Non c’è dubbio, Pulcinella è molto più serio di questo governo

di GIAN LUIGI LOMBARDI CERRI

Episodi recenti hanno confermato che il comportamento più frequente di chi ci governa assomiglia, e forse in peggio, a quello di Pulcinella. Vediamo per capitoli.

Entrata e uscita dall’euro – Sono state fatte carte false (e non solo metaforicamente) per entrare nell’area euro, nella vana speranza che l’Europa risolvesse gratuitamente i nostri problemi. Si è dovuto dolorosamente constatare che i problemi derivati da una pessima amministrazione devono essere risolti da chi li ha creati, senza se e senza ma. Ora, con altrettanta ansiosa sollecitudine , si tenta , in tutti i modi, di uscirne , possibilmente facendosi “sbattere fuori” onde trovare il modo di dare la colpa agli altri.

Sbarchi – Ed ora veniamo alla vexata questio: l’immigrazione clandestina o autorizzata. Alcuni fatti sono certi ed indiscutibili. Che dietro questa , che è una autentica invasione, ci siano grandi interessi criminali, non vi è dubbio. Che senza una regolamentazione rigorosa gli sbarchi avranno un carattere crescente è sicuro. Che una collettività non possa FISICAMENTE accogliere un numero infinito di persone è altrettanto fuori dubbio. Tuttavia l’Italia, nella vana speranza di muovere l’Europa ha mobilitato la flotta per “fare da traghetto gratuito e sicuro”. Certo che dopo le clamorose vittorie di Lissa, di Punta Stilo, di Gaudo, di Matapan e delle Bocche di Bonifacio,  fatto salvo il valore dei marinai, l’unica attività che ci si attaglia è proprio quella di Caronte. Pensate che mobiliteranno perfino i droni, dichiarazione questa della mancanza di un controllo delle acque, al di fuori di questioni umanitarie.

Tuttavia, alla fine, sembra che a nessuno venga in mente che, con questa agevolazione del transito i passaggi aumenteranno spaventosamente di numero e che, cosa fondamentale, sfugge totalmente il fatto che con la crisi vigente in Italia non potranno essere assicurati posti di lavoro e che, pertanto, con le “buone o con le cattive” questa gente si procurerà da mangiare. E allora che faranno i soloni buonisti? Altro che regalare a qualcuno di loro il tesserino del telefono , trovata questa invero grandiosa. Trovata ancora più  grandiosa dopo tante prediche di solidarietà.

Priebke – Il problema relativo a Priebke è ancora più incomprensibile. Posto che non riesco proprio a capire perché, una volta catturato, questo signore non sia stato impiccato all’albero più vicino al posto di sbarco e che ci si siano addossati i costi della sorveglianza  e del suo mantenimento per oltre 50 anni. La pur civilissima Israele, colpita ben più noi con l’ olocausto, non ha esitato ad impiccare Eichman dopo un veloce quanto scontato processo. Ora che (grazie a Dio), ci ha tolto il disturbo si fanno enormi discussioni sulle esequie e sulla sepoltura, avendo a disposizione la soluzione per eccellenza: quella di arrostirne il cadavere (scusate “cremare”) come da esperienza del morto copiosamente acquisita , consegnando le ceneri ai famigliari o ( meglio ancora ) disperdendo le ceneri in mare. Gli USA , quando hanno giustiziato Bin Laden, lo hanno gettato in mare eliminando sul nascere ogni discussione.

I governanti italioti ed i loro tirapiedi invece no! Giù a discutere del perché non si è pentito ( forse memori che sotto il regime comunista ogni buon cittadino, prima di essere condannato a morte deve essere portato, con ogni mezzo a “fare autocritica”. E a dibattere se fare o non fare le esequie e dove seppellirlo. Con la sceneggiata del Sindaco di Roma che, con una comicità alla Crozza,  ha  dichiarato solennemente a “ a Roma, (città pura per definizione) a Roma no!”

La marcia in difesa della Costituzione – Ed ora la più elettrizzante! La marcia a difesa della “più bella Costituzione del mondo”  (e giù a ridere). Chi ha organizzato la marcia? Ecco alcuni nomi di rilievo. Di Pietro. Che non sappiamo se l’ha letta essendo scritta in italiano. Ingroia. Che uso a fare strame della Legge, difende una Legge da rottamare. Rodotà ta, ta. Che ha sviluppato la sua carriera politica su una serie di fallimenti tra cui, uno dei più rilevanti è quello ottenuto gestendo ( si fa per dire ) la nostra privacy. Maurizio Landini, il quale ha in testa, come schema ideale, la Costituzione peggiorata, dell’URSS. Ed ora la ciliegina sulla torta, recentissima.

I lupi – I lupi stanno invadendo i due versanti delle Alpi Marittime. I francesi stanti i crescenti danni arrecati alla pastorizia e i pericoli nei confronti dei cittadini hanno deciso di muovere guerra a  queste fiere. Le citoyen avant tout (il cittadino avanti tutto)! E l’Itaglia? L’Italia no! ‘Italia ha deciso di studiare un programma perché in alta quota possano convivere persone e lupi, possibilmente con il minimo danno per i lupi per cui anche se qualche cittadino dovrà lasciarci la pelle, meglio : uno di meno che protesterà. Il cittadino deve rassegnarsi a convivere con tutti quelli decisi dagli intellettuali. Forse un giorno dovrà decidersi a convivere con una qualsiasi delle malattie mortali, perché microbi e batteri hanno , anche loro, dei diritti. Che diamine! Che persona seria era Pulcinella!

Print Friendly, PDF & Email

Recent Posts

5 Comments

  1. Roberto Porcù says:

    In merito agli sbarchi avevo accarezzato l’idea di preparare un esposto da presentare ai carabinieri contro la dentista assunta a ministro, per istigazione a disastro umanitario illudendo disperati dell’Africa che qui avrebbero trovato il bengodi.
    Poi dopo che una imprenditrice si è suicidata a Salzano (VE) ne ho meditato un altro a carico di Letta & B.B. per istigazione al suicidio di una femmina (dopo femminicidio, ci sarebbe da inventare un altro vocabolo).
    E schifato mi sono ritratto considerando tutti manutengoli in torta fra loro, se anche i carabinieri li avessero accettati (non detto), sicuramente la magistratura avrebbe sepolto tutto.
    In merito ai lupi, ai cervi, ai daini ed ai cinghiali, la loro difesa viene da gente che vive in città e dei problemi della gente che vive la montagna ne capisce men che niente.

  2. lucia says:

    Barbieri: non e’vero. E’capitato a capuccetto rosso.

  3. Riccardo Barbieri says:

    Condivido in parte, le cazzate sui lupi (fiere) poteva risparmiarsele. Quello è un problema di soldi (perdite di capi), ma come al solito il dio-uomo considera gli animali in base a quello che portano nel portafogli. A proposito NESSUNO è mai stato attaccato da un lupo. saluti.

    • lombardi-cerri says:

      Vediamo di chiarire: la versione francese e quella italiana sui lupi sono vere o no?
      Se è una questione di soldi ce li mettano (ma paghino sul serio ) gli ambientalisti di città, oppure liberino in citta un po’ di leoni e di tigri. (tanto basta “non guardarle negli occhi “che non attaccano )

  4. Per i lupi non c’è problema. Al paese mio che ometterò in onore di Echelon, usano con molta solidarietà il SOVRAPPOSTO calibro 9. E le pecore sono salve.

Leave a Comment