?

    • Marc says:

      premetto che non sono d’accordo con le assunzioni alla base della sua domanda, ma è certo che i ticinesi non sono affetti da isteria glottofaga come i cugini d’oltre confine, come testimoniato dal fatto che in Ticino la trasmissione intergenerazionale del lombardo è ancora attiva, cosa che non si puo’ dire della Lombardia italiana.

    • dante says:

      Hu capi, ma manca ancamo un minim de koine’ e ghe nisun che’l se ocupa. Se poe no fa una proposta a la region de sponsurisala ?
      A vedi che han sponsurisà di librett de la asuciasiun Insubria !
      O ciapà una insiativa privada … su no, un quei coss bisogna fa con la lingua Padana

  3. Candalabissa says:

    La me upinion insima la leingua lumbärda (longobärda sariss mei) a l’e ca, al cunträri di Basch o di Catalan, g’umm mäi avì una scrittüra e una minera da parlä ünica, custi a l’e un prublema gross cmé una cà. A Milan, a Venessia, a Genua as s’e simpar parlä (e scritt) in leingui differeint. Quand i “duttur” j’ann duí decid una leingua “franca” j’ann sarnì al Fiurintein (ca j’enn seimpar di lumbärd…) parchè l’era la leingua lumbärda pössè taca al Latein, par cui leingua pössè “nobila”…
    Anca par custi la lega nord la pärla ad dialëtt e mia ad leingui Padani, ill poc voot ca diza mia d’ill luccäd e pärla mia ad sood e puteer.
    Par cull l’e ca as parlum in talian, parché a differeinza ad j’ätar sum custrëtt a fä atzè, as tratta anca d’una naziòn ad 32 milion ad parsoni mia 7 milion tant cme i Catalan…

    TRADUZION: la mia opinione sulla lingua lombarda (o meglio longobarda) è che, al contrario di Baschi o Catalani, non si è mai avuto una lingua scritta od orale unica, è questo il più grosso problema. A Milano, Venezia o Genova si è sempre parlato (o scritto) lingue simili ma differenti. Quando i dotti si sono trovati a dover decidere una lingua franca la scelta è caduta sul fiorentino (parlato da gente longobarda) perché oltre alla tradizione letteraria, era l’idioma “lombardo” più simile al Latino (lingua usata dai dotti di tutta Europa) per cui più nobile…
    Anche per questo la lega nord parla di dialetti e non di lingue Padane, la poche volte che non dicono stupidaggini o non parlano di soldi e spartizione di potere.
    Anche per questo parliamo in italiano, perchè a differenza di altri ci siamo costretti, parliamo sempre di una nazione (quella “Longobarda”) di 32 mln di persone non 7 come la Catalogna.

    ‘ti bein bagai
    Candalabissa

    • Marc says:

      Car Candalabissa, nanca i Basc e i Catalan i g’hann mai havù una manera de parlà unica. Per gran part de la soa storia i sò lengue de lor i ènn staa lengue ind el sens tipologic: combinazion de variant (o, se te preferisset “dialet”) ligaa intra de lor per gramatica, vocabolari, e desvilup storic-fonologic. Propi come el lombard, el piemontes, el venet. Permetem pœ de dìt qe te sbaiet quand te dixet qe el “Fiurintein [l’è] seimpar di lumbärd”, perqè i lengue con ciara radis celtica e super-strat longobard i rivan fin a la Rimini-La Spezia, e donca el Fiorentin l’è taiaa fœra, insì come asquas tuta la Toscana.
      Anca per la manera de scriv, l’è important regordàss qe l’ortografia Basca unificada l’è nassuda ind i ann 80( !!!) per via d’un operazion voluda politicament. E donca, i diferenz i ènn ind la volontà politica, e mìa ind la situazion diatopica/linguistica. L’istess l’è vera per l’ocitan, anca lu con una gran variazion geografica, ma reconossuu l’istess dal govern taglian come lengua regional/minoritaria. Tut i lengue, soratut quei mìa “nazionai” (ind el sens qe i ènn mìa lengue d’un Stat) i g’hann variazion geografic, la diferenza l’è domà e solament de coscenza politica. L’è lì el noster problema.

      • Candalabissa says:

        Sì l’e custi al noss prublema. I g l’ann i Venessian, i Rumagnó ma mia tütt insëma, ognidoin par lü.
        At gh’e ragion anca insima la linea Gotica ma fein a Napulion la gint furastera la ciamäva Lumbärd anca i Tuscan (i bancher Senes e al “tasso Lombard”par esempi). Al Fiurintein l’e pössé taca al Latein parchè ag calla al tocc Celtic. Abotta parolli dal tuscan i vegnan dal Longubärd ma ansüna dal Celtic. Ma al me l’era sultant un guardä la storia, par spiegä parché l’an gh’e mäi stä una leingua “lumbärda” tant c’me i tudësch ad eseimpi. Ill noss leingui i sa smeian tütt fein alla linea Carrara-Senigallia, sutta j’enn un ätra roba, insima cullé ag piöva mia.

