“Non arretreremo un millimetro”. Poi governo cala le braghe e le calerà ancora. Retromarcia al 2,04%, e non è ancora finita…

manovradi ROBERTO BERNARDELLI – Si erano affacciati al balcone per annunciare la manovra del 2,4% di debito. Sfidando tutto e tutti. Alzando lo spread, facendo aumentare il costo del denaro, facendo scappare gli investitori, facendo riaprire le banche di Lugano ai risparmi italiani… Poi hanno capito che il vicolo era cieco, e hanno dovuto calare le orecchie, le braghe, tutto. Manovra giù dal 2,4% di sforamento del debito al 2,04%. Ma non è ancora finita. L’Europa non si accontenterà di questa limatura.

Di certo Di Maio e Salvini, ma il ministro Tria lo sa meglio di loro, il precedente governo Gentiloni, aveva concordato una riduzione del deficit dello 0,8% nel 2019. Figuriamoci la faccia di Bruxelles vedere invece il debito crescere per pagare l’assistenzialismo del reddito di cittadinanza e per pagare le pensioni a chi non ha i contributi. Perché, questo avrebbe dovuto fare la Lega se avesse mantenuto i principi fondanti, la previdenza del Nord è in pareggio. Non aveva bisogno della legge Fornero. I saldi sono attivi. Ma non al Sud. E così devono pagare tutti l’innalzamento dell’età pensionabile. Avanti così che va bene. Aspettiamo che il governo gialloverde arretri ancora sotto il 2%. Il populismo è questo. Il biglietto si sta pagando adesso.

Print Friendly, PDF & Email

Related Posts

One Comment

  1. giancarlo says:

    A dire il vero il biglietto lo stiamo pagando da ca. 20 anni e con l’entrata dell’euro.
    Se qualcuno vuole ricordare cosa è successo da allora ad oggi deve andare a vedere:
    http://www.francescoamodeo.it
    E’ chiaro che in europa siamo in mano ad una banda di farabutti che sta massacrando i Popoli a vantaggio di banche e finanziarie e se qualcuno dice che non è vero, allora dica perché ci troviamo in questa situazione grottesca in cui la gente, vedi Parigi, deve scendere in piazza per difendere il suo tenore di vita.
    Forse qualcuno non sa che invece di chiamarlo governo del cambiamento, quello della Lega e M5S, si dovrebbe chiamare il governo della libertà !!!!
    Ecco perché sono contro ogni forma di partito. Si finisce per perdere la ragione in nome di un partito politico che finisce sempre per annullare le menti e farti annebbiare la ragione per partito preso anche contro l’evidenza o addirittura arrivando a negare la realtà.
    WSM

Leave a Comment