        Ag sariss da vëd cme i reagissan i noss popul a un cambiameint ad scrittüra di noss leingui piuì da präria,
        l’e una strä longa longa, ma gh’e da fäla…

        ‘ta bein Märc

  4. dante says:

    Però a part i Veneti vedi nisun chel scriv (cume el peut) in una lingua Lumbarda. Divrium comincià anca chi su l’indipendenza e anca cerca cun i prufesur a fa una coinè Lumbarda cume el dis el Salvi.
    Magari el piemuntes el fa fadiga a capim cumpletament ma al 60 -70 per cent el capiss.
    Perchè per esempi el Salvi e el Tamburelli fan no un vucabulari e una grammatica Padana. Se mai se cumincia……

  5. bruno says:

    Dopo piu’ di un millennio finalmente “uno che se accorxe che el veneto, proprio queo che da’ da magnare all’Itaglia, ze’ na lingua e NON un dialeto: gera ora! Mejo tardi che mai!”. Dovremo fare come i baschi per farlo capire a tutti?? O e’ troppo dispendioso lasciarci la nostra nasion??

  6. Gianpaolo Verbi says:

    E’ una piantina linguistica vergognosa! Proprio le considerazioni sul friulano per la parte del portogruarese ma soprattutto della Bisiacaria (Monfalcone ha testimonianze letterarie venete di almeno 4 secoli e nessuna testimonianza friulana). L’attribuzione poi del veneto in Istria ormai è totalmente antistorica. Un chiaro esempio di prevaricazione leghista in salsa friulana.Complimenti per il metodo e i risultati.

    • Heinrich says:

      Se è per questo è idiota pure considerare lingue quali il Lombardo, il Veneto ed il Friulano come “monolitiche”, quando in realtà sono lingue caratterizzate da differenze interne anche e normi non riducibili a mere varianti “dialettali”. Ancor peggio quando si va a mettere il naso su aree ancor più complesse e sconosciute dai presunti studiosi autori della suddetta cartina, quale l’Istria.

      Ma d’altronde questa cartina l’hanno creata i leghisti, e degli italioti non ho alcuna stima e fiducia nella loro onestà intellettuale…che siano camicie verdi, rosse o nere, sempre italioti restano.

  7. Giorgio Milanta says:

    In realtà ci può essere, vedi la Svizzera. Noi abbiamo una buona uniformità linguistica ma ci manca la visione politica e l’astuzia. Sia nella base sia nei vertici politici.

    Questa è la vera tragedia.

  8. Ottimo articolo! Io sono un traduttore appassionato di linguistica e conosco bene la situazione delle lingue e dei diritti linguistici….

    Unica grande pecca….per “padania” si deve intendere solo “area idrologica del fiume po”. deve tornare ad essere un termine solamente geografico.

    Parlare di identità padana in ogni modo porta solo a confusione identitaria e una nuova “assimilazione culturale” (già in atto in parte).

  9. luigi bandiera says:

    La lingua e' un collante fortissimo. Come del resto anche la religione.

    Si spiega del perche' l'italia sta faccendo italiani a tutto spiano con l'obblighatorieta' della frequenza delle sue scuole o KST.

    Non tanto per avere lavoratori, mica insegna un lavoro…?

    Ma per avere cervelli italiani.

    In Amereica fecero la stessa cosetta con i giovani PELLIROSSE.

    Direi che da noi lo fanno in forma piu' subdola e vigliacca.

    Nel Triveneto ci si comprende benissimo… in lengoea venetha. Con le sue varianti che sono marcate da chi vuole DIVIDERCI..!

    Io quando vado nel furlan parlo venetho traquillamente e mi capiscono. Se vado in Trentino lo stesso.

    Da queste parti, terra della SERENISSIMA si parlava venetho… poi le minoranze del tipo -le classi sociali piu' alte- e nemmeno tanto intellettuali parlavano l'italiano.

    Altri il latino ma erano degli appassionati…

    Io cerco di fare RESISTENZA LINGUISTICA parlando ai miei nipoti in LENGOEA VENETHA.

    Impariamo dagli inglesi: prima insegnavano la loro lingua e poi pensavano ad altro.

    Saluti

    • Heinrich says:

      il “triveneto” esiste solo nelle menti bacate degli irredentisti/fascisti, Südtirol, Welschtirol e Küstenland non hanno mai avuto alcunché da spartire con il Veneto che, anzi, fu da sempre arcinemico storico.

  10. Gino Pugliese says:

    Scelsi a suo tempo di identificare Caorle (così come tutta l'area del Comprensorio Portogruarese sud-occidentale) come friulana non tanto facendo riferimento alla contemporanea diffusione del veneto, quanto cercando un (compromissorio) soppesamento con le istanze storico-politogiche mosse dai friulianisti. Per intenderci il confine tra Veneto e Friuli assestato sul Livenza, piuttosto che arretrato fino alle porte di Pordenone; stesso metro per Pordenone e il suo immediato retroterra: il veneto si è diffuso in questi territorî negli ultimi 200 anni a discapito del friulano, ma la Patrie dal Friûl tendenzialmente rivendica quei territorî come proprî. Stesso metro per la non citata (nel commento di Filippo83) area della Bisacaria (il Monfalconese, per inciso) dove a maggior ragione già da tre secoli (almeno) si è diffuso il veneto bisiaco, ma che i movimenti friulianisti storici (e molte fonti illustri, tipo il primissimo Sergio Salvi nel 1973) assegnano al territorio del Friuli. Per Trento oggi mi sentirei di dire (la carta ha quasi dieci anni, ormai) che forse farei scelte diverse; tradizionalmente il confine viene posizionato sull'Adige, in Trentino. Gli studî linguistici del XIX secolo assegnavano tutto il Trentino centrale (capoluogo incluso) al lombardo orientale, ma con cautela: questo territorio contiene caratteristiche di entrambi gli idiomi, e se nel medioevo era certamente più lombardofono, la spinta linguistica parrebbe averlo sospinto sempre più nell'evo moderno e in quello contemporaneo verso le zampe del Leòn, piuttosto che verso l'Orobia… tuttavia il Trentino non è facile da attribuire a questo o quella situazione: il tradizionale legame con l'Impero Austriaco e Germanico, la storica autonomia del Vescovato, ma anche e soprattutto l'imponente sostrato ladino (evidentissimo nelle valli di Non, di Sole e di Fiemme) ne fanno un'area eccentrica che non è facile inserire in questo o quel gruppo macrogruppo linguistico della Padania.

    Se operai in questo modo a suo tempo, è perché non volevo dar rilievo ad un'analisi meramente linguistica (non a caso la carta fu denominata etno-linguistica) che sarebbe ovviamente risultata lacunosa e passibile di mille critiche (basterebbe per rimanere sempre nell'area triveneta, mettere in evidenza che oggidì in città quali Udine e Cividale, ma anche Palmanova, Cervignano, Spilimbergo, Gorizia, il veneto è parimenti diffuso al friulano come utilizzo, se non maggioritario – ritenuto probabilmente più prestigioso, meno "di nicchia" – ossia in pieno territorio friulano si stanno formando isole linguistiche venetofone, si veda a questo proposito: http://www.istrianet.org/istria/cartography/other… dove viene altresì mostrata l'intera area portogruarese dal Livenza al Tagliamento come bilingue) ma piuttosto a uno schema di riferimento che fosse equilibrato tra le istanze storiche, culturali e nazionalitaristiche e quelle più prettamente linguistico-scientifiche.

    Si fa sempre in tempo a operare modifiche 🙂

    (del resto anche la mappa ivi riportata non è l'originale composto da me, bensì una versione modificata a suo tempo da un altro utente dell'ALP… io inserii la bandiera padana come proposta da Oneto nel suo "Bandiere di libertà: simboli e vessilli dei popoli dell'Italia Settentrionale" con la croce di San Giorgio e il Fiore delle Alpi cantonato nel I° di rosso, non con la bandiera correntemente utilizzata dal movimento politico Lega Nord, con il solo Fiore – da loro chiamato Sole – delle Alpi verde… ma questa è un'altra storia…)

    Saluti!

    • Heinrich says:

      parlare così a cavolo di lingue come se fossero bandierine da piantare su una cartina è assurdo, soprattutto visto che non si tratta di lingue monolitiche bensì spesso di idiomi policentrici caratterizzati da varianti anche enormemente dissimili tra loro, senza poi contare che in aree di confine si realizzano ibridi propri non ascrivibili né all’uno né all’altro “genitore”
      le istanze politiche dovrebbero starsene fuori dalle questioni etnolinguistiche, o comunque seguirle e non guidarle…Caorle non fu mai patriarcale, rivendicarla come friulana è assurdo, idem è altrettanto folle litigarsi il Trentino tra veneti e lombardi quando non fu mai né l’uno né l’altro, e nessun trentino intende nemmeno ascriversi ad uno dei due gruppi, visto che casomai i trentini si sentono tirolesi di lingua romanza, legati per storia, usi e tradizioni al resto del Tirolo germanofono
      il fatto che in Friuli si stiano diffondendo il veneto da una parte ed il bisiaco (che non è né veneto ne un suo dialetto) dall’altra, è dovuta all’italiano, in quanto sono idiomi molto più simili all’italiano e permettono una comunicazione agevole con gli italofoni, senza doversi sforzare di parlare in italiano corretto (che tanto, poi, nemmeno gli italiani parlano)

      quello che rimane assurdo in tutto questo ragionamento è la volontà di imporre confini basandosi sulle lingue, cose talmente folli che solo i nazionalismi di fine ottocento potevano concepire, senza considerare i bagagli storici e culturali
      ciò significa che i confini possono spaccare tranquillamente a metà quello che per la sola lingua può essere ipotizzato quale un unico popolo, ma che per tutto il resto è diviso in due realtà radicalmente diverse…considerarli quindi un unico popolo solo perché parlano la stessa lingua è aberrante tanto quanto il ragionare da “italiani” e pretendere arbitrariamente di etichettare come dialetti idiomi che non lo sono unicamente per rivendicare politicamente territori a destra ed a manca

      altro discorso poi è il criterio censorio di chi fa queste cartine…quale viene usato? la lingua madre o la lingua d’uso comune? e nelle famiglie poliglotte quale etichetta appioppate?

      cazzo questi discorsi son proprio da ventennio…italiani siete ed italiani resterete, inutile, l’imperialismo razzista è proprio parte costituente del vostro DNA culturale

  11. @le says:

    Ottimo articolo che condivido completamente, la battaglia indipendentista deve perforza di cose camminare a fianco di quella linguistica e culturale.

    Basta Italia, pro Lombardia Indipendenza.

  12. Filippo83 says:

    Segnalerei anche Veneto Stato (ovviamente in…Veneto, ma presente anche a Brescia e Pordenone) che, oltre che forte nei sondaggi, è anche molto impegnato nel valorizzare il patrimonio linguistico e culturale veneto, e nei suoi siti si possono trovare articoli in veneto.

    P.S. piccoli (ma significativi) errori nella carta: a Caorle si parla veneto, non furlano; a Trento come a Pordenone prevale la parlata veneta, non quella lombardo-trentina né quella furlana.

    • Marc says:

      @Filippo83, si, Veneto Stato e' anch'esso degno di nota.

    • Heinrich says:

      Caorle infatti non fu mai inclusa nei confini patriarcali e non è mai stata friulana, a differenza degli altri comuni dell’ex-mandamento di Portogruaro, ove sopravvivono tanto isole di poliglossia in cui è presente il Friulano in variante occidentale (concordiese) oppure il Liventino (interessante koiné nata dall’ibridazione tra Friulano occidentale e Veneto trevigiano).
      A Pordenone si parla diffusamente Veneto a causa della contiguità territoriale e del maggior legame economico tra il territorio provinciale e la vicina regione, piuttosto che nei confronti della provincia udinese dirimpettaia, ma ciò non toglie che la lingua autoctona sia il Friulano occidentale, molto usato nei territori meno legati per motivi economici alla vicina regione, come i comuni di campagna o montani, ove la venetizzazione fu meno penetrante.
      Anche a Udine esisteva una fascia alta della popolazione che parlava Veneto, strascichi della dominazione serenissima in cui l’aristocrazia era obbligata a parlare veneto.
      Trento, come tutto il Welschtirol non-Ladinofono, parla in trentino, che non è né Veneto né Lombardo, bensì una propria forma ibrida.
      Altrettanto non si può dire che siano Veneto il Gradese, il Bisiaco, il Triestino e l’Istroveneto, tutti idiomi sui generis che con il Veneto non hanno che una remota parentela ma evoluzioni totalmente proprie originali ed autonome.

      Il neo-nazionalismo linguistico, che provenga da parte lombarda, veneta o friulana è indifferente, è ributtante tanto quanto il nazionalismo irredentista italiano.

  13. sardigna natzione says:

    volevo segnalarvi sull’argomento l’articolo web su “la nuova sardegna”:”indipendentismo, la lingua innanzitutto”.

  14. Nicola BS says:

    Sante parole, l’ignoranza in materia è incredibile. Speriamo che proLombardia riesca a diffondere le verità nascoste dallo stato italiano. Complimenti Marco, non molliamo 😉

Leave a Comment